ansia da prestazione rimedi, ansia da prestazione
data-full-width-responsive="true">



Uno dei peggiori nemici che ci troviamo ad affrontare è l’ansia. Ci sono dei momenti in cui ci troviamo di fronte a dei veri e propri blocchi psicologici che non sappiamo come affrontare.

In queste situazioni se non sappiamo come gestire l’ansia pensiamo che non riusciremo a superare questo momento.

Se anche tu ti senti così forse stai soffrendo di ansia da prestazione. Ma esistono dei rimedi contro l’ansia da prestazione? Come combatterla e sconfiggerla? Vediamolo insieme.

Cos’è l’ansia da prestazione

L’ansia da prestazione è quella sensazione di disagio e di paura che sovviene nel momento in cui si pensa di non poter fare qualcosa.ansia da prestazione

C’è chi soffre d’ansia prima di tenere un discorso, chi prima di un esame oppure prima di fare un passo importante nella propria vita. In questo momento, si avverte l’aria che manca, la mente è confusa e non riesci a portare a termine un discorso logico.

Questa sensazione può andare avanti per ore o addirittura per giorni. L’ansia da prestazione può sovvenire all’improvviso in un momento difficile e portarti a non andare avanti con i tuoi progetti come vorresti.

I momenti che si temono di solito sono quelli in cui in realtà siamo più qualificati a gestire, peccato che nel cervello possa scattare questa molla di insicurezza che ci porta a dubitare delle nostre conoscenze e competenze.

5 Rimedi per combattere l’ansia da prestazione

Ma come riuscire a disattivare quest’allarme involontario che si crea nel nostro cervello? Come superare l’ansia da prestazione? Ecco cinque esercizi che potranno esserti utili, ma che non sostituiscono l’eventuale aiuto che un professionista sarebbe in grado di fornirti.

1. Pensa al presente

Come sconfiggere l’ansia? Il primo esercizio è pensare al presente. Iniziare a pensare al proprio futuro o a come andrà un’esibizione, una lezione o un discorso potrebbe diventare un fattore determinante per l’inizio di una diffusa sensazione di ansia.

Per questo motivo se hai un evento imminente, non devi proiettarti verso il futuro. In questo modo eviti di pensare troppo ai peggiori scenari che si possano verificare. Questa continua ossessione per ciò che succederà, per quello che può avvenire nel prossimo futuro rischia d’immobilizzarti nel presente.

Un eccesso di ansia ti porta a perdere la concentrazione, a dormire male e potrebbe anche toglierti il desiderio di andare avanti con un progetto, con lo studio, e persino con le attività più semplici come gli hobby.

Pensare al presente, rimanendo con i piedi ben saldi sul percorso attuale, ti permette invece di contrastare l’ansia e di combatterla al meglio.

Se senti che sta per sovvenirti un senso di paura o di paralisi, concentrati su ciò che devi fare realmente in questo momento per far andare le cose per il meglio.

Continua la tua vita come al solito, pratica sport, cerca di dormire bene la notte, non pensare alla vittoria o alla perdita nei prossimi giorni, ma pensa a quello che devi fare nel corso del presente.

Questo è un metodo molto utilizzato dagli atleti. Anche loro infatti non sono immuni dall’ansia da prestazione prima di una competizione sportiva.

Per riuscire a scacciare questo pensiero si concentrano sul momento che stanno vivendo. Si preparano ogni giorno allenandosi e pensando alla gara che stanno disputando al momento, senza concentrarsi sulla perdita o sulla vittoria.

2. Non cercare la perfezione

Una delle cose su cui ci concentriamo maggiormente è il voler essere perfetti. Nella nostra mente non vediamo l’andamento generale di ciò che stiamo facendo, spesso non ci soffermiamo sul risultato finale ma bensì rimuginiamo su ciò che avremmo voluto fare meglio o in modo differente.

Trascuriamo dunque l’impressione generale che abbiamo fatto, pensando esclusivamente ai quei momenti in cui non siamo andati bene, o pensiamo di aver fatto un errore.

Noi non possiamo controllare ogni momento!

Ma possiamo controllare il finale, la nostra riuscita nel complesso. Tutti abbiamo infatti, nel corso della vita o anche di un’esibizione dei momenti che consideriamo meno positivi.

I lungometraggi della nostra vita, ad esempio, contengono cose buone, brutte e cattive, ma è ciò che sei alla fine quello che conta davvero.

