scaglioni irpef
data-full-width-responsive="true">



Irpef, parola tanto temuta quanto odiata da tutti i contribuenti, non altro che l’acronimo di imposta sul reddito delle persone fisiche. Se cerchi i nuovi scaglioni Irpef attualmente in vigore sei nel posto giusto. Scopriamoli insieme.

Cos’è l’Irpef

Si tratta quindi di un’imposta diretta e personale che viene applicata sui redditi di determinate categorie:

  • Lavoratori dipendenti
  • Lavoratori autonomi
  • Pensionati
  • Tutti coloro che percepiscono un reddito da lavoro, da impresa o da capitale

Trattandosi di una tassa progressiva, la percentuale di prelievo aumenta all’aumentare dei redditi percepiti.

La progressività dell’imposta è sancita dall’art. 53 della nostra Costituzione che dice: “tutti sono tenuti a concorrere alle spese pubbliche in ragione della loro capacità contributiva” e che il nostro sistema tributario “è informato a criteri di progressività”.

Per poter calcolare qual è la tua aliquota Irpef sono stati individuali cinque distinte fasce reddituali chiamate, appunto, scaglioni Irpef.

Conoscere scaglioni aliquote Irpef è dunque indispensabile per calcolare quanto devi pagare di tasse in base alle tue entrate annue.

Quali sono gli scaglioni irpef 2019?

Vi sono attualmente 5 Irpef scaglioni cui corrispondono 5 aliquote Irpef differenti:

  1. Fino a 15.000 euro è prevista un’aliquota del 23%;
  2. Tra 15.001 e 28.000 euro è prevista un’aliquota del 27%;
  3. Tra 28.001 e 55.000 euro è prevista un’aliquota del 38%;
  4. Tra 55.001 a 75.000 euro è prevista un’aliquota del 41%;
  5. Oltre 75.000 euro è prevista un’aliquota del 43%.

Vediamoli insieme ad uno ad uno.

Primo scaglione Irpef

Comprende i contribuenti con reddito compreso tra 0 e 15.000 euro.

Nel caso di lavoratori dipendenti, considerando 12 mensilità (i calcoli Irpef infatti si applicano anche sulla gratifica natalizia o tredicesima), rientrano in questa prima fascia tutti quelli che percepiscono un reddito non superiore a 1.250 euro.

L’aliquota Irpef applicata è del 23%, quindi, nel caso di reddito pari a 15.000 euro, la tassazione sarà di 3.450 euro.

Secondo scaglione Irpef

Riguarda i contribuenti con redditi tra 15.001 e 28.000 euro, quindi, nel caso di lavoratori dipendenti, si tratterà di persone con reddito mensile non superiore a 2.335 euro.

L’aliquota applicata a questa fascia è del 27%, perciò la tassazione, per chi percepisce un reddito pari a 28.000 €, sarà di 6.960 euro.

Tieni presente infatti che, a partire dal secondo scaglione Irpef in poi, l’aliquota successiva è applicata solo sulla parte di reddito eccedente il limite massimo dello scaglione precedente (in questo caso, 15.000 euro).

Terzo scaglione Irpef

Comprende i contribuenti con redditi tra 28.001 e 55.000 euro, quindi, nel caso di lavoratori dipendenti, si tratterà di persone con un reddito mensile non superiore a 4.583 euro.

L’aliquota Irpef stabilita per questo scaglione è pari al 38% applicabile come ho detto sopra, solo sul reddito eccedente il limite massimo dello scaglione Irpef precedente, dunque i 28.000 euro.

Nel caso di reddito massimo per questa fascia, la somma da versare al Fisco sarà  quindi pari a 17.220.

Quarto scaglione Irpef

Coinvolge tutti i contribuenti con redditi tra 55.001 a 75.000 euro, quindi nel caso di lavoratori dipendenti si tratta di persone con reddito mensile non superiore a 6.250 euro.

L’aliquota Irpef applicata a questo scaglione è del 41% sulla parte di reddito eccedente il limite massimo dello scaglione precedente (55.000 euro), pertanto l’onere fiscale più alto da pagare sarà pari a 25.420 euro.

Quinto scaglione Irpef

Rientrano in questa fascia di reddito Irpef i contribuenti con oltre 75.000 euro di reddito, quindi nel caso di lavoratori dipendenti si tratterà di persone che percepiscono mensilmente una busta paga superiore a 6.250 euro.

Per loro l’aliquota Irpef prevista sui redditi eccedenti il limite massimo dello scaglione precedente (75.000 euro) è pari al 43%.

