fare impresa

Vuoi scoprire il segreto per fare impresa?

Non c’è bisogno di una laurea o di un grande in conto in banca, di innumerevoli esperienze lavorative per riuscire a diventare un buon imprenditore. Certo tutti questi fattori possono aiutare, ma molte storie di successo ci hanno insegnato come spesso non sia necessario avere questi pre-requisiti per fare impresa.

Basti pensare a Steve Jobs, o ad altri imprenditori che sono entrati nella storia partendo dal basso e molto spesso senza soldi.

Sono ben altre le caratteristiche che ti permettono di diventare un vero imprenditore e avviare un’impresa di successo. Sicuramente, oltre alla perseveranza e ad una buona idea ciò che permette di mettersi in proprio con successo è la realizzazione di un piano ben preciso, di una serie di azioni che ti possano aiutare ad avviare un’azienda e diventare un imprenditore.

Oggi sono qui per questo, per aiutarti a capire come trasformare la tua idea per fare impresa e avviare una vera e propria attività di successo. Ecco i 12 passi che devi seguire!

1. Fai una valutazione delle tue capacità e idee

La prima domanda che ti devi fare, o meglio le prime domande, sono una vera e propria valutazione di te stesso e soprattutto dell’impresa che vuoi avviare.

Non puoi scegliere di intraprendere questa strada senza avere ben chiari gli obiettivi che vuoi raggiungere e le competenze che hai (o meno) per riuscire a mettere nero su bianco tutte le tue idee.

Certo appena si ha un’idea la prima cosa a cui si pensa è iniziare in fretta per fare soldi il prima possibile. Ma non funziona così!

Quando scegli di avviare un’impresa devi utilizzare ogni momento del tuo tempo libero in modo intelligente, ma non devi avere fretta di arrivare al traguardo, perché spesso quando si ha troppa fretta si perdono dei passi fondamentali.

Tornando a noi, quali sono le domande che devi porti per fare impresa oggi?

La prima domanda che devi porti è:

Perché vuoi avviare un’impresa?

Dopo aver risposto a questa, allora potrai prendere un taccuino e iniziare a rispondere sinceramente ad ognuna di queste domande:

  1. Quali competenze possiedi?
  2. Qual è la tua passione?
  3. Quali sono le tue aree di competenza?
  4. Quanto puoi permetterti di spendere?
  5. Di quanto capitale hai bisogno?
  6. Che tipo di stile di vita vuoi vivere?
  7. Sei pronto a diventare un imprenditore?

Ovviamente nel rispondere a tutte queste domande sii brutalmente onesto con te stesso.

2. Pensa a un’idea di business

Hai già un’idea per avviare la tua impresa? Allora sei già uno se non due passi avanti!

Se così non fosse, allora devi iniziare a fare una vera e propria azione di brainstorming per riuscire ad avere una buona idea, una redditizia e che si diversifichi da quelle che al momento sono già presenti o avviate con successo.

Per fare impresa la prima cosa per trovare la tua idea di business è pensare al prossimo. Devi pensare a soddisfare un bisogno, una necessità, un problema, un desiderio. Dopo aver capito ciò allora sicuramente sarai sulla buona strada per affinare la tua idea imprenditoriale.

Ricorda che la gente preferisce avere sempre cose più belle, più prestanti, più forti, e meno difettose, quindi la tua idea imprenditoriale potrebbe essere anche una miglioria di un prodotto già esistente.

La tua idea di business dev’essere anche inerente al campo in cui sei competente. Costruire un robot funzionante può essere una buona idea per un esperto di robotica, ma non per un letterato. Quindi guarda le risposte che hai dato in precedenza e trova qualcosa di innovativo nel tuo campo di competenza.

Un altro aspetto che puoi valutare per una nuova idea imprenditoriale è un approccio migliore a qualcosa di preesistente. Ad esempio, puoi provare a rendere un prodotto più veloce, più economico, o entrambi, creare un’offerta migliore o più convincente.

