Cosa Vedere a Milano

A Milano il più delle volte si va per lavoro o per assistere a qualche evento, tuttavia anche in questo caso potrebbe essere utile una guida su cosa vedere a Milano in quanto questa città, come molte altre nel nostro paese, ha davvero tantissime attrazioni e luoghi da non perdere.

Pronto allora a scoprire cosa visitare a Milano? Sappi che la nostra guida è diversa da tutte le altre in quanto il nostro obiettivo è prima di tutto quello di darti dei consigli utili su quelle che sono le 50 cose assolutamente da non perdere quando ti trovi a visitare una località.

Abbiamo scelto di includere Milano fra le mete del nostro blog non solo perché probabilmente è una delle città più ricche di eventi, fiere, concerti e manifestazioni del nostro paese, ma anche perché grazie all’esperienza “EXPO” essa è oggi una delle destinazioni di viaggio più gettonate da turisti italiani ed esteri.

Ecco dunque di seguito l’elenco delle 50 cose da vedere a Milano che di sicuro dovrai includere nel tuo itinerario durante un soggiorno in questa città.

1. Castello Sforzesco

Castello Sforzesco MilanoIniziamo il nostro elenco da quello che forse è il simbolo di Milano: il Castello Sforzesco.

Sapevi che oltre ad essere stata la residenza di due delle più grandi famiglie milanesi, i Visconti e gli Sforza, esso è anche uno dei castelli più grandi e maestosi di Europa?

Più volte ristrutturato sia per fare fronte ai danneggiamenti provocati dalle guerre, sia per renderlo più in linea con il gusto dei suoi possessori (il Castello è stato infatti abitato da vari dominatori) esso oggi appare in forma smagliante dopo l’imponente ricostruzione avvenuta alla fine del 1800 per mano dell’architetto Luca Beltrami e alcuni interventi più recenti.

2. Duomo di Milano

Duomo di MilanoSe ti trovi a Milano, da vedere assolutamente è lo splendido Duomo in stile “gotico fiorito” che si trova sull’omonima piazza, vicino alla Galleria Vittorio Emanuele II.

La struttura a 5 navate, di lunghezza 158 m e larghezza 93, ne fa una delle cattedrali più maestose ed imponenti del mondo (seconda forse solo a San Pietro in Vaticano) alla cui fama contribuisce anche la bellezza della facciata.

Svettante soprattutto in altezza (raggiunge circa i 108 metri in totale), nel punto più alto è stata collocata a protezione della città una Madonnina in rame, alta circa 4 metri, che insieme al Duomo stesso è divenuta simbolo della città.

3. Palazzo Reale di Milano

Palazzo Reale MilanoSu Piazza Duomo si affaccia un altro edificio assolutamente da vedere che è il Palazzo Reale.  Le sue origini risalgono al Medioevo, periodo in cui venne costruito il nucleo centrale per ospitare il Broletto, vale a dire il governo della città.

In seguito vi soggiornarono tutti i signori alla reggenza del Ducato, dai Torriani, ai Visconti, agli Sforza, per finire poi in mano agli spagnoli e agli austriaci.

Dato che una parte del Palazzo necessita di interventi strutturali esso non può essere visitato integralmente, ma sono attive al suo interno numerose mostre ed esposizioni permanenti che ne fanno uno dei ritrovi artistici più importanti della città: nelle sue sale infatti sono state esposte opere di artisti del calibro di Monet e Picasso.

4. Museo del Novecento

Museo del Novecento MilanoAll’interno del Palazzo dell’Arengario, in uno spazio adiacente a quello occupato dal Palazzo Reale, con ingresso sempre da Piazza Duomo, si trova la mostra permanente delle opere più importanti del XX secolo e per questo motivo l’esposizione prende il nome di Museo del Novecento.

Fra le opere più famose, “Il Quarto Stato” di Pellizza Da Volpeda, ma anche quadri e statue di Boccioni, Kandinskij, Klee, Marini, Matisse, Modigliani, De Chirico e Sironi.

