come aprire un centro estetico, autorizzazioni centro estetico




Aprire un centro estetico, può essere un’attività molto appagante e remunerativa se ti piace stare con la gente e prendertene cura. Se sogni di aiutare gli altri a stare meglio con se stessi offrendo servizi di bellezza, che aspetti, mettiti all’opera!

Non prima però di aver letto questa guida, che ha come scopo fornirti una guida definitiva e completa su come aprire un centro estetico di successo.

Perchè aprire un centro estetico

Partiamo subito con qualche statistica, che ti chiarisca le idee sul perchè aprire un centro estetico possa farti guadagnare un bel po’ di soldi.

I saloni di bellezza continuano a proliferare: pensa che solo nel 2016, l’industria della bellezza ha generato più di 62 milioni di dollari, e i numeri sono in costante crescita da circa 13 anni.

Il motivo di questo trend positivo, sta nel fatto che, con l’aumentare del reddito disponibile, è aumentata la predisposizione della gente ad occuparsi del proprio aspetto fisico.

Oggi prendersi cura di sè, è un bisogno al quale non si vuole più rinunciare.

Ma il centro benessere è anche altro. In certi ambienti rappresenta una vera e propria istituzione sociale.

Saloni di bellezza: tipologie

La prima cosa su cui devi riflettere è il tipo di centro estetico che vorresti aprire.

Devi sapere che tutti offrono servizi di base come:

  • Trattamenti per il viso.
  • Massaggi.
  • Manicure.
  • Pedicure
  • Ceretta.
  • Elettrolisi.
  • Aromaterapia.

Solo i saloni più grandi sono provvisti di spa, piscine termali e offrono opzioni aggiuntive come impacchi per il corpo, bagni di fango, trattamenti di idroterapia e servizi speciali per la pelle come il botox.

Tenuto conto della grandezza della location, nulla toglie che puoi inizialmente aprire un centro estetico che offra servizi base, per poi decidere di espandere la tua proposta in un secondo momento.

La cosa bella di questa attività imprenditoriale, sono le elevate potenzialità di crescita vista la varietà dei servizi che si possono espletare.

Abilità necessarie

Come per qualsiasi idea d’impresa, devi avere un minimo di intraprendenza, intuito e spirito imprenditoriale.

A ciò vanno aggiunte spiccate doti comunicative, per poter creare relazioni sociali durevoli e far si che il cliente sia disposto a tornare. Devi continuamente comprendere di cosa ha bisogno, è rispondere efficacemente alla sua richiesta.

La licenza in cosmetologia non è obbligatoria, se non intendi amministrare direttamente i servizi offerti. Seguire un corso in materia è altamente consigliato. E’ statistico che i saloni di maggior successo hanno a capo proprietari che conoscono bene il settore.

In tal senso può essere molto utile aver maturato esperienza sul campo (per es. aver già svolto mansioni di estetista presso altri centri).

Più conosci da vicino ciò che proponi, più sarai in grado di mantenere alta la qualità.

L’ambiente, la sua pulizia e il suo aspetto non sono meno importanti. Avere un buon senso estetico e un minimo di conoscenza di design artistico, è utile per creare un salone che possa piacere al tuo pubblico.

Compiti del proprietario

Sei tu che decidi quanto essere coinvolto nel business.

Nulla vieta di assumere un manager (che ha un costo), a garanzia che il centro funzioni senza intoppi, mentre tu ti concentri sullo studio delle nuove tendenze.

Tuttavia ci sono dei compiti di cui è meglio occuparsi in prima persona, ecco quali:

  • Trovare la location giusta (meglio in un posto dove ci sia un buon traffico pedonale)
  • Pubblicizzare il salone e creare promozioni (web, stampa, televisione, ecc.)
  • Organizzare il menù di servizi offerti
  • Inventario e magazzino
  • Analizzare la domanda
  • Gestire i dipendenti (assunzione e formazione del personale)
  • Gestire le pulizie

Il business plan

Se sei arrivato fino a questo punto nella lettura della nostra guida per aprire un salone di bellezza, sei pronto per il passo successivo, ovvero redigere un business plan che racchiuda la tua idea d’impresa.

