Aprire una palestra? Da quando il mondo del fitness ha cominciato ad interessare un po’ tutti, potrebbe essere una scelta più che giusta per la tua prossima attività imprenditoriale.

Tutti oggi devono o dovrebbero interessarsi del mantenimento della propria forma e la palestra è un po’ il tempio dove coltivare appunto il benessere del proprio fisico.

Hai diverse possibilità per aprire la tua palestra: puoi affidarti infatti sia a soluzioni per conto tuo, gestendo tutta la procedura di realizzazione della palestra, di acquisto degli impianti, di gestione dei clienti e della pubblicità, oppure orientandoti verso una soluzione in franchising che ti offre, a prezzi in genere più contenuti, una versione chiavi in mano della tua prossima palestra.

Ne discuteremo in modo approfondito nel corso della nostra guida di oggi, una di quelle da leggere prima tutta d’un fiato poi da studiare nei dettagli se la tua intenzione è appunto quella di aprire una palestra per farne un business capace di generare profitti e ritorni importanti sull’investimento che farai.

Che cos’è una palestra?

No, non è una domanda retorica. Non tutti si rendono conto infatti di come funziona a livello economico un’attività del genere.

Innanzitutto è bene rivalutare quello che è il target di questo tipo di attività: infatti gli appassionati di fitness oggi rappresentano una piccolissima parte della clientela effettiva di una palestra.

La clientela più consistente di una palestra è rappresentata da un insieme più eterogeneo e non si limita ai culturisti

Di contro esiste un autentico esercito di persone che, vuoi su consiglio del medico vuoi per risoluzione assolutamente personale, ha deciso di andare in palestra per perdere peso e mantenersi in forma.

Le palestre non sono più tarate sulle esigenze di culturisti e pesisti: oggi sono un luogo che deve essere necessariamente per tutti, anche per chi è semplicemente alla ricerca di un luogo per cominciare a muoversi e per mantenersi in forma, anche con attività blanda.

La palestra inoltre lavora per sottoscrizione, nel senso che non si fanno pagare le sedute singole, ma tipicamente un abbonamento che può essere mensile o pluri-mensile, tipicamente con sconti per chi dovesse iscriversi per periodi più lunghi del mese canonico.

Un business in fortissima crescita

Il business, secondo i dati più recenti che abbiamo a disposizione, è in fortissima espansione.

Il settore continua a macinare utili e fatturati da paura, con circa 40.000 operatori sul suolo nazionale se dovessimo includere anche istituti di bellezza e centri idrotermali.

Per quanto riguarda invece le palestre in senso stretto, abbiamo circa 12.000 attività in Italia, delle quali circa la metà sono di piccolissima portata e gestite in modo amatoriale.

Sono quasi 6 milioni gli italiani che frequentano regolarmente una palestra: un bacino di utenza che è secondo solo forse alle pizzerie e ai bar nel nostro Paese.

Gli italiani, al contrario di quello che si potrebbe pensare, non sono un popolo pigro: 1 su 10 va regolarmente in palestra, tenendo conto anche della parte di popolazione che non può recarvisi per motivi di salute.

Aprire una palestra: sei l’imprenditore giusto per un settore del genere?

Quello del fitness e delle palestre è un business che ha particolarità evidenti e che non è sicuramente adatto a tutti. Certo, non devi essere necessariamente un istruttore di fitness per aprire una palestra, ma sarà sicuramente indicato avere:

  • Una passione per questo tipo di attività: avere anche qualche tipo di qualifica in questo settore può essere sicuramente d’aiuto, anche nel caso in cui non dovessi mai aver lavorato prima in questo tipo di settore.
  • La motivazione giusta: ricorda, le palestre oggi sono aperte praticamente tutti i giorni per più ore al giorno, anche presto al mattino e dopo cena.
  • Una certa facilità di contatto e di relazione con le persone: anche le palestre in franchising sono luoghi dove il contatto umano conta più di qualunque tipo di attrezzatura.
  • Capacità di amministrazione: devono essere pari a quelle richieste per altri tipi di attività.
  • Capacità di marketing: anche se come vedremo più avanti, dovrai necessariamente affidarti o a quanto offerto dal franchising in questo senso, oppure ad agenzie di marketing specifiche.

Le indagini preliminari: cosa ti serve sapere per scegliere la palestra giusta

Ci sono delle indagini che dovrai fare prima di andare a pensare di aprire una palestra:

  1. Che tipo di palestra pensi di aprire? In quale zona della città?
  2. Durante quali orari pensi di mantenerla aperta? Ricordati che la risposta a questa domanda dipende in larghissima parte dalla risposta alla prima;
  3. Punti ad avere una palestra di lusso, di quelle ricchissime di servizi, oppure una palestra più a buon mercato per i tuoi clienti?
  4. Che tipo di servizi accessori vorresti offrire? Quali corsi? Che tipo di assistenza per i tuoi clienti?

Una volta che avrai risposto a queste domande, potrai orientarti in modo più efficace all’interno dell’enorme offerta non solo di franchising, ma di possibilità in generale da associare alla tua prossima palestra.

Quali sono i costi per aprire una palestra?

