come aprire un autolavaggio, aprire un autolavaggio

Sei alla ricerca di una nuova idea imprenditoriale? Perchè non aprire un autolavaggio? Che il business delle auto non si fermi mai, è risaputo. Forse, però, sottovaluti quanto le persone tengano alla propria autovettura.

Molte persone, infatti, sono disposti a spendere parecchio per tenerla come nuova. Senza contare il fatto che nelle zone piovose, un lavaggio settimanale è d’obbligo. Inoltre non sono chieste competenze tecniche specifiche.

Chi trova fortuna con il lavaggio auto è solitamente appassionato di macchine, ama circondarsene e soprattutto vederle pulite.

Se ti ritrovi nel quadro appena descritto, continua a leggere la mia guida per sapere tutto il necessario su come aprire un autolavaggio.

Aprire un autolavaggio: definizione e tipologie

Per autolavaggio si intendono impianti e attrezzature, dedite al lavaggio delle vetture sia all’interno dell’abitacolo che all’esterno della carrozzeria.

Esistono diversi sistemi di lavaggio auto e scegliere di investire in uno piuttosto che nell’altro non è di poco conto, visto che le spese iniziali e di mantenimento possono essere molto differenti.

Ecco le possibili alternative.

Autolavaggio a mano o servito

È il modo più semplice per lavare l’auto, alla portata di tutti perchè l’investimento iniziale è il meno impegnativo. Considera però che è il sistema più lento, ti ci può volere più di mezz’ora per lavare ogni singola vettura. Il lavoro viene svolto principalmente a mano con l’ausilio di mezzi come secchi, spugne, aspirapolveri e quant’altro.

Autolavaggio self-service

L’automobilista, con un gettone, ottiene il lavaggio dell’auto con sistema automatizzato e a tempo. Di solito si può scegliere tra più opzioni come lavare l’auto solo all’esterno o anche all’interno.

In questo caso dovrai principalmente controllare che le macchine funzionino correttamente e che le forniture di acqua, sapone e cera siano sufficienti. Offrire un cambiamonete che sia sempre funzionante è un aspetto che piace ai clienti. Nel caso dell’autolavaggio self-service, il franchising è l’opzione preferita.

Autolavaggio automatico

È un sistema molto comune, gestito dal computer che elabora le singole macchine una ad una e le sottopone a un lavaggio automatico a pressione. Per le auto più datate potrebbe risultare troppo abrasivo in quanto vengono usate spazzole e un getto d’acqua ad alta pressione.

Spesso lo si trova integrato presso le stazioni di servizio.

Non sono necessari dipendenti, il lavoro si sostanzia nel controllo periodico del corretto funzionamento delle macchine e delle forniture.

Autolavaggio combinato

Combina il meglio dei sistemi idrici ad alta pressione, evitando il contatto diretto della vettura con oggetti meccanici. Si ottiene un risultato molto simile a quello del lavaggio a mano. Per il lavoro di rifinitura si ricorre a manodopera per evitare abrasioni.

Il lavoro consiste nel controllare che le attrezzature funzionino correttamente, oltre ad avere sufficienti forniture è importante avere il numero giusto di lavoratori affinchè si possano soddisfare le richieste.

Car detailing o lavaggio al dettaglio

Merita qualche parola anche questa nuova forma di lavaggio dell’auto che si sta diffondendo a macchia d’olio negli ultimi tempi.

Può essere sia un servizio aggiuntivo di una delle tipologie di autolavaggio sin qui esaminate, che un business a parte.

È una forma di pulizia molto minuziosa che si avvale di prodotti innovativi molto meno aggressivi di quelli di una volta, come il lavaggio auto a vapore o il lavaggio auto a secco, volti a “ringiovanire” l’auto.

La cosa che piace di più, è la sensazione avvertita quando si entra nella macchina pulita, che ricorda quella di un’auto appena uscita dalla fabbrica. Non c’è polvere e nessun odore, il risultato è il migliore sperato. Oltre a prodotti e attrezzature specifiche, non si può fare a meno della manodopera.

Iter burocratico

Nonostante non siano richieste qualifiche professionali particolari, dal punto di vista burocratico c’è un iter piuttosto specifico da seguire.

E’ necessario presentare all’ufficio tecnico del Comune dove si intende aprire l’attività, un progetto che:

  • Descriva come e dove smaltire le acque reflue.
  • Attesti la conformità a norma di legge delle attrezzature e dell’impianto acustico.

