vendere vestiti usati al kg, vendere vestiti usati al chilo




Sei alla ricerca di una nuova idea di business? Se ami la moda e il vintage un’attività che potrebbe destare il tuo interesse è vendere vestiti usati al kg.

La vendita vestiti usati al chilo è un business iniziato in Inghilterra durante la crisi economica. L’abbigliamento usato al kg è stato gestito inizialmente dal grossista d’abbigliamento John Hickling e Judy Berger. Questi grossisti nel 2009 hanno aperto i primi negozi pensati per vendere abiti usati al chilo.

L’abbigliamento al kg oggi si è diffuso anche in altri paesi europei, e nonostante sia un fenomeno relativamente nuovo questi stanno avendo molto successo specie in Olanda e in Europa Orientale.

Anche in Italia però l’abbigliamento usato al kg sta iniziando a trovare spazio nel commercio. Se questa idea imprenditoriale sembra essere quella che fa al caso tuo, allora ti consiglio di seguire la nostra guida che ti aiuterà a scoprire: come vendere abiti usati, dove vendere abiti usati e come avviare al meglio questo business.

Vendere vestiti usati al kg: le caratteristiche

Quando si pensa a intraprendere un nuovo business come “vendere vestiti usati”, è normale farsi diverse domande e sopratutto voler comprendere al meglio le caratteristiche di questa nuova attività.

Un negozio che vende vestiti e scarpe usate e vintage al kg, prevede un rifornimento in negozio e magazzino con abiti usati e vintage che possono essere acquistati nei mercati europei.

Oppure si può fare la raccolta dei vestiti in negozio, chiedendo alle persone di portare abiti in buone condizioni vintage o usati che non usano più e dando in cambio dei buoni sconto per fare acquisti in negozio o pagandoli al kg.

Con questo metodo di raccolta non solo si ottengono nuovi abiti da rivendere ma si stimola anche al riciclo e si rispetta l’ambiente, perché si evita di buttare abiti che sono ancora buoni. Oltre a dover pensare al rifornimento, per rendere gli abiti più belli è possibile aggiustarli e arricchirli se si hanno delle capacità sartoriali.

Infine, il negozio dev’essere strutturato in modo tale da poter distribuire la merce al meglio, gli abiti usati devono essere tutti stirati, puliti e riparati. Infine, servono delle bilance per pesare la merce e poi venderla ai propri clienti.

Perché bisogna avere un business plan

Il primo passo per avviare un’attività come vendere vestiti usati al kg, la prima cosa da fare è realizzare il proprio business plan.

Un business plan ti aiuta a determinare quali sono le tue spese, a quanto puoi vendere i tuoi prodotti al kg e a fare delle ricerche di mercato utili ad avviare il tuo business.

Con un business plan è possibile definire vari dettagli come ad esempio dove vendere vestiti usati o dove vendere scarpe usate, pensando alla location perfetta per la tua attività, e sopratutto qual è il luogo dove puoi ottenere più successo e visibilità.

Una delle parti più importanti di un business plan però è sicuramente la pianificazione del budget.

Riuscire a calcolare i costi per l’apertura della tua attività, quelli per il primo rifornimento di abiti vintage, per il fitto di un locale, le utenze, ecc… è molto importante per ottenere una prospettiva più ampia su quanti soldi avrai di bisogno per avviare questo business.

Oltre al calcolo dei soldi per l’avvio dell’attività infine il business plan può aiutarti anche a stabilire il prezzo dei prodotti che venderai e i possibili guadagni che potrai avere. Infine, ma non per importanza un buon business plan ti permette di delineare il target, ossia le persone che possono essere attratte da questo tipo di attività.

Ad esempio per la vendita di vestiti usati al kg, secondo le ricerche svolte in Inghilterra coloro che sono più attratti da questi negozi sono i giovani universitari, gli studenti e ragazzi e adulti sino ai 35 anni, perché più aperti a novità come quella della vendita dei vestiti al kg.

La location

“Dove posso vendere vestiti usati?” Se questa è la domanda che ti stai facendo in questo momento, allora devi sapere che per vendere vestiti al kg, hai bisogno di un negozio di medie dimensioni, ossia tra i 70 e i 100 mq e sopratutto di una buona posizione.

I negozi di abbigliamento, anche se unici come quelli contraddistinti dalla vendita di abiti vintage e usati, per essere remunerativi dovrebbero posizionarsi in zone ad alto traffico, ossia dove c’è un buon passaggio di persone e in questo caso anche di giovani.

Quindi puoi scegliere di aprire il tuo negozio in centro città, oppure in una zona ad alto traffico giovanile, ad esempio vicino alle università o a dove risiedono un maggior numero di studenti.