5. Galleria Vittorio Emanuele II

Galleria Vittorio Emanuele MilanoProprio dirimpetto a Piazza Duomo, si trova la Galleria Vittorio Emanuele II, che se non sai cosa fare a Milano di sicuro questo è il luogo ideale per dare una risposta al tuo problema.

Essa è considerata infatti il salotto buono della città, coi suoi numerosi negozi, boutique, bar e caffè.

Realizzata in stile neorinascimentale, è certamente l’archetipo di molte gallerie commerciali coperte dell’Ottocento (ad esempio la Galleria Umberto I di Napoli).

6. Teatro della Scala

Teatro della Scala MilanoUn altro dei simboli di Milano e dell’Italia tutta nel mondo è il Teatro La Scala, chiamato do solito semplicemente La Scala.

La sua fama è davvero meritata dato che in esso si sono esibiti tutti i principali artisti italiani e stranieri che gravitano intorno al campo della Lirica.

In questo teatro hanno esordito compositori del calibro di Giuseppe Verdi e direttori d’orchestra come Arturo Toscanini, che per molti anni ne è stato anche il direttore artistico.

Ancora oggi, una prima alla Scala è in grado di catalizzare su di sé tutta l’attenzione della stampa e dei media.

7. Palazzo della Ragione

Palazzo della Regione MilanoNelle vicinanze del Duomo, ed esattamente in Piazza dei Mercanti, si trova il Palazzo della Ragione, bell’edificio monumentale eretto intorno al 1200 per ospitare il secondo governo della città.

E’ detto “della Ragione” perché in esso si riunivano commercianti, banchieri e notai per discutere di questioni politiche e commerciali legate allo sviluppo economico della città.

Inoltre, qui erano presentate le cause civili e penali cui i Giudici erano chiamati a “dare ragione”.

Il Palazzo della Ragione, appartenente la Polo Museale Milanese insieme al Palazzo Reale e al Museo del Novecento, oggi è sede di numerose mostre e esposizioni legate all’arte fotografica.

8. Piazza degli Affari e Borsa di Milano

Piazza Affari Borsa MilanoUno dei luoghi da visitare a Milano che si sente spesso nominare in tv e sui giornali è quasi certamente Piazza degli Affari, in cui si trova Palazzo Mezzanotte, sede della Borsa di Milano.

Un particolare che di sicuro non passerà inosservato visitando questa piazza è la presenza, al centro della stessa, di una statua raffigurante un dito medio alzato: realizzata nel 2010 dall’artista Maurizio Cattelan, essa rappresenta un messaggio di protesta verso lo strapotere esercitato dall’Alta Finanza.

Curioso di sapere il nome di questa statua? E’ LOVE, acronimo di  “Libertà, Odio, Vendetta, Eternità”, anche se i milanesi la chiamano simpaticamente “Il dito”.

9. Pinacoteca di Brera

Pinacoteca Brera MilanoChi viene a visitare Milano non può non fare una scappata al Palazzo di Brera, ubicato nell’omonimo quartiere e che da il nome anche alla celebre Pinacoteca.

Questo spazio espositivo, oltre ad ospitare l’Accademia di Belle Arti in cui studiano moltissimi giovani provenienti da tutta Europa, raccoglie moltissime opere celebri dell’altre sia antica sia contemporanea.

Fra le più note, il “Cristo Morto” di Mantegna, famoso per lo studio della prospettiva, e altri capolavori dell’arte veneta e lombarda.

10. Chiesa di Santa Maria delle Grazie

Santa Maria delle Grazie MilanoFra gli edifici religiosi più frequentati dagli stessi milanesi c’è la Basilica di Santa Maria delle Grazie, che ospita ancora oggi un Convento Domenicano.

Molto attivi all’interno della comunità cittadina (la Chiesa si trova in zona Magenta), questi monaci hanno anche un sito, http://legraziemilano.it, in cui documentano e illustrano tutte le loro attività a sostegno dei giovani, dei poveri e delle famiglie.