Il Comune deve riconoscere la conformità del progetto, solo dopo si potrà procedere all’apertura della Partita Iva, all’iscrizione presso il Registro delle Imprese e presso la Camera di Commercio.

L’importanza di avere un business plan per aprire un autolavaggio

Non mi stanco mai di sottolineare il ruolo cruciale che riveste il business plan: senza di esso la tua impresa difficilmente potrà decollare.

È nel business plan che vengono sentetizzati tutti gli aspetti della tua idea imprenditoriale.

Nel caso dell’autolavaggio per esempio, sarà necessario dedicare un’apposita sezione al progetto che deve ottenere la conformità per lo scarico delle acque reflue e per le attrezzature.

Il business plan ha sia una valenza interna che esterna.

Serve a te, per esempio per capire quali sono le criticità della tua idea, e come risolverle. Va costantemente aggiornato e una volta che l’impresa viene avviata, funge da vera e propria guida.

Tuttavia ha anche utilità all’esterno perchè per esempio, nessun potenziale investitore finanzierebbe un’attività, di cui non conosce tutti gli aspetti cruciali.

Trovi qui la guida per come compilare un vero business plan in soli 30 minuti.

La location

Per questo business la location è tutto.

L’affitto dell’area è, infatti, una delle voci di spesa più consistenti. I lotti destinati agli autolavaggi hanno dimensioni che vanno dal mezzo ettaro ad anche più di un ettaro, per ospitare capannoni ed attrezzature.

Anche nel caso del lavaggio auto a mano tieni conto che maggiore è lo spazio a disposizione, maggiori possono essere le richieste soddisfatte. Inoltre il cliente si sentirà più invogliato a parcheggiare per ottenere il servizio.

Come per qualsiasi attività commerciale per funzionare deve trovarsi in zone dove la gente possa arrivarci facilmente.

In particolare funziona bene in aree molto trafficate, dove circolano molti veicoli, nei pressi di centri abitati, centri commerciali, stazioni di servizio e arterie ad alto scorrimento.

Quanto costa aprire un autolavaggio: spese iniziali

I costi iniziali variano a seconda della tipologia scelta.

Si parte da poche migliaia di euro per un autolavaggio a mano, fino ad un milione di euro per un autolavaggio combinato.

Ci sono voci di spesa comuni a qualsiasi autolavaggio, ecco quali:

  • Costi d’impianto
  • Sistemi di depurazione
  • Fornitura di acqua ed energia elettrica
  • Contratto di affitto dell’area
  • Segnaletica

A questi costi si aggiungono quelli propri di ciascuna tipologia.

Lavaggio a mano. È quello che richiede l’investimento minore, visto che il lavoro viene svolto a mano. Devi considerare spese del tipo:

  • Secchi
  • Sapone
  • Spugne
  • Seccatoi per finestre
  • Stracci in camoscio
  • Aspirapolvere industriale bagnato/asciutto
  • Volantini promozionali
  • Copertura per l’ombra
  • Costi del personale se hai operai

Autolavaggio self-service. Si parte da almeno 180 mila euro per iniziare a seconda della posizione scelta. Tra le voci di spesa più significative ci sono:

  • Attrezzature per autolavaggi self-service
  • Capannone

Autolavaggio automatico. Essendo molto più grande di un self-service, richiede un investimento significativo partendo dai 450 mila euro. Le principali voci di spesa sono costituite da:

  • Attrezzature per il lavaggio automatico dell’auto
  • Costruzione della struttura

Autolavaggio combinato. È la tipologia più costosa richiedendo un investimento iniziale di almeno 1 milione di euro. Di solito si opta per l’acquisto di attività già esistenti, altrimenti meglio affiliarsi ad un franchising così si evita di correre rischi inutili.

Le attrezzature usate sono all’avanguardia, in più non puoi fare a meno di manodopera per rifinire il servizio. I costi principali sono:

  • Attrezzature
  • Personale dipendente

Car detailing o autolavaggio al dettaglio. Spesso fa parte di una delle tipologie di autolavaggio appena esaminate. I costi non sono particolarmente eccessivi e dipendono dai servizi specific offerti. Devi considerare costi del tipo:

  • Restauratore di cuio
  • Cromato lucido
  • Attrezzature per il lavaggio a pressione di motori e sottocarri
  • Attrezzature per il trattamento dei pneumatici
  • Costi del personale

Spese di gestione

Alle spese iniziali si aggiungono quelle correnti di gestione. Le principali sono costituite da:

  • Canone mensile di affitto. È forse la voce più consistente.
  • Forniture di acqua e corrente elettrica. Per far funzionare questo tipo di attività serve moltissima acqua, nei sistemi automatici anche l’energia elettrica non è da meno.
  • Forniture di prodotti per la pulizia come sapone, cere, etc..
  • Stipendi dei dipendenti qualora decidessi di assumerne.
  • Costi di manutenzione delle attrezzature.

