Network Marketing: Trovare le Reali Opportunità e Creare una Strategia Vincente

Quando sentiamo parlare di Network Marketing, immediatamente associamo l’attività a qualcosa di negativo, difatti il binomio che salta subito alla mente è “network marketing = truffa”.

Questo però succede solo in Italia dove ormai abbiamo associato il Marketing Multilivello a qualcosa di negativo.

Probabilmente la nostra reticenza è legata al fatto che alcune aziende che hanno sviluppato questo modello siano fallite e non abbiano mantenuto le promesse con i propri clienti / partner.

Ritengo però che questo sistema di vendita non sia così negativo come molti ci vogliono far credere. È infatti molto sviluppato in altri paesi e parecchie aziende importanti hanno basato la loro organizzazione con questo tipo di struttura.

Pensate ad esempio a prodotti estremamente qualitativi come il Bimby o la Tupperware.

In questo articolo mi sono quindi posto l’obiettivo di affrontare la tematica nel modo più oggettivo possibile chiarendo come funziona il network marketing e partendo dalla definizione di network marketing, esplorando i punti di forza e debolezza del sistema, fino a studiare gli esempi delle aziende italiane che si avvalgono del marketing multilivello per darti degli elementi concreti per scegliere l’opportunità che fa per te.

Se stai lavorando per crearti un business autonomo, sicuramente ti interesserà anche leggere:

  • La nostra raccolta di ben 45 idee imprenditoriali per avviare un lavoro da casa;
  • O, se cerchi il modo per arrotondare lo stipendio in modo meno impegnativo, la guida contenente tutti i modi per guadagnare online.

Adesso però mettiti comodo e iniziamo insieme ad esplorare il mondo del Network Marketing e cominciamo a ricspondere alla domanda che cos’è il network marketing? E sopratutto il network marketing funziona?

Il Network Marketing: una definizione

Partiamo subito da una definizione del Network Marketing: cos’è?

Il networkmarketing è un business model in cui è necessaria una rete di distribuzione per costruire il business stesso.

Di solito questa tipologia di modelli applica anche le logiche del multilevel marketing (MLM – marketing multilivello), dove si devono acquistare i prodotti di cui si diventa venditori, attraverso la vendita diretta o reclutando altri venditori per guadagnare una fee sulle loro vendite.

Dovessimo riassumere con un’immagine per semplificare questo processo potremmo immaginare questo schema:

Network-marketing-MultilivelloÈ quindi un metodo di distribuzione di prodotti e servizi che, sulla carta, permette a chiunque di diventare un imprenditore-distributore e di creare una rete di distributori senza consistenti investimenti in denaro.

Il Network Marketing VS i sistemi di organizzazione classici

Ci sono molte differenze fra il sistema multilivello e i sistemi di organizzazione tradizionali delle aziende, ma non per questo si può considerare uno modello meglio di un altro.

Le variabili per il successo di un’azienda che si basa sul Network Marketing sono molte: il fattore fondamentale è naturalmente la qualità del prodotto, ma questo vale anche per le aziende con un modello tradizionale.

Vedremo più avanti i fattori da tenere in considerazione. Ora concentramoci a capire le differenze sostanziali fra le due strutture:

  • Meritocrazia: Il networking marketing è un sistema meritocratico, fa strada solo chi porta risultati tangibili di fatturato. Quante volte invece ci siamo trovati a commentare delle promozioni aziendali assolutamente non meritate?
  • Tempo libero: nel network marketing gestiamo il tempo come ci sembra più opportuno. Non abbiamo orari da rispettare, ma solo obiettivi economici.
  • Libertà finanziaria: se abbiamo la capacità di creare un buon network di venditori gran parte del guadagno sarà dato dalle fee sulle loro vendite, e ciò significa più tempo libero per aumentare ulteriormente i nostri guadagni.
  • Facilità di accesso: abbiamo l’opportunità di provare a diventare imprenditori ad un costo assolutamente accessibile.
  • Istruzione: basandosi su un sistema meritocratico, i superiori saranno sempre ben disposti a dedicarci del tempo per insegnarci cose interessanti sul prodotto e sulla vendita. In un’azienda tradizionale, purtroppo ancora oggi per molti dedicare del tempo all’apprendimento è una perdita di tempo e non un investimento sulla nostra figura.
  • Flessibilità: essendo un sistema che richiede un impegno di tempo modulabile in base agli obiettivi, e in cui l’investimento iniziale è così basso, ci permette di iniziare a provare in maniera graduale impiegando tempo part-time o addirittura il tempo libero al di là del lavoro principale.