Da vedere, durante il periodo natalizio, il Presepe che viene allestito ogni anno nella Cappella di S. Giovanni Battista, premiato nel 2014 come raffigurazione della Natività più bella d’Italia.

11. Basilica di Sant’Ambrogio

Basilica Sant'Ambrogio MilanoLa seconda chiesa più importante dopo il Duomo e probabilmente anche la più antica è la Basilica di Sant’Ambrogio, ubicata nella Piazza omonima, le cui origini risalgono al periodo paleocristiano.

Essa si distingue dalla Cattedrale e da molte altre chiese della città per lo stile semplice e lineare, ma non per questo meno bello e spirituale.

Nella cripta sono conservati i resti di Sant’Ambrogio e dei martiri cristiani Gervaso e Protasio.

Davanti la facciata c’è una colonna in pietra detta Colonna del Diavolo in quanto leggenda vuole che Satana, combattendo con Sant’Ambrogio, qui fini col conficcare le sue corna, perdendo il duello.

12. Navigli

Navigli MilanoSe vuoi gustare dell’ottimo risotto alla milanese o bere un bicchiere di buon vino ti consigliamo di visitare la zona dei Navigli, luogo di ritrovo notturno e serale per moltissimi giovani e meno giovani.

La zona, che si trova nei pressi di Porta Ticinese, prende il nome dagli antichi canali creati artificialmente dai milanesi per collegare la città alle zone limitrofe del Lago Maggiore, Lago di Como e Canton Ticino.

13. Porta Ticinese

Porta Ticinese Milano da vedereEsistono in realtà due porte con questo nome: la prima, di origini medievali, è quanto rimane delle antiche  mura milanesi dell’XI secolo e si trova nei pressi delle Colonne di San Lorenzo e dell’omonima basilica; l’altra Porta Ticinese invece, detta anche Porta Marengo,  si trova sulla strada per Pavia e venne realizzata durante il periodo napoleonico con funzione di sbarramento collocato a ridosso del Naviglio Grande, per obbligare al pagamento di dazi tutto coloro che fossero in procinto di entrare in città.

14. Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore

Chiesa di San Maurizio MilanoNel 2015 ha riaperto al pubblico al termine di un lungo e costoso restauro quella che è considerata la “Cappella Sistina” lombarda, vale a dire la Chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore.

Gli interni di questa Basilica, facente parte del complesso ecclesiastico del Monastero Maggiore, destinato ad ospitare l’ordine religioso delle suore benedettine, sono decorati da oltre 4.000 mq di affreschi.

Da segnalare che l’ingresso alla chiesa è gratuito in quanto effettuato grazie alla disponibilità di alcuni volontari del Touring.

15. Basilica di San Lorenzo

Basilica di San Lorenzo MilanoUna delle chiese più antiche di Milano è la Basilica di San Lorenzo, che ingloba al suo interno la Cappella di Sant’Aquilino, considerato il protettore dei facchini in quanto la leggenda racconta che alcuni di loro ritrovarono il suo corpo e lo portarono in San Lorenzo.

16. Colonne di San Lorenzo

Colonne di San Lorenzo MilanoUnica testimonianza della Milano imperiale sono le Colonne di San Lorenzo, situate di fronte all’omonima Basilica e nelle vicinanze della Porta Ticinese medievale.

Si tratta probabilmente dei resti di un antico tempio di epoca tardo romana, anche se i capitelli corinzi visibili sulle colonne sono probabilmente stati collocati lì in epoca successiva.

17. Chiesa di San Bernardino alle Ossa

San Bernardino delle Ossa MilanoUn luogo un po’ macabro ma interessante da vedere è la Chiesa di San Bernardino alle Ossa, ubicata nella centralissima via Verziere, in cui sono conservate le ossa delle persone decedute per cause naturali presso l’antico ospedale della Basilica di Santo Stefano Maggiore.