Insomma, c’è sempre lo spazio per una nuova idea di business, l’importante è saper scegliere la migliore e più adatta a te!

Non riesci ancora ad avere un’idea?

Fai subito il quiz di Intraprendere per trovare l’idea di business su misura per te!

3. Fai una ricerca di mercato

Nessuna idea imprenditoriale può ottenere il giusto successo se non si fa una ricerca di mercato. Una volta che hai scelto il business giusto su cui puntare devi iniziare a studiare la tua concorrenza, capire quali possano essere i tuoi eventuali partner sul mercato.

Inizia a condurre delle interviste o dei sondaggi a un gruppo di persone potenzialmente in target, per capire come creare un servizio efficiente, come dare veramente agli utenti, ai futuri clienti, ciò di cui hanno bisogno.

Quando fai una ricerca o indagine di mercato devi ricordarti di fare sempre più ricerche, di utilizzare sia le risorse online sia quelle offline, esamina sempre persone potenzialmente in target e soprattutto persone che non conosci.

Per approfondire:

4. Ottieni dei feedback

Adesso che hai capito i bisogni e le opzioni che possono migliorare la tua idea imprenditoriale, mettila nero su bianco, e adesso cerca di impostarlo in modo tale da poterlo farlo scoprire alle persone, di permettergli di interagire con la tua idea.

Queste persone, che proveranno o capiranno per prime il tuo prodotto devono poterti dare un consiglio sincero.

La loro opinione dev’essere senza filtri, perché grazie ai loro appunti potresti scoprire alcuni problemi che potresti non aver visto da solo.

Sicuramente, le prime persone che interpellerai e che ti aiuteranno a far partire la tua impresa, diventeranno anche i più ardui sostenitori del brand, specie se apprezzano il prodotto.

Avere dei feedback può essere molto difficile da gestire, perché la tua idea è un pò come un figlio e vedere messi in luce i punti negativi, o ricevere dei commenti non positivi e delle critiche può essere difficile da sopportare.

Allora come gestire i feedback negativi sulla tua futura impresa?

  1. Ringrazia sempre le persone che ti danno un giudizio, anche quando è negativo, anzi incoraggiali a essere sempre sinceri anche in futuro.
  2. Non dare ascolto indistintamente a tutte le recensioni negative, spesso un’idea può non piacere ad alcune persone.
  3. Se molti commenti negativi sono tutti su uno specifico aspetto della tua idea, allora rivaluta quel punto e cerca di comprendere perché non funziona.
  4. Fai delle domande per capire esattamente perché a qualcuno non piaceva qualcosa e cerca una soluzione per migliorare
  5. Per aiutarti a gestire i feedback negativi puoi scegliere di optare anche per un muro dei commenti positivi, una bacheca dove leggere tutti i feedback di coloro a cui piace la tua idea

5. Inizia l’iter burocratico

Certo l’idea è importante e anche capire se questa può funzionare o meno ma devi anche preoccuparti di iniziare a impostare la tua impresa, devi aprire l’attività rendere ufficiale il percorso che stai intraprendendo.

Quindi la prima cosa che dovresti fare è andare da un commercialista e comprendere come puoi muoverti in questo settore, se hai la possibilità di chiedere un prestito d’onore, oppure se ci sono delle agevolazioni alle quali poter accedere.

Informati su eventuali permessi, se c’è bisogno di registrare il marchio della tua attività, ecc…

Le pratiche burocratiche per l’avvio di un’impresa possono essere davvero difficili da gestire ma ti serviranno sia ad ufficializzare il tuo progetto e al contempo a ottenere tutte le informazioni necessarie ad avviare realmente la tua impresa.

Per approfondire:

6. Crea un business plan

Non puoi fare impresa senza avere un buon business plan. Questo piano di azione è davvero molto importante per iniziare a dare vita alla tua idea imprenditoriale.