Come valutare le opportunità di Network Marketing

Ma quindi come trovare la migliore azienda network marketing?

Dato che i programmi di network marketing, in Italia, si collocano a metà strada fra la regolamentazione mirata alle aziende e quella applicata ai franchising, dovresti informarti molto bene prima di investire tempo e denaro affiliandoti ad un sistema di questo tipo.

La maggior parte dei programmi di Network Marketing richiedono inoltre che ogni affiliato faccia opera di evangelizzazione, reclutando cioè altri affiliati.

Di conseguenza anche le “nuove reclute” diventano una fonte di guadagno, dato che una parte del fatturato generato dalle loro vendite verrà percepito dal rispettivo reclutatore sotto forma di fee..

Questo meccanismo diventa sospetto quando la fonte primaria di remunerazione di un programma di network marketing diventa il reclutamento di altre persone, piuttosto che la vendita diretta di prodotti e servizi.

Un sistema di network marketing in cui la maggior parte degli introiti provenga dall’attività di reclutamento è considerato illegale, perché assimilato ad un sistema piramidale (vietato dalla legge 173 del 2005 – art. 5).

Qui di seguito ho preparato 6 domande che dovresti porre/porti, per acquisire tutti gli elementi necessari che ti consentano di prendere una decisione ponderata.

1. Da quanto tempo è in attività l’azienda?

Se opera già da diversi anni, avrà già degli affiliati con un business ben avviato. Chiedi delle referenze. Se non dovessero dartene, vai più in profondità per scoprire il perché.
Se invece si tratta di una sartup, informati sulla loro stabilità finanziaria. Sono adeguatamente finanziati per mantenere le loro promesse?

2. Chi c’è dietro l’azienda?

Il board è composto da persone con provata esperienza imprenditoriale? Hanno delle case history di successo alle spalle? Hanno già un background di successo nel network marketing? In caso negativo, ci sono consulenti interni autorevoli che hanno questo know how e aiutano a guidare l’azienda?

3. Hai un interesse personale nei prodotti o nei servizi che dovrai vendere?

Di solito vendere qualcosa che non sentiamo a noi vicina rende tutto il lavoro più complicato. Tu compreresti questi prodotti? Ne raccomanderesti l’acquisto ad amici e parenti anche se non percepissi alcuna remunerazione per farlo? Hai già testato questi prodotti? Li ritieni validi?

4. Che tipo di formazione viene offerta a chi comincia?

Non puoi fare ciò che non sai fare, è ovvio. Quindi accertateti di poter avere accesso ad una struttura di supporto sia per il periodo iniziale che per tutta la durata dell’attività.

5. L’azienda offre buoni strumenti di supporto?

Bisogna inventarsi il lavoro da zero o viene fornito un piano di vendita collaudato, e degli strumenti che ti aiutino ad iniziare? Stiamo parlando di video lezioni, sessioni di formazione della forza vendita, libri, cataloghi, sito web, eCommerce, ecc. Insomma qualsiasi cosa possa considerare un supporto alla vendita. Dovrai infatti collegare il tuo website personale (o profilo LinkedIn) al website dell’azienda, per acquisire crediti dagli acquisti effettuati dai tuoi clienti. Che tipo di tracciamento utilizzano per la corretta attribuzione di questi acquisti?
Inoltre, qual è la garanzia offerta sul prodotto? Dovrai aspettarti clienti sulla tua soglia di casa nel momento in cui avranno un problema con il prodotto che gli avete venduto? O è l’azienda che segue sia te che il supporto postvendita?

6. Come guadagnerete soldi?

Se acquisterai prodotti o servizi all’ingrosso, per poi applicare un tuo margine di profitto, l’azienda dovrà avere di certo una formula per massimizzarne la redditività. Credi di riuscire a rientrare velocemente del tuo investimento? Il tuo piano di remunerazione è facilmente comprensibile?

Cerca di capire bene se il tuo guadagno consista nella totalità del markup che applicate ai prodotti acquistati all’ingrosso o se ti verrà riconosciuta una provviggione variabile in funzione dei volumi di vendite che genererai. Sii scaltro e non accontentarti delle sole informazioni contenute nelle brochure promozionali. Fai molte domande e sii certo di capire bene da dove proverranno i vostri ricavi.

Se puoi, fatti consigliare da qualcuno di fiducia che abbia già avuto esperienze nel network marketing per valutare il tema delle remunerazioni. L’azienda dovrebbe avere una presentazione dettagliata del loro piano, per aiutare i novizi a semplificare la comprensione di tutte le complessità.