Ricorda che il business plan è uno strumento di cui non puoi fare a meno per aprire un centro estetico di successo. Solo mettendo nero su bianco cosa hai in mentre potrai capire vantaggi, svantaggi, studiare gli aspetti critici e metterti alla ricerca delle possibili soluzioni!

Licenze, permessi e autorizzazioni necessarie per aprire un centro benessere

Generalmente un centro estetico non richiede requisiti di licenza speciale.

Come per qualsiasi negozio o azienda è necessaria licenza commerciale rilasciata dagli organi competenti e da esporre al pubblico.

A seconda del tipo di servizi che intendi offrire, possono volerci dei particolari permessi e autorizzazioni, come nel caso di spa o piscine termali.

Se non hai tu personalmente conseguito una licenza in cosmetologia, per poter operare devi avere almeno un’estetista professionista, con valida certificazione da esporre al pubblico.

I lavoratori del tuo team devono avere la licenza o essere iscritti ad un programma che per poterla conseguire.

Vista la delicatezza delle prestazioni fornite, valuta l’idea di predisporre un modulo di rilascio di responsabilità professionale da far firmare al cliente, per evitare potenziali cause legali.

È consigliabile ma non obbligatoria un’assicurazione per la carriera, che possa tutelarti nel caso di citazioni in giudizio da parte di clienti a seguito di incidenti, infortuni o furti.

Rivolgersi al proprio Comune e alle associazioni presenti sul territorio è consigliabile per avere chiari gli adempimenti da espletare.

 

Quanto costa aprire un centro estetico: spese iniziali e costi di gestione

Si stima che bisognerebbe avere almeno 50 mila euro, prima di aprire un centro estetico base.aprire un centro estetico, costi centro estetico

Si tratta di una cifra orientativa, molto influenzata dai costi dei canoni di locazione nella tua zona, e dalla metratura del tuo salone, da valutarsi in numero di sedie a cui aspiri. In media per 6 sedie sono necessari circa 92 mq. Il parcheggio è una variabile da non sottovalutare.

Almeno la metà dell’importo è destinata a questo capitolo spesa.

Ultimamente sta prendendo sempre più piede la tendenza di fornire servizi mobili, il che vuol dire meno spese mensili per l’affitto dello spazio.

Tra le spese iniziali e i costi di gestioni devi considerare:

  • I costi per le licenze che possono arrivare fino a qualche centinaia di euro.
  • La spesa per la pubblicità va tenuta in gran considerazione, se punti alla pubblicità online pay per clic, i costi potrebbero essere notevoli visto l’ubiquità del salone di bellezza.
  • L’acquisto e manutenzione delle attrezzature.
  • L’inventario iniziale dei prodotti.
  • I costi per la creazione dell’ambiente, layout, progettazione e decorazione possono richiedere dai 200 ai 1500 euro.
  • Gli stipendi per il tuo team.
  • Le assicurazioni.

Se hai bisogno di un prestito, non arrenderti, ma informati presso associazioni dedicate.

Quanto guadagna un centro estetico

La fonte principale di profitto del centro estetico, è il prezzo dei servizi di bellezza che decidi di offrire. Puoi arrivare a guadagnare fino al 15% dell’importo totale riscosso.

Tendenzialmente manicure e pedicure, possono partire da poco più di 5 euro, fino a cifre tre volte maggiori.

I massaggi possono costare al cliente dai 25 ai 50 euro l’ora con incrementi per ogni mezz’ora aggiuntiva.

I trattamenti per il viso possono partire dai 25 euro per arrivare ai 125, a seconda del tipo di ingredienti usati e del tempo impiegato.

