Come diventare broker assicurativo
data-full-width-responsive="true">



Perché e come diventare broker assicurativo?

In Italia operano oltre 100 imprese di assicurazione nazionali e altrettante estere con circa 250.000 intermediari per un totale di oltre 140 miliardi di euro di premi raccolti (dati IVASS 2018).

Questo mi sembra un motivo più che valido per valutare la possibilità di trovare un impiego in questo settore in qualità di agente o broker assicurativo, figura che si occupa della vendita di servizi assicurativi a privati od aziende, agendo come mediatore autorizzato per conto di una o più compagnie di assicurazioni.

Cosa fa il broker assicurativo?

Nel concreto, un broker assicurativo gestisce un proprio portafoglio clienti e si occupa di acquisirne di nuovi fornendo consulenza e proponendo loro la stipula di polizze nel ramo danni (RC auto e assicurazioni sulla casa) o nel ramo vita (assicurazioni sanitarie, di previdenza complementare o formule di risparmio) oppure entrambe.

Un agente assicurativo può essere infine sia di tipo monomandatario, quindi lavorare per un’unica società assicurativa, sia di tipo plurimandatario, quindi lavorare per più compagnie. Entrambi però operano come liberi professionisti e non come dipendenti della compagnia o delle compagnie per cui fungono da intermediari.

Il livello di carriera più basso è rappresentato dall’agente assicurativo junior, mentre quello più alto dal direttore di agenzia, vero e proprio imprenditore che gestisce sul territorio un’agenzia assicurativa.

Ma non è tutto perché un agente assicurativo può in alcuni casi aspirare a dare carriera all’interno della stessa compagnia divenendo dipendente e successivamente ambire a ruoli di manager.

Insomma quello del brokeraggio assicurativo è di sicuro un settore che offre grandi opportunità a chi è alla ricerca di una professione dinamica e remunerativa. Se dunque stai cercando informazioni su come diventare assicuratore sei capitato proprio nel posto giusto.

Come si diventa broker assicurativo

Diventare broker assicurativo richiede ovviamente il superamento di alcuni step.

In primo luogo è richiesto il possesso di un diploma, preferibilmente di istituto tecnico commerciale, oppure di una laurea ad indirizzo giuridico/economico.

Dopodiché è necessario fare un’esperienza sul campo lavorando all’interno di un’agenzia assicurativa come consulente assicurativo junior.

In genere, prima di cominciare a proporre le polizze e i pacchetti assicurativi ai clienti, è la stessa compagnia che si occupa di formare i neo agenti attraverso un percorso di formazione interna. Durante il periodo formativo vengono fornite sia conoscenze pratico- teoriche relative alle tecniche di vendita sia informazioni circa i prodotti e i contratti venduti dall’agenzia.

Infine per poter diventare assicuratore a tutti gli effetti occorre essere iscritti al RUI, il registro intermediari assicurativi gestito dall’IVASS in cui sono contenuti tutti i dati relativi a chi svolge attività di intermediazione assicurativa e riassicurativa sul territorio italiano, residenti o con sede legale in Italia.

Per conseguire l’iscrizione a questo registro come agente o broker assicurativo è necessario superare una prova od esame di idoneità.

Tale prova viene indetta dall’IVASS almeno una volta l’anno con provvedimento pubblicato in Gazzetta Ufficiale, nel Bollettino e nel sito internet dell’Istituto di vigilanza per le assicurazioni.

Per partecipare alla prova, che prevede un esame scritto con quesiti a risposta multipla e un esame orale, bisogna possedere un titolo di studio non inferiore al diploma di istruzione secondaria superiore.

Le materie oggetto dell’esame per diventare un assicuratore sono:

  • Diritto delle assicurazioni;
  • Disciplina della previdenza complementare;
  • Disciplina dell’attività di agenzia e di mediazione;
  • Tecnica assicurativa;
  • Disciplina della tutela del consumatore;
  • Nozioni di diritto privato e tributario.

La prova è ritenuta superata qualora il candidato riporti un punteggio non inferiore a 60 su 100 nell’esame scritto e nell’esame orale. A valutare i futuri broker in sede di esame sono in genere agenti e funzionari IVASS e docenti universitari in diritto privato, diritto civile, diritto commerciale, diritto delle assicurazioni.