La particolarità di questo edificio è di avere porte e pareti decorate con resti di ossa e teschi ricavati dall’antico ossario.

18. Chiesa di San Sepolcro

Chiesa di San Sepolcro MilanoNel 2016 è stata finalmente riaperta al pubblico anche la Cripta della Chiesa di San Sepolcro, ubicata sull’omonima piazza.

La storia di questa chiesa si perde davvero nella notte dei tempi, tanto che si pensa sia stata costruita sui resti dell’antico foro romano, la cui pavimentazione marmorea è ben visibile all’interno della volta che ricopre la cripta.

19. Chiesa di San Fedele

Chiesa di San Fedele MilanoUno degli edifici religiosi della città di Milano riservati alla tradizione gesuita è la Chiesa di San Fedele, che si trova in Piazza San Fedele nei pressi del Teatro La Scala.

Nonostante questa chiesa sia andata quasi distrutta durante la seconda guerra mondiale, oggi la comunità dei Padri della Chiesa di San Fedele è una delle più attive della città sia dal punto di vista religioso sia di quello culturale ed artistico.

20. Biblioteca Ambrosiana

Biblioteca Ambrosiana MilanoNata con l’intento del suo fondatore, il Cardinale Federico Borromeo, di fornire “un servizio universale”, la Biblioteca Ambrosiana, che si trova in Piazza San Pio XI, rappresenta davvero una grande risorsa per gli studiosi di numerose discipline.

Al suo interno sono conservati infatti quasi 500.000 opere tra volumi stampati e manoscritti, appartenenti a varie epoche storiche e provenienti da ogni parte del mondo.

21. Museo Poldi Pezzoli

Museo Poldi PezzoliSe non ami particolarmente il trambusto delle grandi sale espositive, ma preferisci un modo più intimo e raccolto di fruire della bellezza dell’arte, fra le cose che ti consiglio di vedere a Milano c’è anche il Museo Poldi Pezzoli.

Si tratta di una Casa Museo, collocata a pochi passi dalla Scala, in cui sono esposte le opere di molti artisti importanti come Piero della Francesca, Sandro Botticelli, Filippino Lippi e Andrea Mantegna, tutte appartenenti alla collezione privata di Gian Giacomo Pezzoli.

22. Chiesa di Santa Maria presso San Satiro

San Satiro MilanoChi ha studiato storia dell’arte ed è rimasto incantato dagli studi rinascimentali sulla prospettiva, non può certo perdersi la Chiesa di Santa Maria, costruita su un precedente piccolo edificio di culto dedicato a San Satiro, da cui prende il nome.

In essa infatti è possibile ammirare il finto coro realizzato da Donato Bramante, meraviglioso esempio di pittura prospettica del XVI secolo.

23. Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia

Museo Scienze e Tecnologia MilanoIntitolato a Leonardo da Vinci, il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, che si trova in via San Vittore vicino all’omonima Chiesa, di cui appunto occupa i locali un tempo adibiti a monastero, è probabilmente il più grande museo tecnico-scientifico di Europa.

E nonostante l’Italia sia spesso accusata di essere un Paese a prevalente cultura umanistica, esso viene visitato ogni anno da oltre 500.000 persone.

Ti consiglio di andarci solo per vedere la più grande collezione di modelli e disegni tecnici del grande Leonardo.

24. Chiesa di San Vittore a Corpo

Chiesa di San Vittore MilanoPur essendo una chiesa minore, la Basilica di San Vittore a Corpo, eretta per conto della comunità di Olivetani che risiedevano nell’adiacente monastero, è quasi certamente uno dei più belli esempi di edificio religioso tardo rinascimentale, soprattutto per la ricercatezza delle decorazioni interne.

Il suffisso “a corpo” si pensa sia legato al fatto che essa sorge sui resti di antichi cimiteri cristiani.

L’ingresso alla Basilica è gratuito, in quanto il servizio visite è offerto da volontari del Touring.