Un buon business plan strutturato non dev’essere lungo quanto un libro, ma si deve inglobare in un testo breve, di circa 10 pagine tutti i punti essenziali della tua strategia, compresi di stime di guadagno e impostazione del budget iniziale.

Per creare un buon business plan dovresti:

  • Realizzare un frontespizio inserendo il nome della tua impresa, e il logo se lo hai.
  • Creare una sintesi, questa pagina include l’intero spirito della tua idea imprenditoriale, deve riassumere il piano d’azione e devi descrivere la forma della tua società, ma anche segnalare i problemi che l’azienda sta cercando di risolvere.
  • Fare una descrizione specifica dell’attività, individuazione del settore e descrivere i tuoi piani per il futuro.
  • Delineare la strategia di mercato, qual è il mercato di riferimento? Qual è il target a cui ti riferisci?
  • Analisi dei competitor. Cosa fa la concorrenza? Come puoi offrire un servizio migliore del loro?
  • Progettazione e piano di sviluppo: come potrai sviluppare il tuo progetto? Qual è il budget di cui hai bisogno?
  • Come gestire l’azienda? Quali sono le operazioni che devi fare ogni giorno per raggiungere i tuoi obbiettivi?
  • Finanze: hai già i soldi per avviare la tua impresa? Devi chiedere un prestito? Se sì, a chi? Come e quanto devi chiedere?

Questi sono sicuramente gli aspetti principali che ti permetteranno di sviluppare un buon business plan, ma anche di capire come riuscire ad avviare e fare impresa in modo corretto e produttivo.

Per approfondire:

7. Fare impresa: come ottenere i finanziamenti per il tuo business?

Ci sono tanti modi differenti per riuscire a ottenere le risorse necessarie all’avvio di un’attività. Certo cercare un investitore all’inizio può sembrare davvero difficile, ma se la tua idea è buona, allora riuscirai a convincere qualcuno a finanziare la tua idea.

Ma vediamo quali possono essere le soluzioni principali per avviare il tuo business e fare impresa:

  1. Autofinanziarti: avvia il tuo progetto man mano, impiegando i soldi che guadagni dal tuo lavoro come dipendente.
  2. Chiedere un finanziamento o prestito personale, o un prestito per le imprese a una banca. In questo caso dovrai addurre delle garanzie come: uno stipendio a tempo indeterminato, un garante con stipendio fisso, oppure accendere un’ipoteca su un’immobile di proprietà.
  3. Cercare un finanziatore mediante il crowfounding. Il Crowfounding prevede la proposta di un’idea e l’impostazione di un budget da raggiungere. Mediante questa piattaforma gli utenti possono scegliere di donarti una somma a loro piacere sino a quando non raggiungi il budget previsto. Questo sistema è molto in voga online, dove è possibile trovare varie piattaforme di crowfounding.
  4. Chiedere un prestito d’onore. Invitalia è l’ente che gestisce l’emissione del prestito d’onore a fondo perduto. Per accedere a questa forma di finanziamento devi partecipare a un bando di concorso, rispettando i requisiti richiesti, dopodiché, se la richiesta viene accettata, avrai un 10% della somma offerta a fondo perduto. Mentre il resto della cifra andrà corrisposta a rate mensili con l’applicazione di un basso tasso di interesse.
  5. Trovare un Financial Investor, ossia una persona che va alla ricerca di progetti interessanti da poter finanziare con i suoi soldi richiedendo un ritorno in percentuale sui guadagni dell’attività.

Per approfondire:

8. Sviluppa il tuo prodotto o servizio

Questo è sicuramente uno dei punti più importanti per fare impresa e per avviare la tua attività! Devi provvedere a sviluppare la tua idea! Quando entrerai nella fase dello sviluppo sicuramente ti sentirai emozionato e non vedrai l’ora di metterti al lavoro.

Ma naturalmente devi prendere in considerazione l’interezza della tua idea di business e comprendere al meglio quali sono le fasi di realizzazione.

