documenti per assunzione
data-full-width-responsive="true">



Confrontarsi con la burocrazia spesso significa ritrovarsi alle prese con un complesso rompicapo. Lo sanno bene anche i datori di lavoro quando si imbattono nella redazione dei documenti per assunzione.

Se anche tu, caro amico imprenditore, stai ragionando sulla fatidica domanda “come fare un contratto di lavoro?”, questa guida farà proprio al caso tuo. Insieme cercheremo passo dopo passo di spulciare ogni dettaglio dei documenti per assunzione dipendente. 

Documenti per assunzione: ecco i fondamentali

Lo so, non sono pochi, ma purtroppo sono obbligatori per il nostro ordinamento. Non ti resta che armarti di pazienza, e cominciare questo viaggio nei meandri della burocrazia italiana. Sarò qui ad indicarti la via più semplice!

1. Documenti personali

Il primo step relativo all’assunzione del dipendente è la richiesta della carta d’identità e del codice fiscale. Ovviamente questi documenti dovranno essere in corso di validità.

Nel caso in cui il lavoratore sia extra-comunitario, tra i primi documenti per assunzione, va segnalato anche il permesso di soggiorno. Ovviamente anche questo dovrà essere in corso di validità.

I documenti personali rappresentano gli adempimenti assunzione dipendenti fondamentali: senza questi non potremo stipulare un contratto di lavoro con i nostri dipendenti.

I documenti della lista successivi potranno essere allegati anche dopo la messa in essere del contratto di lavoro.

2. Scheda professionale dal lavoratore

Tra i documenti per contratto di lavoro, la scheda professionale del lavoratore ha presso il posto del vecchio libretto di lavoro, ormai in disuso dal 2002. Questa viene rilasciata direttamente dai centri per l’impiego, e contiene i dati relativi alle esperienze formative e lavorative.

Detto molto semplicemente, la scheda certifica le competenze professionali del soggetto che vorremmo assumere.

3. Documenti per Assegni Nucleo Familiare

Nel caso volessimo assumere un dipendente avente diritto al godimento degli assegni familiari, dovremo segnare tra i documenti per assunzione anche tutta la documentazione prevista per questo beneficio.

Tutti questi elementi dovranno esserci forniti direttamente dal nostro futuro dipendente. Nello specifico parliamo di:

  • Domanda per la corresponsione della prestazione con modulo ANF/DIP;
  • Autorizzazione ANF 43 rilasciata dall’Inps;
  • Cud;
  • Dichiarazione dei redditi.

4. Dichiarazione relativa alla pensione

Nel caso avessimo intenzione di assumere un soggetto titolare di una pensione di reversibilità o invalidità, dovremo aggiungere ai nostri documenti per assunzione anche la dichiarazione relativa alla pensione.

Il futuro lavoratore dovrà fornirci una dichiarazione relativa all’ammontare della propria pensione, in maniera tale da poter comunicare tutti questi dati all’Inps.

Si tratta di una vera e propria “dichiarazione di responsabilità” come previsto dalle legge n.662 del 1996, attraverso la quale il soggetto si impegna a non mentire, evitando così di incappare in pesanti pene come la sospensione della stessa pensione.

5. Previdenza complementare

Al momento dell’assunzione, il futuro lavoratore dovrà scegliere attraverso la composizione di un apposito modulo se lasciare il “TFR in azienda” o destinarlo a qualche altro fondo di previdenza complementare.

Dovremo inviare all’Inps il modulo TFR1 o TFR2 entro sei mesi dall’assunzione.

6. Certificato medico (quando è richiesto fra i documenti per assunzione)

Tra i documenti per assunzione va inserito anche il certificato medico per determinate tipologie di lavoro. Il lavoratore va sottoposto alla visita di norma prima dell’inizio dell’attività, ma ci sono aziende che l’effettuano solo in un secondo momento.