Per accedere all’esame è richiesto inoltre il versamento di una tassa governativa di 168 € e una volta iscritti occorre pagare un contributo annuale obbligatorio di registrazione.

Quali sono i corsi necessari per diventare broker assicurativo

Fra i requisiti per diventare broker assicurativo non sono richiesti la laurea o un percorso di studi a specifico visto che per l’iscrizione al RUI basta aver conseguito un qualunque diploma.

Tuttavia, aver frequentato un percorso universitario in ambito economico e/o giuridico rappresenta senza dubbio una facilitazione per intraprendere questo tipo di carriera.

Tra i vari tipi di percorsi accademici possibili ci sono le lauree in Giurisprudenza, Scienze economiche, Economia e Finanza.

Per quello che concerne poi le competenze specifiche, queste come ho detto nel paragrafo precedente vengono di solito fornite dalla stessa compagnia durante il periodo di formazione iniziale. Anche l’esperienza diretta sul campo a fianco di un agente assicurativo senior contribuisce di solito ad arricchire le proprie capacità pratiche per lo svolgimento dell’attività.

Cosa serve per diventare broker assicurativo

Se vedi con attenzione un intermediario assicurativo cosa fa ti rendi subito conto che di tratta di un ruolo molto delicato ed importante basato essenzialmente sulla creazione di un rapporto di fiducia coi propri clienti i quali di solito si affidano a lui per risolvere un problema o trovare una soluzione ad una situazione specifica.

Le mansioni dell’agente assicurativo non includono infatti solo il vendere prodotti e servizi assicurativi nella propria zona di competenza ma anche l’identificare le esigenze dei propri clienti stipulando loro polizze di assicurazione appropriate. Nel caso del ramo danni, occorrerà poi in molti casi gestire i casi di sinistro seguendo l’iter burocratico necessario.

Nel contempo, il broker assicurativo dovrà avere anche spiccate doti commerciali al fine di avere sempre un buon flusso di clienti cui proporre le proprie polizze. Per ottenere questo dovrà anche essere sempre aggiornato su tutte le novità del settore.

Se poi l’assicuratore diventa responsabile di agenzia di assicurazioni, fra i suoi compiti ci saranno anche quelli di gestire, monitorare e controllare l’attività dei collaboratori, interagendo nel contempo con la compagnia o le compagnie affidatarie.

Altre competenze richieste all’agente assicurativo possono essere l’avere una buona padronanza dei sistemi informatici, ottime doti relazionali e una flessibilità oraria nella pianificazione degli appuntamenti per adattarsi alle disponibilità di tempo di clienti.

Quanto guadagna un broker assicurativo

Probabilmente ora vorrai sapere quanto guadagna un agente assicurativo.

La prima cosa da dire è che questa figura professionale per la sua attività percepisce un compenso in “provvigioni”, vale a dire una percentuale sulle polizze stipulate, a cui in alcuni casi possono aggiungersi un rimborso spese e/o un fisso mensile.

Lo stipendio medio di un agente assicurativo in Italia è di 1.600 € netti al mese con oscillazioni fra i 1.100 € e i 2.500 netti al mese.

L’esperienza è ovviamente un fattore discriminante. Tra le retribuzioni più basse troviamo infatti quelle relative ai profili junior, mentre gli agenti più avanti con l’attività quali agente assicurativo senior, agente generale o direttore di agenzia hanno in genere retribuzioni più elevate.

Un broker assicurativo a fine carriera che abbia più di 20 anni di esperienza guadagna solitamente non meno di 2.100 € netti al mese.

Vuoi aprire un’agenzia assicurativa? Clicca qui per scoprire come fare!


Aspetta! Scopri 7 idee di business su misura per te!


Cerchi una idea di business che ti renda un vero imprenditore e che ti calzi a pennello?

Quello che ti propongo infatti non è solo un modo per arrotondare, ma per dare vita ad una vera e propria attività commerciale su misura per te.

Scopri 7 idee di business per metterti in proprio






Redazione di Intraprendere
La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here