Se hai bisogno del supporto di un professionista dovrai cercare la figura più adatta a sostenerti.

In base all’idea che devi realizzare cerca di trovare gli strumenti più adatti e di concentrarti principalmente su due aspetti quali semplicità e qualità.

Ma devi anche fare una lista di controllo che ti permetta di fare un check di tutte le attività da svolgere per raggiungere il tuo obbiettivo.

Se devi assumere delle persone che ti aiutino nello sviluppo del tuo progetto ricorda di puntare sempre su professionisti e specialisti del settore ed evita di affidarti invece a figure generaliste. Infine, assicurati di seguire sempre un piano ben preciso e di non perdere mai i progressi della tua attività e di sorvegliare al meglio ogni singola operazione.

9. Inizia a costruire la tua squadra

Come ti ho già anticipato per riuscire a fare impresa e realizzare al meglio la tua idea dovrai obbligatoriamente avvalerti di collaboratori e di una squadra che possa sostenerti al meglio.

Se hai bisogno di un dipendente, di un libero professionista, di un partner, oppure di più dipendenti o di una segretaria, di un comparto amministrativo devi scegliere delle persone il più possibile affidabili.

Fare i colloqui, trovare la giusta persona non è semplice, affidare parte della tua idea a qualcuno che non conosci potrebbe essere altamente complesso. Quindi come puoi riuscire a trovare dei collaboratori? Come creare una squadra che ti supporti verso la strada del successo?

L’unico modo è avviare una ricerca delle figure professionali di cui necessiti, leggere i curriculum, fare una valutazione delle loro capacità e infine affrontare i colloqui. In alternativa puoi decidere di affidarti “alle mani” più esperte e professionali di una agenzia interinale.

Dopo aver creato la tua squadra devi creare un’identità aziendale.

I tuoi dipendenti devono essere in grado di vivere in un clima positivo, devono avere la tua stessa passione, voler crescere insieme a te e volere il bene dell’impresa.

Per approfondire:

10. Trova la giusta location

Se vuoi fare impresa molto probabilmente avrai bisogno di una sede fisica, di un ufficio, di un’azienda o di uno o più negozi. Ma come scegliere la giusta location, quali sono le priorità da prendere in considerazione?

Al fine di trovare la giusta location devi prendere in considerazione:

  • L’aspetto funzionale: di quanto spazio ho bisogno? Dove devo aprire la mia attività? Qual è il punto più adatto per espletare le funzioni di produzione, quelle di vendita o di ufficio?
  • La demografia e il traffico pedonale: ci sono abbastanza abitanti? È importante per me essere vicino a un centro abitato?
  • Concorrenza: certo essere nelle vicinanze della concorrenza a volte può essere positivo, altre invece non lo è, questo è un punto che devi valutare mediante le ricerche di mercato che hai fatto prima di avviare il tuo business.
  • Vicinanza ad altri servizi o beni: devi valutare se hai la necessità di essere vicino ad altre attività, e se queste possano arricchire la qualità del tuo posto di lavoro.
  • Eventuali permessi comunali: devi considerare se hai bisogno di svolgere dei lavori, se devi chiedere dei specifici permessi al comune per l’avvio dell’attività, ecc…
  • Affitto e utenze: infine devi scegliere un locale che possa rientrare nel tuo budget, quindi il fitto mensile e il costo di eventuali allacci a luce e gas, vanno presi in seria considerazione, dato che saranno spese fisse alle quali dovrai far fronte con gli utili della tua impresa.

11. Inizia a vendere

Indipendentemente dal prodotto o dall’impresa che stai mettendo in piedi, il futuro della tua attività dipenderà sempre dalle entrate e dalle vendite che riesci a concludere.

I grandi imprenditori che hanno avuto successo lo sapevano bene, pensa che Steve Jobs inizio a contattare potenziali investitori, quando era ancora nel suo garage e il suo prodotto era sviluppato da poco.

