come trovare lavoro con internet

Come trovare lavoro in questa era sempre più digitalizzata?

L’avvento di Internet e dei social network ha infatti rivoluzionato il nostro modo di relazionarci, inclusa la ricerca di impiego.

Gli annunci di lavoro sono più accessibili ma, soprattutto, gli stessi recruiters possono avvalersi della Rete per conoscerci ancor prima del colloquio. Il cosiddetto “Social Recruiting”.

Quindi, se ti stai chiedendo come trovare lavoro oggigiorno, assicurati prima di tutto che la tua immagine in rete sia pulita.

Come trovare lavoro: controlla la tua reputation online

Tutto ciò che condividiamo sul web (testi, foto, video) lascia per sempre una traccia nella nostra digital reputation.

L’immagine social è, infatti, sempre più correlata alla vita reale.

Contenuti condivisi talvolta con superficialità o ironia, soprattutto se decontestualizzati, potrebbero non farti apparire per quello che sei (o che vorresti mostrare al futuro datore di lavoro).

 

Uno degli elenti cardine di come trovare lavoro è dunque controllare le impostazioni sulla privacy dei tuoi profili Facebook, Twitter, LinkedIn, Instagram, perfino i vecchi  blog. Decidi se i tuoi post (o nei quali vieni taggato) e le informazioni del profilo saranno visibili soltanto agli amici o se renderli pubblici.

Potrai differenziare la privacy dei singoli post, facendo però attenzione di volta in volta.

Al contrario, potresti impostare la privacy pubblica su elementi rilevanti, non soltanto in merito alla carriera, ma riguardo le tue passioni o le cause in cui credi (es. volontariato).

Aggiorna il profilo LinkedIn e usa i social network come arma di personal branding a tuo vantaggio. Ti permetteranno di aggiungere valore alla tua figura, al di là dei classici curriculum vitae e lettera di presentazione.

Come trovare lavoro su internet?

come trovare lavoro
Sfrutta i tuoi profili social per creare una rete di contatti professionali

Il primo consiglio su come trovare lavoro, è consultare i siti delle aziende alle quali sei interessato.

Spesso troverai la sezione “Lavora con noi”, nella quale inserire una candidatura spontanea o proporti per posizioni disponibili.

Cerca offerte di lavoro sugli svariati portali. Tra i più diffusi: Infojobs, Jobrapido, Stepstone, Monster, Indeed, Subito, senza dimenticare le agenzie interinali come Adecco e Manpower.

Infine, i social network. Anche LinkedIn ha una sezione dedicata agli annunci di lavoro. Potrai decidere se far sapere ai recruiter che sei alla ricerca di impiego (nel rispetto della privacy, per quanto possibile, in modo da non farlo sapere all’attuale datore di lavoro). Scopri qui come potenziare il tuo profilo LinkedIn.

Non sottovalutare anche Facebook e il potere del passaparola, utilizzando il tuo profilo come una vetrina.

Su entrambi i social network, condividi contenuti utili e crea una rete di contatti che includa colleghi, professionisti e autorità del tuo settore.

Per ottenere il lavoro che desideri, devi saper vendere te stesso.

Fai attenzione a frodi e annunci truffa

Consultando gli annunci di lavoro, potrebbe capitare di incappare in truffe. Ti suggeriamo alcuni semplici accorgimenti:

  • Diffida da annunci troppo brevi, scritti in italiano maccheronico, che non riportano il nome dell’azienda.
  • Proposte di lavoro troppo vantaggiose o promesse di guadagni facili dovrebbero insospettirti. Se è troppo bello per essere vero, probabilmente non lo è.
  • Non fidarti di chi richiede un contributo economico o formazione a pagamento. Un’azienda seria non chiederebbe mai soldi in cambio dell’assunzione.
  • Fai attenzione agli indirizzi email dai quali vieni contattato, evita di cliccare link esterni o fornire dati personali: potrebbe essere un tentativo di phishing.

Come trovare i contatti giusti

Soprattutto agli inizi della tua ricerca, potresti mandare fino a 100 candidature prima di ottenere un lavoro.