25. Museo Bagatti Valsecchi

Museo Bagatti Valsecchi MilanoUna perla all’interno del quartiere più chic di Milano, Montenapoleone. Si tratta del Museo Bagatti Valsecchi, dimora storia inserita nel circuito delle Case Museo di Milano e probabilmente uno degli edifici del suo genere più rappresentativi e meglio conservati di Europa.

A suo interno puoi ammirare oggetti d’arte e d’arredo di origine rinascimentale e neorinascimentale raccolti alla fine del 1800 dai fratelli Fausto e Giuseppe Valsecchi.

26. Via Montenapoleone

Via Montenapoleone MilanoChi viene a visitare Milano non può certo non fare un tuffo in quello che è considerato l’emblema del Mady in Italy: Via Montenapoleone, con i suoi locali e le sue boutique, è il punto centrale da cui si dirama il famoso “Quadrilatero della Moda”, ritenuto patria della borghesia milanese.

L’intera area fu anche teatro di episodi storici molto importanti, come le “Cinque Giornate di Milano”, moto insurrezionale di matrice liberale che contribuì a mettere fine al gioco austriaco.

27. Basilica di San Babila

Basilica San Babila Milano
Una chiesa dall’aspetto sobrio è la Basilica di San Babila, che si trova nell’omonima piazza a due passi dalla zona centrale e da via Montenapoleone.

Come si legge sull’insegna del portale, la chiesa è dedicata “ai Santi Babila vescovo e tre fanciulli” in quanto leggenda vuole che il vescovo Babila morì martire per mano di Decio per aver rifiutato l’ingresso nel tempio all’imperatore Filippo.

Insieme a lui furono uccisi anche tre giovani a lui affidati per la conversione al culto cattolico.

28. Rotonda della Besana

Rotonda della Besana MilanoLuogo di eventi e iniziative per adulti e bambini è la Rotonda della Besana, o più propriamente Rotonda di via Besana, complesso tardo barocco costituito dalla chiesa di San Michele ai Nuovi Sepolcri.

Qui si trovano un giardino pubblico, sale espositive per mostre e proiezioni, un giardino pubblico e da qualche anno è sede anche del primo Museo dei Bambini della città di Milano.

29. Chiesa di San Gottardo in Corte

San Gottardo MilanoRecenti interventi di restauro realizzati dalla Fabbrica del Duomo hanno restituito al pubblico un’altra delle più antiche chiese di Milano, la Chiesa di San Gottardo in Corte, in cui solo nella parte esterna è ancora visibile parte dell’originaria struttura trecentesca.

Circa il nome attribuito alla Chiesa i milanesi raccontano questo aneddoto: pare che in origine essa dovesse essere intitolata alla Vergine, ma prima della fine di lavori, il committente dell’opera, il Duca Azzone Visconti, malato di gotta, decide appunto di dedicarla a San Gottardo.

30. Chiesa di Santa Maria della Passione

Santa Maria Della Passione MilanoEcco uno dei luoghi da visitare a Milano per chi è amante della musica sacra: si tratta della Chiesa di Santa Maria della Passione, bell’esempio di architettura barocca.

Al di là dei tanti ornamenti e delle numerose opere pittoriche presenti all’interno, questa chiesa si distingue per la forte tradizione musicale, è infatti l’unica ad essere dotata di due organi dialoganti posti uno di fronte all’altro.

Per questo motivo la struttura rientra nelle pertinenze del Conservatorio Musicale Giuseppe Verdi.

31. Cimitero Monumentale

Cimitero Monumentale MilanoI milanesi lo chiamano affettuosamente “Il Monumentale” e in esso riposano in pace artisti come Alessandro Manzoni, Salvatore Quasimodo e Arturo Toscanini.

Inaugurato nel 1866, esso nasce proprio con l’intento di diventare un punto di riferimento della “milanesità, un luogo di memorie civiche e come tale dedicato non solo ai dolenti ma ad un pubblico più ampio”.

All’ingresso principale, puoi ammirare il Famedio, una costruzione in marmo riservata alla sepoltura di personaggi illustri.