Non farti spaventare: un buon sistema di remunerazione potrebbe essere complesso. Semplicemente prenditi tutto il tempo che ti sarà necessario per comprendere appieno il modello di remunerazione in uso.

9 trucchi per far funzionare la tua attività di Network Marketing

E ora che ti ho dato gli strumenti per valutare le proposte di network marketing, passo a darti alcune dritte su come creare un network marketing e rispondere alla domanda “come fare network marketing?”

1. Definisci il tuo target.

Per avere successo con il network marketing devi conoscere qual è il tuo pubblico. Chi può aver bisogno del tuo prodotto? Parti banalmente dalla definizione socio-demografica: cerca di capire se il prodotto di cui ti stai occupando possa interessare maggiormente uomini o donne, persone mature o giovani..

Una volta che hai definito il target socio-demografico devi capire perché può aver bisogno del tuo prodotto, quali bisogni cerca di soddisfare. In questo modo saprai su quali qualità porre maggiormente attenzione durante la presentazione al tuo pubblico.

2. Definisci “il perché”

In comunicazione si parla di “reason why”, banalmente del perché una persona dovrebbe scegliere il nostro prodotto rispetto ad un altro.

È di fondamentale importanza che tu abbia chiaro in testa questo concetto, perché è una leva di vendita fondamentale.

3. Definisci la tua motivazione

Qual è il motivo per cui hai deciso di iniziare questa attività imprenditoriale? Hai bisogno di soldi extra? Vuoi cambiare lavoro e vita? Tieni sempre a mente il tuo obiettivo finale, ti permetterà di non scoraggiarti nella parte iniziale dell’attività che è solitamente la meno fruttuosa.

Tempo e dedizione ti porteranno ai risultati che ti sei fissato. Avere il tuo obiettivo chiaro nella mente ti permetterà di avere sempre la giusta motivazione per ottenerlo.

4. Parti da un interesse

Per inizire scegli un prodotto da vendere che ti interessa particolarmente. Se hai già un interesse per il prodotto significa che sei informato sullo stesso e soprattutto raccogliere informaioni sarà per te più facile e divertente.

Insomma potrai legare lavoro e passione, cosa che in pochi riescono a fare.

5. Ricorda che sei un professionista

Solitamente il mantra che ti ripetono nelle aziende di network marketing è di contattare amici e parenti. Questo avviene per due motivi:
– Iniziare ad avere i primi appuntamenti con persone che si conoscono permette di acquisire fiducia in se stessi.
– Parenti e amici sono più propensi ad acquistare il prodotto, perché si fidano del tuo giudizio. Iniziare a vendere subito ti permetterà di acquisire ancora più coraggio e sicurezza.

Ricordati però che sei un professionista e la differenza nel diventare ricco o avere un lavoretto nel tempo libero la fa la costruzione di un network marketing vincente.

Esci quindi prima che puoi dalla tua zona di comfort e vai a caccia di nuovi clienti!

6. Non lanciarti a capofitto

Non esagerare nel legarti a troppi sistemi di Network marketing. Inizia con uno, cerca di conoscere bene il prodotto che devi vendere e affina le tue strategie.

Nel momento in cui avrai successo con un prodotto potrai sfruttare la tua rete per vendere altri prodotti: se hai clienti soddisfatti, saranno ben disposti di riacquistare da te anche altri beni e servizi, perché si fideranno del tuo giudizio.

Ma per conquistare la fiducia dei clienti ci vuole tempo.

7. Dedicati del tempo

Appena si inizia un’attività imprenditoriale si ha l’ansia di raggiungere gli obiettivi di vendita. Ma si sa che la fretta è cattiva consiglia.

Prenditi del tempo per:

– conoscere bene il prodotto che vuoi vendere
– Studiare il tuo target
– Cercare nuovi clienti che non siano solo parenti e amici
– Affinare una strategia di vendita
– Capire come arruolare nuovi venditori che lavorino per te
– Leggere libri di leadership: sviluppare la tua leadership ti permetterà di essere più credibile sia agli occhi dei tuoi clienti che nei confronti dei tuoi venditori

Per diventare bravi bisogna studiare e imparare. Dopo che avrai un piano di azione completo potrai iniziare ad agire!

Se vuoi vedere una crescita significativa dei tuoi guadagni dovrai migliorare sempre la tua conoscenza.

8. Stai vicino ai mebri dello staff

Cerca di stare più a stretto contratto che puoi con l’organizzazione: loro guadagnano se guadagni tu, quindi saranno ben disposti a darti informazioni e aiutarti nella tua crescita professionale

Network marketing: le opportunità in Italia

In Italia le aziende serie che si affidano al network marketing come sistema di vendita non sono molte.