Detto ciò, vediamo nello specifico quali sono queste particolari categorie:

  • Tutti i lavoratori sottoposti a sorveglianza sanitaria in base alle norme in materia di igiene e sicurezza del lavoro. Piccola curiosità: rientrano a far parte di questa sezione anche gli impiegati che sono obbligati a stare più di 20 ore a settimana davanti allo schermo di un computer;
  • Tutti i lavoratori minorenni;
  • Gli addetti alla produzione e alla vendita di generi alimentari e bevande;
  • I lavoratori agricoli, gli operai, i manovali, i pastori, gli allevatori, i fantini, i conciatori, i cantonieri, gli stallieri, gli addetti agli ippodromi e per coloro che lavorano nel settore del legno, della carta, metalmeccanico, metallurgico e dei rifiuti. Questo nutrito elenco di lavoratori è anche sottoposto all’obbligo di vaccinazione antitetanica.

7. Modello di comunicazione obbligatoria

Tra i documenti per assunzione, il modello di comunicazione obbligatoria risulta l’ultimo step del processo di assunzione, ma resta di vitale importanza.

Dovremo effettuare questa comunicazione per via telematica tramite degli appositi consulenti, entro (e non oltre) il giorno antecedente l’inizio del rapporto di lavoro.

Unica possibilità che la comunicazione avvenga dopo la stipula del contratto avviene quando questo viene siglato in un giorno festivo.

Nella comunicazione obbligatoria dovremo elencare i seguenti elementi:

  • Dati anagrafici del lavoratore;
  • La data di assunzione;
  • La tipologia di contratto;
  • La qualifica;
  • Il trattamento economico e normativo.

Sarà obbligatorio effettuare la comunicazione per le seguenti tipologie di lavoratori:

  • i lavoratori dipendenti;
  • i collaboratori coordinati e continuativi (contratti a progetto);
  • i soci lavoratori di cooperative;
  • i lavoratori domestici per i quali l’obbligo viene assolto con la denuncia all’Inps;
  • i lavoratori a domicilio;
  • gli apprendisti per i quali non esiste più l’obbligo della preventiva autorizzazione della Direzione provinciale del lavoro;
  • i tirocini di formazione e orientamento ed ogni altro tipo di esperienza ad essa connessa.

Altri documenti per assunzione utili

Fra i documenti per assunzione vi sono alcuni certificati che ci saranno particolarmente utili per definire l’inquadramento contrattuale del nostro futuro dipendente e specificamente richiesti per alcune mansioni. Vediamoli insieme!

  • Certificato penale: comunemente detto “fedina penale” è un documento contenente le registrazioni penali iscritte al casellario giudiziale, e la storia delle condanne penali passate in giudicato di un soggetto;
  • Certificato di servizio: è un documento mediante il quale il datore di lavoro attesta lo svolgimento dell’attività lavorativa da parte di un soggetto presso la propria azienda, indicando il lasso di tempo in cui è stato prestato servizio e la mansione svolta;
  • Documentazione relativa agli studi: in questo caso potrà essere fornita una copia dei titoli di studio conseguiti (attestato di terza media, diploma, laurea o superiori) o un’autocertificazione prodotta direttamente dal lavoratore. Più alto sarà il titolo di studio e più alto sarà l’inquadramento contrattuale;
  • Documenti di abilitazione all’esercizio di particolari attività: si tratta di documenti che attestano l’abilitazione di soggetti che svolgono solitamente mansioni piuttosto qualificate. Un banale esempio potrebbe essere l’abilitazione allo svolgimento dell’attività di odontoiatra;
  • Documenti relativi al servizio militare: ormai difficilmente applicabili, tale documentazione permette a coloro che hanno prestato servizio in zone di operazioni militari di ottenere una maggiore anzianità convenzionale.

Caro amico imprenditore come abbiamo potuto notare, i documenti per assunzione sono numerosi, ma spero che con questa breve guida tu abbia potuto trovare il tuo filo d’Arianna che ti permetterà di trovare l’uscita al labirinto della burocrazia italiana!

Hai formato il tuo team? A questo punto non ti resta che scoprire le migliori 7 tecniche per ispirare il tuoi collaboratori a dare il meglio per la tua azienda.


Aspetta! Scopri 7 idee di business su misura per te!


Cerchi una idea di business che ti renda un vero imprenditore e che ti calzi a pennello?

Quello che ti propongo infatti non è solo un modo per arrotondare, ma per dare vita ad una vera e propria attività commerciale su misura per te.

Scopri 7 idee di business per metterti in proprio






Redazione di Intraprendere
La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here