I costi per aprire una palestra sono ovviamente relativi alla tipologia di palestra che andrai ad aprire. L’unica differenza non è solo nella tipologia di palestra che andrai ad aprire, ma anche dalla scelta tra palestra autonoma e palestra invece associata ad un franchising.

A grandi linee possiamo fornirti i seguenti costi medi:

  • Costituzione della società, consulenza del commercialista e di altri professionisti: tra i 5.000 e i 7.000 euro.
  • Costi per la ristrutturazione del locale, sistemazione delle utenze, adeguamenti e sistema di pavimentazione adeguato ad una palestra: tra i 25.000 e i 35.000 euro.
  • Costi per condizionamento dell’ambiente e per quelli che sono invece i costi di allacciamento delle utenze: circa 20.000 euro.
  • Costi per quanto riguarda invece l’attrezzatura: dai 15.000 euro in su, a patto che si riescano a selezionare formule in leasing o con pagamenti comunque agevolati.
  • Costi eventuali da tenere in considerazione: almeno 20.000 euro.

Parliamo dunque di un investimento, con formule agevolate, che supera i 100.000 euro: un investimento sicuramente non di poco conto, di fronte però a ricavi che, per una palestra che funzioni bene possono andare a coprire l’investimento in archi temporali relativamente brevi.

Quali sono i ricavi che potresti attenderti?

A seconda dell’area del Paese nella quale aprirai la tua palestra, potrai ricavare circa 400-700 euro da un abbonamento annuale.

Una palestra che riesca a chiudere un numero medio di abbonamenti, dovrebbe aspettarsi senza problemi, soltanto dagli abbonamenti, anche 80.000 euro di ricavi annuali

aprire una palestra
I ricavi annuali di una palestra potrebbero arrivare a 80.000 €

senza alcun tipo di problema.

A questi andranno aggiunti i ricavi accessori, che possono derivare dai corsi speciali a sottoscrizione, dalla vendita di bibite e di integratori e anche da una possibile attività Bar da integrare sempre nei canoni della palestra.

Non c’è da diventare ricchi nel giro di un paio di esercizi, ma c’è comunque un buon monte di denaro con il quale lavorare.

Come cominciare ad organizzare i primi passi per aprire una palestra

A prescindere dal fatto che tu scelga o meno una formula in franchising, dovrai fare dei preparativi per cominciare ad organizzare la tua palestra. Procederemo per punti. Continua a leggere.

1. Scegli la tipologia di palestracome aprire una palestra - avviare un'attività da personale trainer

Ci sono tantissimi tipi di palestra, da quelle dedicate a determinate arti marziali a quelle che invece hanno un focus specifico su corsi come pilates, zumba e chi più ne ha più ne metta. Ci sono le palestre low-cost e quelle invece riservate ad un pubblico più facoltoso.

Scegli quella che è l’idea di palestra che seguirai per la tua prossima attività!

2. Il piano di business è il piano per non fallire

Lo ripetiamo in tutte le guide dedicate all’imprenditoria che proponiamo sulle pagine di Intraprendere.net e lo ripetiamo anche questa volta: non avere alcun tipo di piano è il piano perfetto per fallire.

Il business plan non è soltanto il documento fondamentale cercare eventuali soci, ma anche il documento che è la road map fondamentale per cominciare a muovere i primi passi per la creazione e la successiva gestione della propria palestra.

3. Hai bisogno di finanziamenti?

Come abbiamo visto in apertura di questa guida, aprire una palestra vuol dire anticipare somme importanti, prima di chiudere anche il primo abbonamento.

Questo vuol dire avere la necessità di capitali importanti per cominciare a muoversi e che probabilmente potresti avere bisogno di finanziamenti.

Puoi pensare di finanziarti in diversi modi:

  1. Puoi rivolgerti ad un banca con il tuo business plan: non avrai soci (e quindi avrai piena libertà di gestione), ma dovrai corrispondere degli interessi sul capitale che hai preso in prestito.
  2. Puoi cercare un socio di capitali, ovvero un socio che ha intenzione di acquistare quote della palestra a scopo di investimento puro, senza mettere bocca sulla gestione della stessa; non credere però di avere completa libertà in questo caso, dato che dovrai necessariamente andare a rendere conto di quanto fai a chi ha investito i propri capitali in quella che è la tua attività.
  3. Puoi cercare un socio di gestione, che apporti non solo capitali, ma anche la sua professionalità nella gestione appunto nella palestra.

La scelta tra le diverse opzioni sta ovviamente a te: scegli quella che più si confà alla tua strategia manageriale.

I vantaggi dell’aprire una palestra in franchising

Il franchising è una delle opportunità più interessanti che hai a disposizione oggi per l’apertura della tua palestra.

Il franchising ti propone soluzioni chiavi in mano, che ti permetterebbero di seguire un processo più facile sia per l’apertura della palestra che per la sua futura gestione.

Avresti a disposizione diverse tipologie di franchising anche nel nostro paese, tipologie e marchi. Vuoi scoprire tutte le opportunità del settore? Allora compila il nostro quiz per sapere quale sia l’attività ideale per te!





LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here