Per concluedere questo articolo sul marketing multilivello non mi resta che darti un elenco delle opportunità che reputo le migliori:

Avon: Marchio storico di prodotti di bellezza per donne, ha basato il suo successo proprio su figure femminili che cercavano un’attività che permettesse di avere maggior tempo libero da dedicare ai figli.
Tupperware: Tupperware mette a disposizione un set di prodotti per la cucina di una qualità estremamente alta.
Herbalife: Azienda arrivata in Italia da meno tempo si è subito consolidata grazie ai prodotti di buona qualità di bellezza e nutrizione. 
Vorwerk: chi non conosce il Bimby o il Folletto? La Worker ha ideato e messo in vendita questi prodotti con successo indiscusso. La rete di network marketing è fitta ma ci sono ancora molte opportunità grazie allo sviluppo di nuovi prodotti all’avanguardia.
La valigia rossasi definiscono l’aziende un’azienda di donne che lavorano per le donne. Hanno come obiettivo quello di aiutare le donne a vivere la propria sessualità e il rapporto di coppia in maniera più consapevole e leggera. I prodotti sono differenti: partono da quelli per la cura del corpo fino a porti più hot di erotismo.
Amway: Azienda americana leader nel settore di prodotti della nutrizione e prodotti di bellezza nella vendita diretta.

Ora hai tutti gli strumenti per valutare se buttarti nel Network Marketing, se invece non sei ancora convinto qui potrai trovare molte altre idee imprenditoriali.





12 Commenti

  1. io lavoro da ormai un po di tempo per un azienda che offre dei buoni introidi reali e sicuri e mette a disposizione un ottimo sistema di network marketing totalmente legale è la global intergold (ex emgoldex) che da la possibilità a chiunque voglia entrare nel suo sistema, a patto che completi le richieste dell’azienda, di aver un buon tornaconto al termine di ogni ciclo che ha la durata di circa 30/40 giorni partendo da una quota a scelta che, se non si riuscisse a soddisfare le richieste minime dell’azienda vi verrà rimborsato l’investimento fatto. l’azienda tratta la compravendita di oro puro al 999,9 di 24kt

  2. Deve essere difficile comprendere il network marketing con gli occhi di un dipendente. Ogni obiezione al network marketing in Italia è la mia migliore fonte di formazione!

  3. Buon pomeriggio,
    grazie per l’articolo, lo leggo solo ora e finalmente qualche buona informazione riguardo un’industria Florida, Remunerativa, dove cresci in termini personali e finanziari.

  4. Buon pomeriggio, questo articolo lo leggo al momento giusto, dato che mi è stata fatta una proposta del genere.
    A tale proposito vorrei chiedere, se possibile, un chiarimento sul reddito percepito:
    – e’ cumulabile con altri redditi provenienti da lavoro dipendente?
    – potrebbe entrare in contrasto con il sussidio di disoccupazione percepito?
    Per entrambe i quesiti mi è stata fornita risposta negativa:
    – il reddito dell’attività di network marketing non è cumulabile con altri redditi percepiti (da lavoro dipendente), il che vuol dire che non si è soggetti ad ulteriore tassazione;
    – non intralcia il percepimento del sussidio di disoccupazione e non fa cumulo con esso.
    È vero?
    Ringrazio in anticipo per il chiarimento.
    Lara

    • Lara buongiorno, si è vero che il reddito percepito, qualora ci sia non comuna con altri redditi. Per quanto riguarda il sussidio di disoccupazione, tieni presente che al momento del tuo “reclutamento” dovrai necessariamente sottoscrivere una lettera d’incarico con l’azienda. Quindi quel sussidio di disoccupazione sicuramente verrà meno.

  5. Salve,
    Io sono sempre stato molto scettico riguardo queste metodiche di guadagno. Ma mi sta colpendo molto il modo in cui si sta diffondendo. Intanto grazie per l’ottimo articolo che spiega molto semplicemente il sistema. Ma è chiaro che ci sono molte aziende al giorno d’oggi che usano questo sistema, io vorrei provare a buttarmi nella mischia, ma la mia paura e quella di essere un po’ in ritardo, perché vedo che veramente in tanti si stanno cimentando in quest’attività. Ma so anche che la maggior parte di questi non hanno neanche l’idea di cosa significhi la parola network marketing. Ed ecco la mia domanda io vengo e lavoro in tutto altro mondo (sono un camionista), ma in questo anno e mezzo mi sono successe parecchie cose, sia buone che meno. La mia domanda è per riuscire a cambiare vita cosa dovrei e come dovrei fare? La mia domanda naturalmente si estende anche al fatto che cosa dovrei fare per riuscire a diventare diciamo uno dei migliori!

