fare business

Il 2020 sarà ricordato come l’anno della pandemia da Coronavirus. Per cosa sarà ricordato, invece, il 2021? Nessuno ha la palla di vetro per saperlo, ma a me piace pensare che il tema dominante dell’anno del post Covid sarà il “fare business”.

Perché dico questo? Te lo spiego subito: ritengo che il 2021 sia l’anno migliore per avviare un business. Curioso di sapere il motivo? A livello di riflessione personale, questi sono sostanzialmente due:

  • Da una parte, il 2020 ha aperto gli occhi a moltissime persone, facendo loro capire che ci sono tante cose, troppe, che non sono sotto il nostro controllo e non parlo solo della salute, ma anche della vita professionale e sociale;
  • Dall’altra, la pandemia ci ha mostrato chiaramente quali sono gli aspetti della nostra vita su cui possiamo avere la piena influenza e su cui, quindi, dobbiamo concentrare la nostra energia.

Poi ci sono gli esempi presi dal recente passato. È in periodi come questo che sono state infatti fondate alcune importanti aziende:

  • Durante la recessione dal 1957 al 1958 è stato aperto il primo hotel Hyatt;
  • Microsoft, l’azienda di computer più famosa al mondo, è stata fondata durante la recessione dell’embargo petrolifero del 1973-1975;
  • Infine, è dalla grande recessione dal 2007 al 2009 che sono scaturite diverse startup come Uber e il popolare sito per gli affitti vacanza a breve termine Airbnb.

Se le mie considerazioni e gli esempi che ti ho appena elencato non ti hanno ancora convinto che il 2021 è l’anno migliore per creare un business (oppure l’hanno fatto ma hai ancora delle perplessità su quale business fare oggi) tutto quello che devi fare è metterti comodo, inforcare gli occhiali se necessario e continuare a leggere!

5 motivi per cui fare business nel 2021

Nei paragrafi che seguono ti fornirò infatti 5 spunti di riflessione sul perché il 2021 è il momento migliore per avviare un’impresa.

1. Maggiore capacità di trovare talenti

Durante una recessione moltissime persone perdono il loro lavoro. Questa è una conseguenza molto triste e dolorosa ma per chi vuole fare un nuovo business questa è anche un’opportunità.

Dato che non tutti potranno risolvere il problema dell’occupazione avviando una propria azienda, molti cercheranno di unirsi a coloro che lo fanno, offrendo la loro esperienza e competenza dove è più apprezzata.

Questo significa che avrai modo di entrare in contatto con molte persone preparate e capaci che potranno supportarti nella tua nuova idea di business, qualunque essa sia.

La maggiore capacità di accedere a talenti che sono fondamentali per la crescita della tua attività soprattutto durante la fase iniziale rappresenta, senza dubbio, una grande risorsa per chi sta pensando di aprire un’impresa oggi.

2. Crescita dell’interesse verso il digitale

Un’altra conseguenza della pandemia è l’aumento del consumo di contenuti online. Questa rappresenta una grande opportunità per tutti coloro che lavorano in ambito digitale, dal copywriter all’assistente virtuale e sviluppatore di siti web. Ma sai cosa significa anche? Te lo dico subito:

  • Una grande espansione delle vendite online (si stima che l’e-commerce sia aumentato di quasi il 40% a causa del Covid-19);
  • Una crescita di interesse generale verso il mondo digitale.

Il lockdown ha costretto molte persone ad utilizzare in modo molto più massiccio il web non solo per intrattenersi, ma anche per comprare, lavorare, studiare. Questo ha fatto sì che gli strumenti digitali siano diventati indispensabili.

Anche se col ritorno alla normalità, molte persone ridurranno le ore trascorse davanti allo schermo di un pc e o di uno smartphone, la portata di questi cambiamenti è talmente ampia e irreversibile che non potrà che farsi sentire anche in seguito.

Questo non sono comporterà una sempre maggiore attenzione verso tutte quelle professioni legate ad internet e al digitale, ma anche una grande opportunità di successo per tutte quelle idee per fare business correlate con questa nuova realtà.

3. Maggiore possibilità di negoziazione dei costi fissi

Se hai già affrontato l’argomento come creare un business, già sai che uno degli ostacoli maggiori sono i costi fissi da affrontare all’inizio: affitto o acquisto dell’immobile, acquisto o noleggio della dotazione informatica, oneri fiscali per l’apertura della partiva iva sono solo alcune delle voci di spesa più pesanti da affrontare.

Ma sai qual è Sun aspetto interessante dei periodi di crisi? Che in genere i costi fissi per aprire un’impresa (ad esempio il costo degli immobili) diminuiscono e, anche quando non lo fanno, visti gli ampi margini di negoziazione con i proprietari di immobili e beni, diventa molto più facile “fare un buon affare”.

Dal punto di vista fiscale, poi, tieni d’occhio le manovre messe in campo da governo ed enti locali per facilitare l’avvio di impresa in tempi di magra come questo!

4. Riduzione dei costi per l’acquisizione dei clienti

Durante una crisi mondiale che colpisce soprattutto i consumi, è normale che le conseguenze maggiori interessino i grandi brand, che così iniziano a vacillare. Per le piccole aziende questo è, invece, sinonimo di nuove opportunità.

Un mercato debole è, infatti, anche un mercato fluido, in cui c’è più spazio per le nuove proposte e in cui è molto più facile per i consumatori passare da un marchio all’altro.

Questo comporta certamente una riduzione del costo di acquisizione clienti che faciliterà notevolmente l’avvio della tua nuova attività imprenditoriale nel 2021.

5. Maggiore sicurezza e forza emotiva

Un aspetto di cui spesso non si parla quando si affronta la questione come fare business è che, oltre agli aspetti materiali, uno dei maggiori ostacoli all’avvio di un’impresa è rappresentato da una scarsa o inadeguata fiducia in noi stessi.

È soprattutto questo a convincermi che il 2021 è l’anno perfetto per avviare un business.

Quando abbiamo iniziato a trascorrere più tempo nelle nostre case, abbiamo avuto più tempo per fare ciò che amavamo. Per molti di noi, questo ha significato cucinare, scrivere, parlare e pensare a nuovi modi unici per esprimere la propria creatività e il proprio essere.

Questo maggior tempo trascorso a essere introspettivi ci ha aiutato, senza dubbio, a comprendere quali sono le nostre capacità e i nostri punti di forza unici. Spesso, infatti, dubitiamo di noi stessi e di ciò in cui siamo bravi, al punto che il nostro dubitare ci impedisce di fare il passo successivo verso i nostri desideri più alti.

Crediamo che i nostri doni non siano regali unici. Crediamo che i nostri talenti arrivino facilmente a tutti, quando in realtà ce li abbiamo solo noi.

Se la pandemia da una parte ci ha costretto a rimettere in discussione le nostre certezze, dall’altra ci ha anche messo di fronte ad una verità: le nostre risorse interiori sono meno limitate di quello che crediamo e quando riusciamo a farle emergere sopra i sentimenti negativi come la sfiducia in sé stessi e l’autocommiserazione, allora, mettendoci il dovuto impegno, possiamo raggiungere qualunque obiettivo come il fare business che ci siamo prefissati.

Vuoi sapere se è il momento giusto per metterti in proprio? Clicca qui e scopri questi 7 consigli che ti aiuteranno a capire se sei sulla strada giusta!

La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here