Il prezzo è influenzato dalle seguenti variabili:

  • Dove si trova il tuo salone. Ti conviene analizzare i prezzi offerti dalla concorrenza nella tua zona, e puntare su di un approccio di medio livello. I clienti hanno i loro limiti di budget, ma possono diventare molto sospettosi di fronte a tariffe troppo basse rispetto alla concorrenza.
  • Tipo di clientela. Devi riuscire a costruirti una clientela abituale, uomini e donne che richiedono periodicamente le tue prestazioni e che siano disposti a pagare per la qualità offerta. Il tuo centro benessere deve diventare un punto di riferimento per mantenersi bene e per trascorrere piacevolmente delle ore di svago e relax.
  • Esperienza del personale. E’ consigliabile dividere i membri del tuo personale per livello. Per es. uno stylist junior può arrivare a caricare 15 euro su un taglio, gli intermedi 20 euro, mentre i senior dai 25 ai 30.
  • Tipologia di servizi offerti. C’è differenza di guadagno tra un piccolo salone ed uno provvisto di spa. In quest’ultimo caso puoi arrivare a guadagnare tra i 10 mila e i 70 mila euro. Più servizi si offrono, come idroterapia, saune, bagni turchi e fanghi più le potenzialità di guadagno aumentano. Se hai una spa puoi organizzare percorsi di benessere che possono durare l’intera giornata. Per esempio con un pacchetto di 80 euro possono includersi trattamenti per il viso, manicure e una mezz’ora di massaggi. I saloni di bellezza migliori offrono pacchetti di servizi in continua evoluzione.

In qualsiasi caso per guadagnare devi offrire servizi qualitativamente elevati, pensa che una celebrità arriva a pagare anche 500 euro per un servizio ai capelli, e 100 euro per una manicure!

È anche vero che prezzi troppo alti potrebbero spaventare.

Quindi cosa devi fare?

Devi trovare il tuo miglior margine di profitto, studiando il tuo target e offrendo servizi adatti alla tua specifica clientela.

Più riesci a migliorare l’aspetto del tuo cliente in base alle sue esigenze, più il tuo margine di profitto aumenta.

Punti su ragazzine o donne di mezza età? Sei disposto a offrire servizi molto innovativi (lifting del vampiro o capelli color tramonto) o preferisci mantenerti sulla tradizione? Questi sono solo alcuni interrogativi utili a capire qual è il tuo cliente tipo.

Eventi con specialisti della cosmetologia da organizzare di tanto in tanto, sono una valida occasione per capire di cosa ha maggiormente bisogno la tua clientela.

Fonti extra di guadagno

Decidere di vendere prodotti al dettaglio può essere una mossa vantaggiosa per migliorare la tua immagine e incrementare significativamente le tue entrate.aprire un centro estetico, guadagni centro estetico, quanto guadagna un'estetista

Shampi e balsami speciali vengono acquistati all’ingrosso e venduti a prezzo di vendita.

Prodotti di bellezza e integratori nutrizionali vanno posizionati all’ingresso dove si trova la reception.

Per ampliare la tua base di clienti puoi decidere di fittare spazi del tuo locale a professionisti che offrono servizi diversi da quelli del tuo salone, creando cooperazioni che possono rivelarsi molto fruttuose.

 

Aprire un centro estetico in franchising

I centri estetici in franchising sono una buona opzione, se preferisci utilizzare un modello già rodato invece che ricominciare da zero.

Si tratta di una soluzione che conta su ottimi vantaggi, come:

  • L’attività formativa costante
  • Il supporto sia in fase iniziale che successiva.
  • L’assistenza marketing (che per questo tipo di attività è di vitale importanza).
  • Il riconoscimento del marchio.
  • L’allestimento del salone.
  • Una clientela già fidelizzata.
  • Un canale privilegiato con i fornitori.

Adesso sai come poter aprire un centro estetico e i vantaggi di farlo appoggiandoti ad un franchising. Se vuoi scoprire quale altra attività potrebbe fare al caso tuo fai subito il quiz qui sotto!

 





Anna Porello
Imprenditrice digital e cuore pulsante di Intraprendere. Fonda la sua prima startup di entertainment geolocal nel 2006 venduta a una nota azienda italiana. Dopo anni come consulente nei processi di digitalizzazione di grandi imprese, decide di dedicarsi a Intraprendere.net, che co-fonda nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here