32. Planetario Civico Hoepli

Planetario Hoepli MilanoLa Casa Editrice Hoepli ha donato nel 1929 alla città un planetario, ribattezzato come Planetario Civico Hoepli. Gestito dal Comune di Milano, presso questa struttura, una delle più grandi del suo genere in Europa, si organizzano molti eventi di divulgazione sia per i ragazzi delle scuole, sia per adulti desiderosi di approfondire le proprie conoscenze di pianeti e costellazioni.

33. Corso Buenos Aires

Corso Buono Saires MilanoE’ quasi certamente la strada più trafficata della città, un vero e proprio centro commerciale a cielo aperto: stiamo parlando di Corso Buenos Aires, strada che collega Piazza Venezia a Porta Loreto.

I negozi presenti in quest’area solo circa 400 e si calcola che in media di qui passino più centomila persone al giorno provenienti sia dalla città che dalle aree limitrofe.

34. Teatro Puccini

Teatro Puccini MilanoMilano oltre che capitale della moda è spesso apripista anche di nuove iniziative culturali, come quella del Teatro dell’Elfo, compagnia teatrale animata da personaggi come Gabriele Salvatores ed Elio Capitani, la cui sede dal 2010 è presso il Teatro Puccini di Corso Buenos Aires.

Se ti trovi a Milano quando è previsto uno degli spettacoli in calendario ti consigliamo di non lasciartelo scappare: le tre sale del Puccini sono infatti fra le più moderne e tecnologicamente avanzate di Europa.

35. Museo Civico di Storia Naturale

Museo civico di Storia Naturale MilanoUn bel palazzo in stile neoclassico che si affaccia su Corso Venezia ospita il Museo Civico di Storia Naturale, uno dei più grandi del suo genere in Europa, che dispone di reperti naturali appartenenti a ben 6 discipline, dalla botanica, all’entomologia, mineralogia, paleontologia, zoologia dei vertebrati e degli invertebrati.

Visitare questo museo è di sicuro un’esperienza piacevole non solo per il gran numero di reperti conservato, ma anche per le numerose attività divulgative e didattiche da esso portate avanti anche nei confronti di un pubblico di non esperti.

36. Torre Branca

Torre Branca MilanoAlcune monumenti della città di Milano sono strettamente legati anche alla storia della televisione italiana.

E’ il caso della Torre Branca, in origine Torre Littoria, una torre in metallo realizzata in occasione della V Triennale di Milano.

Il monumento, alto più di 100 metri, si trova ancora nel Parco del Sempione e per lungo tempo ha ospitato i ripetitori di trasmissione dei media radiotelevisivi italiani.

Dopo una parentesi di circa 30 anni (dal 1972 al 2002) la Torre è tornata ad essere visitabile tramite un modernissimo impianto di ascensori che conduce fino alla cima.

37. Parco Sempione

Parco Sempione MilanoVicino al Castello Sforzesco, in un’area prima occupata dalla Piazza d’Armi, sorge uno spazio verde attrezzato che prende il nome di Parco Sempione.

Come struttura, esso si ri fa ai modelli di parco all’inglese e al suo interno possiede anche Biblioteca, un’Arena Civica e un acquario ancora attivi.

Durante il periodo di Carnevale ospita anche un luna park, diventando luogo di ritrovo per numerose famiglie con bambini.

38. Grattacielo Pirelli

Pirellone MilanoNell’elenco di cosa vedere a Milano non possono mancare esempio di architettura del 900, come ad esempio il Grattacielo Pirelli, chiamato anche il “Pirellone”, in cui ha sede l’ente regionale lombardo.

Fino al 1966, con i suoi 127,10 m di altezza ha detenuto anche il primato di grattacielo più alto di Europa, per essere poi spodestato dalla Tour Midi di Bruxelles.