Le spese iniziali per partire

Quando si apre una nuova attività, qualunque essa sia, come ad esempio vendere vestiti usati al kg prevede il calcolo delle delle spese iniziali per partire con il proprio business.

Calcolare le spese iniziali è molto importante, dunque ricorda sempre di fare un calcolo in eccesso, perché è impossibile considerare tutti gli imprevisti al momento dell’apertura.

Con un calcolo leggermente in eccesso avrai maggiori possibilità di manovra.

Dato che la vendita di vestiti usati al kg è considerata un’attività commerciale a tutti gli effetti tra le spese iniziali per aprire la tua attività devi considerare:

  • I costi del commercialista;
  • Le spese per l’apertura della P.IVAe registrazione all’Inps e Inail;
  • Le spese per l’affitto del locale;
  • I soldi necessari per l’arredo del locale;
  • La somma che ti servirà per fare il rifornimento merci;
  • Le spese per pubblicizzare l’avvio della tua attività.

Una volta calcolate tutte le spese, potrai scegliere il metodo di finanziamento più adatto a te o scegliere di affrontare le spese con i tuoi risparmi personali.

Le spese di gestione

Prima di avviare la tua attività non basta calcolare le spese necessarie per aprirla ma dovresti pensare anche a quelle per la sua gestione.

La spese di gestione rappresentano la somma dei costi fissi e variabili che dovrai spendere per sostentare la tua attività.

Calcolando in modo corretto le spese di gestione sarai anche in grado di comprendere quanti soldi devi guadagnare, e a quanto devi vendere i tuoi prodotti per ottenere un guadagno complessivo che ti permetta non solo di sostenere l’attività ma anche di ottenere dei profitti.

Le modalità di finanziamento

Quali sono le modalità di finanziamento? Aprire un negozio di vestiti usati al kg non è molto costoso se lo si paragona ad altre idee di business.

In linea generale, si deve considerare che questa ha dei costi che va da un minimo di 25 mila circa. Prima di scegliere come finanziarti, comunque cerca di capire di quanto hai bisogno esattamente per l’avvio della tua attività.

Una volta che sai di quanto hai bisogno le opzioni di finanziamento tra le quali puoi scegliere sono diverse, ad esempio puoi richiedere: un prestito personale, un finanziamento alle imprese, oppure un prestito d’onore.

Quanto si può guadagnare vendendo vestiti usati al kg

La vendita di vestiti usati al kg può dare diverse soddisfazione dal punto di vista economico. Secondo la ricerca di mercato IBISWorld Ltd che ha valutato il valore di mercato dell’abbigliamento usato nel Regno Unito questo ha generato tra il 2016 e 2017 un giro d’affari complessivo di 658,7 milioni di sterline.

In Italia, essendo un business innovativo, le possibilità di crescita sono diverse. Infatti, bisogna considerare che i vestiti possono essere venduti a partire da circa 19 euro al kg, per poi raggiungere somme più elevate per i capi più “preziosi” e dallo stile vintage più ricercato.

Perché vendere vestiti usati al kg in franchising

Come abbiamo visto la vendita di vestiti usati al kg si sta diffondendo anche in Italia, per aprire un’attività del genere però è necessario: fare un business plan, svolgere le ricerche di mercato, occuparsi degli arredi, e spendere comunque una cifra non indifferente.

Per riuscire ad aprire un negozio di vestiti usati al kg con maggiore agilità è possibile però scegliere di affidarsi a un franchising. I vantaggi del franchising sono diversi, tra i principali trovi:

  • La possibilità di affidarti a una realtà forte e già consolidata;
  • Puoi accedere all’apertura del negozio con costi iniziali inferiori a quelli per aprire un’attività da soli;
  • Si ottengono gli arredi nuovi per il proprio negozio (con il costo iniziale corrisposto al franchising);
  • Le ricerche di mercato e il business plan sono realizzati insieme a consulenti finanziari professionisti;
  • L’azienda ti sostiene sia per l’apertura del negozio, sia durante l’attività con corsi di formazione continua;
  • Il franchising ti aiuta e sostiene creando campagne pubblicitarie che possano aiutare la tua attività a partire con il piede giusto.

Tutti questi vantaggi offerti dal franchising, danno la possibilità di avviare la propria attività con maggiore sicurezza e con un investimento iniziale meno consistente.

Hai deciso se vendere vestiti usato al kg rappresenta il business davvero giusto per te? Mi raccomando, per fugare ogni dubbio, fai subito il Quiz di Intraprendere per trovare l’attività adatte alle tue esigenze





Redazione di Intraprendere.net
La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here