finanziamenti imprenditoria femminile, finanziamenti startup, imprenditoria rosa, imprenditrici, finanziamenti per imprenditrici




Spesso sono i finanziamenti per l’imprenditoria femminile a fare la differenza, dando respiro ad attività che farebbero fatica ad emergere senza fondi di start-up.

Secondo una delle ultime ricerche di Unioncamere, le imprese femminili muovono l’Italia e la sua economia: lo studio mette l’accento sulla capacità di queste aziende in rosa di generare più consumi in un circolo virtuoso di crescita e innovazione.

I dati sulla diffusione dei business guidati da donne parlano chiaro: le imprese femminili in Italia al 2018 erano 1,3 milioni, in aumento del 2,7% rispetto al 2014. E anche se i numeri in merito sono consolanti, avviare e trasformare un’impresa in un progetto di successo non è ancora cosa facile.

Le imprese al femminile sono tutte quelle riconosciute dalla legge n°21/1992, dentro la quale sono inseriti tutti i requisiti numerici che un’azienda dovrebbe avere per rientrare nella categoria.

Finanziamenti a fondo perduto e finanziamenti agevolati per donne sono solo alcuni dei supporti che gli enti pubblici e la Comunità Europea offrono alle imprenditrici: è necessario sapere dove cercare, come attivarsi per partecipare e come compilare i bando per poter accedere.

Punto più importante: è importante sapere a che tipo di impresa si afferisce e a quale categoria fare riferimento per poter cercare il fondo più interessante e adatto all’attività.

Se stai pensando di aprire un’impresa al femminile e hai bisogno di supporto per la ricerca di fondi, abbiamo reperito per te i bandi per i finanziamenti per l’imprenditoria femminile più interessanti e attivi che potrebbero dare una mano alle fasi di partenza del tuo business.

Finanziamenti imprenditoria femminile: i finanziamenti a fondo perduto

Tra i più apprezzati e cercati tra i fondi di sostegno all’imprenditoria femminile ci sono i Finanziamento a fondo perduto.

Si definiscono finanziamenti a fondo perduto tutti quei contributi in arrivo da enti pubblici o società finanziarie pubbliche, che puntano a sostenere nuovi business e imprese soprattutto nelle prime fasi di avviamento, che spesso prevedono investimenti importanti oppure a consolidare quelli esistenti.

Il fondo perduto implica che non è necessario restituire i capitali perché gli enti pubblici considerano il prestito come una sorta di investimento per accrescere l’imprenditoria e migliorare l’economia in un dato settore.

Per accedere a un finanziamento a fondo perduto è necessario che venga emanato un bando, che può avere entità nazionale o regionale. Chiunque abbia un progetto può presentarlo seguendo le indicazioni del bando e sono in arrivo dalla Comunità europea, che dispone di un capitale dedicato proprio a questo tipo di attività.

Come trovare i bandi a fondo perduto?

Uno degli strumenti più validi per ricercare i bandi attivi regione per regione è il sito contributiregione.it. Un altro validissimo strumento è il portale dedicato alle imprese in rosa di Unioncamere, dove vengono aggiornati non solo i bandi ma anche i corsi di formazione e i seminari dedicati al tema.

Agevolazioni e fondi di garanzia per l’imprenditoria femminile

Le agevolazioni e i fondi di garanzia sono ulteriori supporti che il Governo e gli enti pubblici forniscono agli imprenditori. Il più importante è il Fondo di Garanzia per le PMI, istituito con Legge n. 662/96 (art. 2, comma 100, lettera a) e operativo sin dal 2000.

In questo caso non si tratta di un fondo in denaro ma di una concreta opportunità di accesso a fondi senza garanzie, che risultano essere molto competitivi per gli imprenditori.

Il sito per accedere a tutte le informazioni si chiama fondidigaranzia.com.

Finanziamenti agevolati donne 2019: il Protocollo d’intesa per lo sviluppo e la crescita delle imprese femminili

Istituito dal Dipartimento per le Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri, il Protocollo d’intesa per lo sviluppo e la crescita delle imprese femminili è un fondo di garanzia nato il 4 giugno 2014 che è stato recentemente prorogato fino al 31 dicembre 2019.

Di cosa si tratta? Sono finanziamenti bancari, ottenuti con la collaborazione di 37 banche per un plafond totale di un miliardo e 448 milioni di euro di fondo dedicato a facilitare l’accesso al credito delle imprese in rosa.

Le categorie supportate dal protocollo sono tre, dedicati rispettivamente:

  • Ai nuovi investimenti per dare nuova linfa a un’impresa femminile o alla libera professione (“Investiamo nelle donne”);
  • Alle start-up (“Donne in Start-up”);
  • Alle situazioni di crisi (“Donne in ripresa”).

Il fondo è rivolto a imprese individuali gestite da donne, ma anche a cooperative e società composte da almeno il 60% di quote rosa; infine, alle società di capitali le cui quote di partecipazione sono possedute per due terzi da donne e i cui organi di amministrazione siano costituiti per almeno i due terzi da donne.

Perché questo protocollo può aiutare le aziende al femminile? Oltre al supporto economico, questo fondo permette la sospensione del capitale dei finanziamenti erogati: una volta sola e per un periodo massimo di 12 mesi, ad esempio in caso di gravidanza dell’imprenditrice.

Contributi Europei, come si accede: siti e strumenti online

Un’altra grande risorsa per gli imprenditori sono i contributi europei, fondi stanziati dall’UE per promuovere a accrescere il business in un dato paese.

Il sito contributieuropa.com è il portale online più ricco di informazioni con tutti i bandi attivi e le modalità di accesso: grazie a un motore di ricerca interno è possibile filtrare per interessi, grandezza dell’impresa e area geografica per rintracciare il bando più interessante.

Anche il sito trovabando.it raccoglie il meglio dei fondi attivi per orientarsi nel mondo dei finanziamenti senza sbagliare.

Nuove imprese a Tasso zero, incentivi per donne e giovani entro i 35 anni

Nuove Imprese a tasso zero è un incentivo dedicato a giovani e donne entro i 35 anni che scelgono di diventare imprenditori. Il tasso zero sul finanziamento è applicabile su progetti con spese fino a 1,5 milioni di euro: una copertura quasi totale dell’investimento (fino al 75%).

Dal lancio sono più di 400 le imprese finanziate, per un totale di 101 milioni di agevolazioni concesse: la domanda va inviata online tramite gli strumenti digitali e viene valutata per merito, in base al progetto e alla sua entità.

Sei alla ricerca del business da poter lanciare? Cliccando qui trovi le idee più innovative del momento!





Giovanna Gallo
Digital Editor professionista, da oltre 10 anni Giovanna Gallo si occupa di studio e sviluppo strategie content e social per multinazionali. Collabora con numerosi magazine online e note riviste femminili.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here