Modalità di finanziamento

Il lavaggio auto a mano e al dettaglio sono le opzioni che richiedono minore budget. Mentre l’autolavaggio automatico e quello combinato, sono quelle più “rischiose”.

Ma sono anche le più remunerative, visto che si possono arrivare a lavare fino a 300 auto al giorno, un numero difficilmente pensabile con gli altri sistemi.

Tuttavia quasi sicuramente avrai bisogno di un finanziamento.

Esponi il tuo business plan alle banche e valuta la possibilità di ottenere un prestito bancario.

Informati presso la tua regione circa l’esistenza di finanziamenti per nuove attività imprenditoriali e verifica se possiedi i requisiti.

Valuta di metterti in società con chi possiede i capitali e vuole investirli per diversificare le sue entrate. Puoi optare per un socio di capitali, ovvero una persona che partecipa solo finanziariamente e un socio di gestione che invece si occupa anche degli aspetti gestionali dell’impresa.

Profitti di un autolavaggio

Aprire un autolavaggio può essere molto remunerativo, ma devi ponderare bene le tue scelte strategiche, che saranno diverse a seconda delle tipologia scelta.

Di seguito ti propongo qualche consiglio specifico per tipologia di autolavaggio.

  • Autolavaggio a mano. Più che in altre forme di lavaggio auto, in questa sono importanti le tue capacità di relazionarti con il pubblico. Devi lavorare molto su marketing e promozione affinchè il cliente venga a trovarti non solo una volta. Offrire un lavaggio gratuito ad un conoscente, oppure offrire un lavaggio gratuito ogni tot lavaggi a pagamento sono degli esempi di strategie vincenti. Anche distribuire volantini, concludere accordi con ristoranti e offrire servizi aggiuntivi, possono farti aumentare i profitti.
  • Autolavaggio self-service. È necessario lavorare sull’insegna. Una segnaletica luminosa e l’apertura h 24 sono fondamentali per poter guadagnare.
  • Autolavaggio al dettaglio e autolavaggio combinato. Sono due tipologie differenti ma in tutti e due i casi il cliente tipo è lo stesso, ovvero una persona facoltosa o benestante che ci tiene particolarmente alla sua auto, spesso di lusso. Trovare un canale per captare questo tipo di clienti deve essere il tuo obiettivo. Punta a frequentatori di hotel di lusso e di concessionarie auto di lusso.
  • Autolavaggio automatico. Per questa tipologia funziona bene aggiungere all’autolavaggio, un altro business a cui il cliente accede nell’attesa. Si può trattare di un bar, un fast food, ma non escludere servizi di lavanderia o di lavaggio a secco. Potresti pensare di concludere accordi con i concessionari per lavare le loro auto di notte.

Perchè aprire un autolavaggio in franchising

Benchè il lavaggio auto non richieda competenze specifiche, è pur sempre un’attività commerciale.

Offrire servizi impeccabili e attenzione al cliente è necessario ma non sufficiente. Bisogna puntare anche su una campagna marketing e promozione efficace.

I profitti arrivano principalmente dai clienti abituali.

Se vuoi avere successo devi conquistare i clienti, e soprattutto devi fare in modo che ritornino, e che consiglino te a parenti ed amici.

Questo aspetto risulta notevolmente facilitato se decidi di aprire un autolavaggio in franchising. Potresti usufruire di un brand già noto, che già ha provveduto a studiare le strategie promozionali vincenti. Inoltre potresti contare su un esperto che ti affiancherebbe nell’avvio e nella gestione dell’attività.

Anche l’approviggionamento delle attrezzature e delle forniture sarebbe notevolmente facilitato.

Oggi il franchising è la scelta vincente per avviare un business di successo evitando rischi inutili.

Ciò vale in particolare per imprese come aprire un autolavaggio self-service, automatico, o combinato che richiedono un budget impegnativo.

Partecipa ad uno dei tanti eventi in materia, come il Salone del Franchising e potrai farti un’idea dal vivo conoscendo esperti del settore!

Ti ho convinto a voler aprire un autolavaggio? Qualunque sia la tua risposta non dimenticare di fare subito il quiz di Intraprendere per trovare l’idea di business fatta su misura per te





LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here