    • Ciao Luca, dipende da cosa vuoi fare: vuoi arrotondare e avere altre entrate oltre a quella da camionista o vuoi proprio cambiare lavoro? il network marketing è un ottimo modo per intraprendere un’attività part-time e iniziare a “farsi le ossa”. Ti consiglio comunque di leggere anche questo articolo https://intraprendere.net/12566/guadagnare-online/ in cui troverai molte altre idee. Per il resto ti posso consigliare di visitare la nostra sezione sul cambiamento dove troverai qualche consiglio utile e pragmatico per mettere in pista una nuova attività, ecco qui il link https://intraprendere.net/r/cambia-mentalita/. In bocca al lupo!

  6. Salve, e complimenti per l’articolo. Molto utile! Bisogna, come avete scritto voi, aprire gli occhi ed informarsi bene prima di intraprendere questo tipo di lavoro. Io conosco un azienda italiana abbastanza giovane ma molto forte, che ha avuto una crescita esponenziale negli ultimi anni grazie alla qualità del prodotto ma anche ai compensi degli incaricati che sono molto soddisfacenti. Non chiede nessun investimento iniziale e ti da la possibilità di svolgere quest’attività nel tuo tempo libero. Il network marketing è un opportunità da considerare!

  7. Ciao e benvenuti a tutti voi, ho sempre privilegiato il network marketing come nuova formula magnifica per lavorare dignitosamente con classe, cultura, e grande desiderio di crescere professionalmente ogni giorno riscuotendo i propri guadagni prefissati all’inizio della carriera. La mia scelta di intraprendere la strada professionale del marketing network è stata dettata e maturata a termine del mio ciclo di studi in maturità classica a pieni voti e il proseguimento degli studi universitari umanistici. Quando ho iniziato a studiare e ho dovuto anche lavorare per mantenermi agli studi , ho capito molte cose e aspetti negativi del lavoro presso il privato. Qui nel lavoro privato sono stato truffato da ignoranti datori di lavoro falliti già all’inizio della loro carriera commerciale e di cui non ho neanche riscosso la mia liquidazione di lavoro che mi spettava di diritto. Fortunatamente ci sono anche buoni datori di lavoro, ma io ho avuto il peggio. Ed ecco la mia scelta definitiva di intraprendere la strada del network marketing che mi ha portato a guadagnare il mio denaro sudato e sacrificato oltre a studiare il marketing e rimanere sempre aggiornato con corsi di formazione professionale naturalmente a mie spese all’inizio e poi quando ho incontrato l’azienda giusta per me ecco arrivare i risultati soddisfacenti, quando si pronuncia la leggendaria frase: “Al posto giusto con le persone giuste”. Per intraprendere e realizzarsi nel network marketing, la prima cosa da fare è CREDERCI, continuare e affermarsi giorno dopo giorni, i risultati ci sono sempre. Grazie.

  8. Meritocrazia? In un modello economico come in quello del NM la meritocrazia vale solo per gli addetti dell’ennesimo livello k ed entrati nello stesso istante t.
    Poi delle aziende nominate il rapporto Fatturato/distributore è estremamente basso, nonchè dall’earnings disclosure delle aziende si evince che la maggior parte dei networkers ha un NETTO negativo. Il fatturato è un valore lordo, guadagni una percentuale sulla vendita diretta ed una percentuale sul lordo totale.
    I modelli economici del distributore (ne sono stati sviluppati 4 o 5 negli ultimi anni) evidenziano le difficoltà economiche che si riscontrano in un modello il cui numero di distributori cresce e che come conseguenza di ciò le vendite “esterne” al sistema crollano. Quindi gli ultimi che entrano potrebbero essere dei consumatori buoni o dei pessimi venditori, ma lo saranno non a causa loro bensì di una situazione di mercato che gli impedirà di agire come i predecessori*.

    *nota
    La saturazione dei mercati è un argomento che viene studiato. attualmente più 1/120 italiani (totali, non solo chi può farlo) fa network marketing. Bisogna dire che i circa 540.000(fonte Avedisco) lo fanno per varie aziende e con prodotti differenti, tuttavia se consideriamo solo la parte di popolazione che può svolgere tale attività e la disomogeneità nella distribuzione, vediamo che ci sono zone da considerarsi sature mentre altre ancora accessibili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here