39. Porta Romana

Porta Romana MilanoA testimonianza dell’antica divisione in sestieri della città di Milano, c’è anche un’altra porta appartenente al vecchio tracciato delle mura romane e medievali: si tratta di Porta Romana, che sorge sulla via che anticamente conduceva a Lodi.

Sull’origine di questa porta si raccontano molte leggende: secondo taluni, la caratteristica forma a cuore che presero le mura spagnole dopo la costruzione, nel 1596, di Porta Romana, era voluta dallo stesso appaltare dell’opera, Filippo III di Spagna, per fare un regalo di nozze alla propria moglie.

Altri raccontano che dentro la stessa porta abitasse il Diavolo, impersonificato dal marchese Ludovico Acerbi, personaggio eccentrico che aveva un palazzo nelle vicinanze.

40. Gam o Galleria di Arte Moderna

Galleria di Arte Moderna MilanoUn altro museo che è sicuramente fra le cose da visitare a Milano è il Gam o Galleria di Arte Moderna che si trova all’interno della Villa Reale in via Palestro.

In essa sono custodite opere di molti autori eccellenti dell’Ottocento e del Novecento, fra cui Hayez, Van Gogh, Manet, Boccioni, Balla e Gauguin.

41. Torre Velasca

Torre Velasca MilanoUn altro grattacielo celebre di Milano è la Torre Velasca, realizzata negli anni 50’ su un’area che era stata completamente devastata dai bombardamenti angloamericani durante la guerra.

Con la sua caratteristica forma a fungo, essa domina dall’alto sulla città: per quanto siano molti i suoi detrattori, essa è di sicuro il simbolo di una volontà di rinascita, tanto che la ditta costruttrice la costruì in tempi da record mettendoci addirittura una settimana meno di tempo rispetto a quello stabilito dal programma iniziale dei lavori.

42. Museo del Risorgimento

Museo del Risorgimento MilanoMilano è stata senza dubbio una delle città protagoniste del Risorgimento Italiano, cui è dedicato infatti un museo. Ubicato all’interno del settecentesco Palazzo Moriggia in via Borgonuovo, il Museo del Risorgimento milanese contiene documenti, armi, stampe, dipinti e altri manufatti che documentano questo particolare capitolo della storia patria.

Numerosi ovviamente i reperti relativi alle Cinque Giornate di Milano, fra cui la campana che dalla torre di Piazza dei Mercanti veniva usata per chiamare  a raccolta il popolo durante le sommosse.

43. Bovisa

Bovisa MilanoBovisa è il nome di un’antica cascina agricola che nella seconda metà del 1800 venne inglobata nel Comune di Milano, di cui tutt’ora rappresenta un popolato quartiere.

La zona merita un’attenzione particolare perché rappresenta uno dei rari tentativi nel nostro paesi di recuperare e riqualificare una zona industriale dismessa, utilizzando come catalizzatori un’istituzione scolastica quale il Politecnico di Milano e una struttura destina nata ad ospitare mostre ed eventi quali la Triennale Bovisa o TBVS.

44. Teatro degli Arcimboldi

Teatro Arcinboldi MilanoInaugurato nel gennaio 2002 con una rappresentazione della Traviata, il modernissimo Teatro degli Arcimboldi (TAM) è il secondo teatro di Milano per quanto riguarda il settore della Lirica.

Nato per ospitare le opere durante i lavori di ristrutturazione della Scala, oggi in calendario sono proposti però anche numerosi eventi legati alla danza, al jazz, al blues e alla musica pop.

45. Arena Civica

Arena CivicaUno degli spazi polifunzionali più suggestivi della città, ubicato fra il Castello Sforzesco e Parco Sempione, dove un tempo sorgeva la Piazza d’Armi, è l’Arena Civica, dal 2002 intitolata a Gianni Brera.

Esso ha la forma di un anfiteatro ellittico, molto simile a quella di antico circo romano. Usato in passato anche per rappresentazioni teatrali e spettacoli circensi, in tempi più recenti ha ospitato quasi esclusivamente partite di calcio sia dell’Inter sia del Milan.