Da sottolineare che, da parte del Governo, c’è ancora l’ipotesi dell’introduzione di una Flax Tax, o imposta fissa sostitutiva, pari al 20% sui redditi superiori a 100.000 euro. Si tratta però ancora di una proposta che deve superare il vaglio dell’Unione Europea, il cui ok protrebbe essere dato nel 2020, quindi, per le aliquote irpef 2019 restano sostanzialmente invariate.

L’unica novità per quello che concerne il pagamento dell’Irpef 2019 è stata l’introduzione dell’imposta fissa del 15% per i titolari di partita IVA in regime forfettario con compensi o ricavi non superiori a 65.000 euro.

Cosa è la no tax area?

Tutti quanti sono tenuti a pagare l’Irpef? La risposta è no, esistono alcune categorie di contribuenti che non devono pagare questa famigerata tassa.

Si tratta, in particolare, di coloro che rientrano nella cosiddetta “no tax area”, un’area di non tassazione calcolata in base a determinate soglie.

Attenzione, non ho parlato di un’unica soglia, in quanto ci sono diverse soglie in base al tipo di reddito su cui viene calcolata l’imposta Irpef da versare.

Ecco di seguito le soglie della no tax area Irpef:

  • Soglia fino a 8.174 euro per i redditi da pensione e da lavoro dipendente o assimilato;
  • Soglia fino a 4.800 euro per i redditi da lavoro autonomo occasionale;
  • Soglia fino a 500 euro per redditi da terreni, redditi agrari e redditi dei fabbricati;
  • Soglia fino a 185,92 euro da redditi esclusivamente da terreni;
  • Soglia fino a 28.158,28 euro per compensi derivanti da attività sportive dilettantistiche.

Quali sono le aliquote degli scaglioni Irpef?

Abbiamo già visto sopra quali sono le aliquote Irpef 2019 scaglioni applicate, ma te le riepilogo per comodità qui sotto:

  • Reddito fino a 15.000 euro: aliquota Irpef pari al 23%;
  • Reddito da 15.001 a 28.000 euro: aliquota Irpef pari al 27% applicata sulla parte oltre i 15.000 euro;
  • Reddito da 28.001 a 55.000 euro: aliquota Irpef pari al 38% applicata sulla parte oltre i 28.000 euro;
  • Reddito da 55.001 a 75.000 euro: aliquota Irpef pari al 41% applicata sulla parte oltre i 55.000 euro;
  • Reddito oltre 75.000 euro: aliquota Irpef pari al 43% applicata sulla parte oltre i 75.000 euro.

Quanto si paga di Irpef sullo stipendio in base agli scaglioni Irpef

Allora la prima cosa da dire, se vuoi calcolare da solo l’Irpef sul tuo stipendio, è che devi individuare la base imponibile.

Gli scaglioni di reddito sopra elencati, nel caso di lavoratori dipendenti, sono riferiti allo stipendio netto, quindi al reddito complessivo percepito, escludendo i contributi Inps, gli assegni periodici destinati al mantenimento dei figli, gli assegni familiari e gli emolumenti per carichi di famiglia ed includendo invece le indennità di trasferta ed eventuali altre indennità previste da contratto.

Una volta individuata la base imponibile, potrai ricondurre il tuo reddito allo scaglione Irpef corrispondente e applicare le aliquote previste per legge per il calcolo Irpef.

Chiaramente in base a questo calcolo otterrai solo l’imposta lorda, cui dovrai poi sottrarre eventuali detrazioni fiscali cui hai diritto.

Ecco quindi la formula per calcolare l’Irpef:

Reddito complessivo – Oneri deducibili = reddito imponibile

Reddito imponibile x Aliquota Irpef (corrispondente al reddito imponibile) = Irpef lorda

Irpef lorda – Detrazioni d’imposta = Irpef netta

Non preoccuparti però di dover fare questo calcolo ogni volta che devi compilare il 730, in quanto il calcolo delle aliquote quindi l’importo lordo Irpef sarà già disponibile nel Cud annualmente rilasciato dal datore di lavoro o sostituto d’imposta nel caso tu sia un lavoratore dipendente, oppure dall’Inps nel caso tu sia un pensionato.

Cerchi altre pratiche guide sulla tassazione? Qui trovi tutte le guide attualmente disponibili


Aspetta! Scopri 7 idee di business su misura per te!


Cerchi una idea di business che ti renda un vero imprenditore e che ti calzi a pennello?

Quello che ti propongo infatti non è solo un modo per arrotondare, ma per dare vita ad una vera e propria attività commerciale su misura per te.

Scopri 7 idee di business per metterti in proprio






Redazione di Intraprendere
La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here