conto vendita, contratto conto vendita, conto vendita che significa

Se stai pensando di aprire un’attività commerciale, forse avrai già sentito parlare di conto vendita, un particolare tipo di contratto di rifornimento delle merci presso un fornitore che non ti obbliga al pagamento anticipato di tutti gli articoli che esponi in negozio.

Uno dei rischi maggiori, infatti, quando si avvia un’attività, è quello di acquistare più merce di quella che si è poi effettivamente in grado di smaltire con la vendita: questo costringe poi il titolare dell’impresa a trovare una soluzione al problema delle rimanenze di magazzino effettuando forti svendite.

Prendendo invece la merce in conto vendita, non esiste il problema dell’invenduto in quanto solo gli articoli venduti vengono pagati all’azienda fornitrice,   mentre le rimanenze vengono restituite.

Se vuoi scoprire come funziona il conto vendita e vuoi sapere tutto ma proprio tutto sul contratto estimatorio, altro modo di chiamare il contratto conto vendita, continua a leggere perché nei paragrafi che seguono troverai tutte le informazioni che ti servono.

Cosa significa conto vendita

Per conto vendita, o contratto di conto vendita, altro non s’intende che un particolare tipo di contratto che regola l’assortimento delle merci da parte di un negoziante nei confronti di un suo fornitore.

In particolare, questo tipo di contratto non prevede il pagamento anticipato degli articoli posti in vendita dal commerciante, il quale s’impegnerà a saldare solo quei prodotti che saranno effettivamente venduti ai suoi clienti, restituendo invece le rimanenze.

Importante notare però che il contratto di conto vendita ha di solito una durata ben precisa: trascorso, infatti, il periodo fissato, tutta la merce consegnata al rivenditore che ancora non è stata venduta dovrà essere restituita, mentre quella venduta andrà saldata entro i termini previsti.

Se da una parte, dunque, questo sistema permette al commerciante di tenere in negozio molti più prodotti, dall’altra consente anche al suo fornitore di poter distribuire in modo più capillare i suoi articoli sul mercato.

Occorre anche dire che con il conto vendita la merce rimane di fatto di proprietà del fornitore, tanto che qualora qualche articolo rimasto invenduto dovesse essere restituito non integro o danneggiato, quest’ultimo avrà tutto il diritto di essere risarcito.

Come funziona il contratto di conto vendita

I passaggi in cui avviene questo particolare tipo di contratto di assortimento delle merci, da parte di un’azienda produttrice ad un rivenditore autorizzato sono tre:

  1. Consegna delle merci al commerciante;
  2. Rendicontazione delle merci vendute;
  3. Restituzione degli articoli invenduti.

1. Consegna delle merci al commerciante

Avviene tramite corriere per cui viene sempre emesso un Documento di trasporto (Ddt) in cui è riportato che si tratta di beni consegnati in conto vendita, dunque senza la necessità di pagamento immediato.

La data riportata sul Ddt sarà quella cui terrà conto il fornitore per stabilire la durata del contratto (solitamente non oltre 1 anno), dunque il momento in cui dovranno avvenire i due passaggi successivi, vale a dire rendicontazione del venduto e restituzione dell’invenduto.

2. Rendicontazione delle merci vendute

Quando il venditore vende gli articoli che ha in conto vendita, è obbligato ad emettere ricevuta o scontrino fiscale compreso di IVA ai suoi clienti; in seguito, quando farà al fornitore il rendiconto del venduto, solitamente in forma scritta, riceverà a sua volta una fattura di pagamento comprensiva di tutte le imposte.

Ci sono dunque per la merce in conto vendita aspetti fiscali da considerare, in quanto si assiste di fatto ad una doppia cessione dello stesso bene, prima dal fornitore al commerciante, poi dal commerciante al cliente finale.

3. Restituzione degli articoli invenduti

Una volta scaduto il termine di deposito previsto da contratto, la merce invenduta dovrà essere restituita; pur non essendo obbligato a sostenere alcuna spesa qualora degli articoli dovessero essere riconsegnati con danni evidenti, il fornitore può chiedere di essere risarcito obbligando il commerciante a pagare lui stesso il costo del prodotto.

Cosa si intende per franchising in conto vendita

La formula del conto vendita è oggi molto diffusa anche nel mondo del franchising, anzi, per quello che riguarda il settore dell’abbigliamento i franchising in conto vendita senza investimento sono oggi fra quelli più diffusi.

Ora questo potrebbe far pensare che si tratti di una formula vantaggiosa solo per l’affiliato, il quale con un franchising conto vendita non si accolla i costi dell’invenduto; in verità, questo particolare tipo di contratto di assortimento delle merci, conviene anche alla società affiliante, soprattutto se si tratta di aziende produttrici che hanno un grande vantaggio nell’allocare nei negozi che recano il proprio brand un grande quantità e varietà di articoli.

Il franchising in conto vendita, dunque, rappresenta una variante dello stesso franchising in cui il negoziante affiliato rappresenta di fatto una sorta di intermediario tra la società affiliante e il cliente finale, che collabora in questo modo anche alla diffusione e pubblicità del marchio, senza però essere costretto all’acquisto della merce.

Pur usufruendo, quindi, di alcuni dei vantaggi tipici del franchising come ad esempio il fatto di poter usufruire della forza del brand, dell’assistenza e delle competenze in fatto di marketing della società affiliate, l’affiliato non può né acquistare né gestire lo stock, che dovrà essere restituito entro i termini del contratto di conto vendita.

Sei alla ricerca dell’opportunità di business giusta per te? Fai subito il Quiz di Intraprendere per avere subito la risposta che cerchi





Redazione di Intraprendere.net
La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here