Allo stato attuale l’Arena, oltre a numerosi altri sport, ospita invece il Campionato di Calcio di Eccellenza, ma rimane comunque uno dei tempi sacri del calcio milanese.

46. Bosco Verticale

Bosco Verticale MilanoDa un’idea dell’architetto Stefano Boeri nasce un complesso residenziale ispirato alla natura e al verde, ma con la struttura di un vero e proprio grattacielo. E’ il Bosco Verticale, che si trova in via Confalonieri, all’interno del quartiere residenziale Isola.

In realtà, si tratta non di uno ma di due edifici comunicanti, la Torre De Castillia e la Torre Confalonieri, alte rispettivamente 111 e 78 metri.

Sull’esterno delle due strutture sono dislocate oltre 2000 specie arboree, alcune delle quali provenienti da altre parti del mondo per favorire la biodiversità animale e vegetale.

Nel 2015 il Bosco Verticale si è aggiudicato il premio di grattacielo più bello e innovativo del mondo.

47. Stadio Meazza

Stadio Meazza San SiroE’ il più grande Stadio d’Italia per estensione e capienza e in esso giocano due delle squadre di calcio più volte Campioni d’Italia, l’Inter ed il Milan.

Stiamo parlando dello Stadio Meazza, detto anche San Siro per il nome del quartiere in cui si trova.

Annesso allo stadio, c’è anche un museo che ripercorre la storia delle due società di calcio milanesi.

48. Ca’Granda

Ca Granda Università MilanoA Milano ci sono varie università, sia statali sia private, come l’Università Commerciale Luigi Bocconi e la Libera Università di Lingue e Comunicazione (IULM).

Quella più frequentata è probabilmente l’Università degli Studi di Milano, la cui sede principale è all’interno dell’edificio barocco della Ca’ Granda, commissionato da Francesco Sforza all’architetto Filarete a metà del 1400.

Fino alla seconda guerra mondiale lo stesso edificio ha ospitato il più grande e innovativo ospedale d’Europa, da cui il nome.

49. Triennale Design Museum

Triennal Museum MilanoGli spazi espositivi presenti a Milano sono tantissimi e non poteva certo mancare quello dedicato al Design.

Esso si trova all’interno del Palazzo dell’Arte di Viale Alemagna ed è stato fondato nel 2007 dalla Triennale di Milano per dare il giusto valore al design italiano, compreso quello industriale.

Il concetto con cui è realizzato questo spazio è quello del museo che cambia per fare spazio, ogni tre anni, a tutte le nuove suggestioni dell’italian style.

50. Fiera di Milano

Fiera Milano CityUltimo della nostra lista di cosa vedere a Milano è lo spazio  espositivo di Fiera Milano che si estende tra comuni di Rho e Pero, alle porte della città.

Il nuovo polo sostituisce quello vecchio ubicato nella zona del Sempione ed è un valido esempio di riqualificazione urbana in quanto sorge sui resti di ex raffineria Eni.

Probabilmente ti sarà capitato qualche volta di andarci per lavoro, ma ti consigliamo almeno una volta di partecipare a qualche evento per puro piacere al fine di godere dei tanti servizi offerti da questa area.

Le occasioni non mancano dato che in calendario ogni anno sono previsti circa un centinaio di eventi che spaziano dalla moda all’arredamento, viaggi, cibo, elettronica, servizi e molto, molto altro ancora.

Come si evince dal nostro elenco delle 50 cose da vedere nel Capoluogo Lombardo, Milano è una città instancabile, viva di giorno quanto di notte.

Questo la rende molto simile a molte capitali Europee, a cui è molto vicina anche per cultura, tradizioni e stile di vita.

La sua popolazione è ormai molto eterogenea (si calcola che gli stranieri che vivono qui siano oltre il 20 per cento, provenienti da 135 nazionalità diverse) quindi girando per le sue strade e le sue piazze potrai sentirti davvero cittadino del mondo, a prescindere di quale sia la tua località di provenienza.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here