Ma quali strategie di vendita utilizzare? Le possibilità in questo campo sono tantissime, specie se consideri anche le possibilità che oggi derivano dalla vendita e dal marketing online. Qualunque sia la strategia che sceglierai per attirare i clienti, sicuramente ci sono quattro principi che devi tenere sempre in considerazione:

  1. Ascolta i tuoi potenziali clienti. Come affermava l’imprenditore John Rampton: “Ascolta sempre i tuoi clienti, scopri cosa vogliono e di cui hanno bisogno e cerca di comprendere come farlo accadere.”
  2. Non essere invadente, ma nemmeno troppo timido. Devi trovare un giusto equilibrio nel comunicare con la clientela, non devi aver paura di proporre il tuo prodotto ma nemmeno far capire che vuoi a tutti i costi chiudere una vendita.
  3. Non aver paura della parola no. Spesso le persone anche se non sono interessate ad un acquisto ti ascolteranno prima di dire che non vogliono acquistare. Quindi che fare? Sfrutta al meglio il tempo che ti concedono per trasformare il no iniziale, in un potenziale interessamento o in un acquisto.
  4. Creare profitti dev’essere la tua priorità. Certo avere un buon afflusso e numero di richieste è importante, ma lo è ancor di più trasformare il maggior numero possibile di queste in vendite effettive. Sono meglio pochi clienti che acquistano spesso, che molti che chiedono solo informazioni ma poi non comprano nulla.

Per vendere bene, sicuramente dovrai fare diverse azioni prima di riuscirci, dovrai identificare gli obiettivi, capire quali sono gli utenti in target, ottenere una buona base di clienti, pubblicare annunci pubblicitari nei posti giusti al fine di trovare persone interessate alla tua attività.

Devi, in poche parole, individuare i giusti strumenti e la migliore strategia per convertirei tuoi contatti o clienti, in profitti.

Per approfondire:

12. Fai crescere la tua attività.

Infine, l’ultimo passo che ti aiuterà a fare impresa nel modo giusto è pensare sempre a far crescere la tua attività. Certo, questo è un passo che puoi fare una volta che avrai consolidato la tua attività iniziale, ma il concetto è un altro, ossia: far crescere e ampliare sempre di più la tua impresa.

Ad esempio, potresti scegliere di acquisire un’altra attività, puoi iniziare a pensare a un nuovo mercato, espandere le tue offerte e altro ancora. Naturalmente un piano di crescita può essere pensato solo nel momento in cui hai già creato un piano per commercializzare il tuo prodotto e la tua impresa al meglio. 

Oggi le aziende e imprese di successo usano efficacemente i social media, gli influencer organizzano campagne organiche, hanno una mailing list e sanno come utilizzarla al meglio.

Queste sanno esattamente chi e come raggiungere la propria potenziale clientela sia online sia offline grazie alle campagne di marketing. 

Quindi prima devi far crescere la tua impresa su questo fronte e capire come fidelizzare la tua clientela. Questo è molto importante, in quanto sarà sempre più semplice vendere ai clienti che sono già fedeli al tuo marchio e che si fidano delle tue idee, questo perché così facendo è possibile creare una relazione tra il tuo cliente e il tuo marchio.

Iniziando a utilizzare queste strategie, investendo per attrarre i clienti, ma anche sul servizio che puoi offrire loro, avrai fatto gran parte del lavoro per fare impresa.

Per approfondire:

Ricordati che in questo campo, per avere sempre successo non potrai mai riposare sugli allori, ma dovrai sempre innovarti, trovare e adottare nuove strategie e sfruttare al meglio le innovazioni in campo pubblicitario, commerciale e informatico.

Se investirai sul futuro della tua impresa, e l’aiuterai a crescere riuscirai nel tempo a realizzare “l’impero” che hai sognato nel momento in cui hai pensato quando hai deciso di fare impresa per la prima volta.

Cerchi idee per fare impresa? Leggi le 17 Idee Innovative per la Tua Nuova Attività Commerciale.





LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here