Quindi andare alla ricerca della perfezione causa solo un eccesso di ansia che ti impedisce di superare in modo adeguato gli ostacoli che hai di fronte, senza un senso esagerato di paura. Pensa solo al risultato finale al quadro generale.

Ad esempio: devi incontrare una persona importante al quale chiedere la partecipazione al tuo investimento. Nell’introduzione forse sarai più insicuro ma pensa al quadro generale, all’obiettivo finale. Pensa positivo.

Oppure, durante un colloquio di lavoro, cerca di ancorarti a quello che questo lavoro ti può portare di positivo e concentrati su ciò che hai da offrire.

Devi fare una presentazione? Non bloccarti sulle parole particolari da utilizzare, ma concentrati sul messaggio che vuoi infondere.

3. Non pensare troppo al tuo pubblico, ma concentrati sul perché quel pubblico è lì

L’ansia da prestazione colpisce principalmente chi deve tenere un discorso o un esame davanti a un pubblico più o meno ampio. Molti ti consiglieranno di non pensare che hai delle persone che aspettano di ascoltare cosa hai da dire.

Ma la soluzione migliore è un’altra, ovvero:

Non pensare a quel pubblico come un branco di lupi pronto ad attaccarti, ma pensa al perché sono li per ascoltarti, e soprattutto non badare alle reazioni del singolo.

Spesso capita nei discorsi dinanzi a un grande pubblico di trovarsi davanti una persona che sbadiglia, uno che gioca con lo smartphone disinteressato al tuo discorso, una persona visibilmente irritata.

Non devi badare a questi atteggiamenti, perché quelle persone che in quel momento sembrano indisponenti verso di te, in realtà lo erano già prima del tuo discorso.

Allora come combattere l’ansia in questi momenti? Mentre fai un discorso concentrati sugli sguardi sorridenti, su quelli che annuiscono, o che ti guardano con ammirazione, ed evita di fissare il tuo sguardo su coloro che invece si concentrano su altro o sono indisponenti.

4. Non sempre gli altri si accorgono dei tuoi errori se non li palesi

Una lezione molto importante da imparare è che non tutti si accorgono se hai commesso un errore, se hai detto una parola sbagliata ecc…Anzi diverse persone non ci fanno per nulla caso.

Lo sai perché? Semplice, come già accennato prima le persone guardano all’esibizione o al discorso nel suo complesso.

E se non palesi i tuoi errori, molto probabilmente non se ne accorgerà nessuno.

Ti faccio un esempio, in un coro oppure in una banda, se per un secondo uno strumento sbaglia una sola nota, molto probabilmente non se ne accorgerà nessuno se chi ha sbagliato continuerà a suonare o cantare.

Tutti possiamo sbagliare, si potrebbe avere un momento sfortunato, ma se si fa finta che non è successo niente nessuno potrebbe accorgersene.

Quindi come superare l’ansia? Se inizi a pensare che anche se inciampi nessuno se ne renderà conto, riuscirai a combattere al meglio l’ansia che ti sale prima di una prestazione.

5. Fai meditazione per calmare la mente

Infine, un’altra risposta alla domanda “come sconfiggere l’ansia” può venire da una tecnica antica ma efficace: la meditazione.

Devi sapere che l’ansia da prestazione potrebbe derivare da una confusione mentale, da un eccesso di pensieri negativi nei confronti di un ostacolo da superare.

Per riuscire a limitare questo caos che porta solo ad aumentare l’ansia nei confronti di una prestazione, di un discorso o il superamento di un esame, una soluzione può essere la meditazione.

La meditazione è un percorso che ti permette di raggiungere un momento di calma e positività nei confronti della tua vita e di quello che devi superare. Meditare però non è una pratica che si può fare solo al momento del bisogno.

Bisogna esercitarsi anche nel campo della meditazione. Imparando a meditare nel corso del tempo si riusciranno a vivere al meglio i momenti più difficili della nostra vita, compresa l’ansia da prestazione.

Vuoi scoprire come combattere la paura di parlare in pubblico? Clicca qui e scopri le 5 migliori tecniche di public speaking per abbattere la paura di parlare in pubblico.


Aspetta! Scopri 7 idee di business su misura per te!


Cerchi una idea di business che ti renda un vero imprenditore e che ti calzi a pennello?

Quello che ti propongo infatti non è solo un modo per arrotondare, ma per dare vita ad una vera e propria attività commerciale su misura per te.

Scopri 7 idee di business per metterti in proprio






Redazione di Intraprendere
La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here