Quando si gestisce del personale può capitare che la nostra pazienza venga messa alla prova da una carenza di motivazione o da una sorta di restistenza a prescindere al fare ciò che stiamo chiedendo ad uno o più “lavoratori problematici.” Ed il fatto che voi possiate essere il capo non significa che siate perfetto. A volte tutti diciamo cose di cui più avanti potremmmo pentirci.

A differenza del dipendente medio però, è compito del capo dare l’esempio e mantenere il giusto tono quando si tratta di comunicazione verbale. Voi non potete permettervi il lusso di rispondere a sentimento quando siete frustrati per mille motivi. L’ultima cosa che vogliamo è commettere dei passi falsi sul piano della comunicazione, errori che potrebbero demotivare lo staff arrivando a causare problemi ben più grossi per il vostro business.

Di seguito troverete sette frasi da evitare, soprattutto nel momento in cui siate in una discussione accalorata. Un commento istintivo ed immediato potrebbe causare danni alla vostra reputazione e distruggere ogni fiducia che i vostri dipendenti ripongono in voi. Fiducia che richiderebbe una vita per poter essere recuperata.

“Sono il capo, quindi fai come dico io.” Siamo tutti adulti. Non potete pretendere che i vostri dipendenti accettino un vostro comportamento ipocrita. Se utilizzate degli standard diversi per voi stessi e per i vostri dipendenti non potete aspettarvi che rispettino quello che chiedete loro di fare.

“Sei fortunato ad avere un lavoro.” Se questo è veramente quello che pensate di uno qualsiasi dei vostri dipendenti allora forse siete voi che siete fortunato ad avere un lavoro. Nessuno funziona bene in un ambiente dove si viene portati a sentirsi come si fosse in qualche modo in debito con il proprio datore di lavoro. Se non funziona particolarmente bene con un dipendente, siate professionali e confrontatevi direttamente con le reali problematiche. Trovate un modo di risolverle. La mentalità che i vostri dipendenti debbano “baciarvi l’anello” è immatura ed è l’evidenza della vostra mancanza di capacità come leader.

“Se non ti va trovo qualun altro che lo faccia.” Come Manager la maggior parte delle scelte spetta a voi, ma questa non è una giustificazione per comportarsi da coglione. Chiunque può chiamare se stesso il capo o il boss, ma qualcuno che è capace di esserlo utilizzerà le proprie capacità di leadership per motivare i dipendenti ed ottenere i risultati. Minacciare i propri dipendenti della perdita del posto di lavoro cercando di ottenere i propri obiettivi non è sostenibile. Certo, magari in un primo momento quello che avete chiesto verrà fatto, ma a seguire i vostri dipendenti diventeranno demotivati e cercheranno di fare il minimo necessario per tirare avanti. In caso non decidano prima di licenziarsi.

“Perchè sei solo tu ad avere problemi con questo?” Se stiamo parlando di un dipendente che protesta di continuo o che ha delle performance scadenti, allora affrontiamo nel dettaglio queste problematiche. Se invece stiamo parlando di un dipendente che generalmente è cooperativo, che ci sta creando difficoltà in una determinata situazione, allora dobbiamo essere certi che il problema non sia che non siamo disposti ad ascoltare le sue preoccupazioni o idee alternative alla nostra. O magari lui o lei sta solo avendo una brutta giornata. Qualsiasi sia la motivazione, non siate convinti a prescindere che sia ostinato e contrario senza alcuna ragione, e comunque non fate mai la domanda scritta sopra. Mai mettere a confronto i dipendenti. E’ come mettere a confronto i figli – una pessima idea.

“Non ho tempo per questo.” State scherzando vero? Voi siete IL CAPO. E’ il vostro lavoro organizzare il tempo. Invece di rifiutare rapidamente la richiesta del vostro dipendente cercate di trovare qualche minuto libero più avanti nella giornata o nel futuro prossimo in cui possiate dedicargli attenzione.

“Tu non hai idea di cosa sia lo stress.” Ognuno ha il proprio stress. Solo perchè avete deciso che il vostro è superiore a quello di tutti gli altri non significa che sia vero e comunque non vi da diritto di minimizzare quello degli altri.

“Non hai visto il mio nome sulla porta?” Si e allora!? Può anche essere vero che avete costruito questo business da zero e avete investito tutti il vostro tempo e denaro per fare dell’Azienda quello che è oggi. Ma non siete un Dio e far pesare la vostra posizione senza motivo non è produttivo, oltre a crearvi difficoltà nel conquistare la fiducia dei dipendenti. Senza dipendenti come potreste gestire da soli i vostri servizi di manutenzione o servizio clienti?





1 COMMENTO

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here