Sfrutta dunque le connessioni come opportunità.

Talvolta, il processo di selezione è ben definito (ad esempio attraverso bandi di concorso). In questi casi, non potrai che seguire il percorso indicato.

Ma in generale, non limitarti a inviare CV in risposta agli annunci. Il tasso di risposta è molto basso, poiché vengono inviate grandi quantità di candidature.

Le opportunità migliori sono quelle meno competitive, che seguono spesso un iter “nascosto”. Potrebbe trattarsi ad esempio di piccole aziende in espansione, alle quali puoi approcciarti con metodi non convenzionali.

Individuate le offerte di lavoro o le aziende di tuo interesse, trova i contatti giusti.

Sempre più spesso, i recruiter cercano candidati attraverso la propria rete di contatti sui social network, LinkedIn in primis.

Come trovare lavoro: come candidarti

come trovare lavoro, come trovare lavoro su internet, annunci di lavoro
Meglio avere le idee chiare per quale posizione intendi candidarti

Se conosci già qualcuno che lavori presso l’azienda, mostra iniziativa: non esitare a chiedere un incontro, in modo da saperne di più.

Cerca informazioni sui ruoli ai quali saresti interessato, anche in assenza di posizioni aperte. È preferibile avere le idee chiare su un ruolo specifico, piuttosto che chiedere un lavoro qualsiasi “che si adatti alle mie capacità”.

Durante l’incontro, non ci sarà bisogno di chiedere esplicitamente un lavoro. Una semplice chiacchierata informale potrebbe farti segnalare spontaneamente alle Risorse Umane. Otterrai un vero e proprio colloquio, evitando i tradizionali iter di selezione.

Se non conosci qualcuno personalmente, individua chi potrebbe avere un’influenza sull’assunzione.

Scrivi un’email per entrare in contatto e cerca di procurarti un incontro per instaurare una relazione.

Instaurare relazioni online e offline, mostrando il tuo interesse e le tue competenze, potrà condurti all’agognato lavoro.

Rivolgendoti alla persona giusta, la tua candidatura non andrà smarrita tra migliaia di altri curriculum o in caselle email non pertinenti.

Curriculum Vitae e Lettera di Presentazione

In ogni caso, che si tratti di candidarti spontaneamente o rispondere a un’offerta, il tuo primo biglietto da visita sarà il curriculum vitae.

Come abbiamo già visto qui, in esso dovrai raccontare tutto di te: esperienze lavorative, studi, competenze e punti di forza.

Altrettanto importante è la lettera di presentazione, che servirà a farti notare subito, rispetto ad altri candidati. Mettiti nei panni dei selezionatori che ricevono candidature ogni giorno e cerca di distinguerti con una presentazione efficace!

7 dritte per prepararti ad affrontare il colloquio

Ecco una lista di 7 suggerimenti su come prepararti per affrontare un colloquio:

  1. Cerca informazioni su azienda e intervistatore attraverso Google e social network. Questo ti aiuterà a stabilire una relazione di valore e usare le informazioni a tuo vantaggio.
  2. Prepara alcune domande, per meglio comprendere le sfide affrontate dall’azienda. Discuti di come apporteresti un contribuito utile.
  3. Prepara 3 punti di forza. Ad esempio: 1) in passato ho già fatto questo lavoro con successo; 2) sono estremamente interessato alla vostra azienda; 3) ho già in mente di cosa potrei occuparmi.
  4. Prepara esempi concreti in merito a questi punti. Piuttosto di un generico “Sono un instancabile lavoratore”, meglio raccontare un obiettivo raggiunto realmente, lavorando sodo.
  5. Focalizzati sugli elementi più importanti. Molte persone si concentrano su dettagli non rilevanti, pur di riempire i cv e avere qualcosa di cui parlare al colloquio. Meglio concentrarsi su uno o due risultanti concreti, che potranno impressionare il tuo interlocutore.
  6. Preparati sulle domande ricorrenti.
    1. Parla di te. Racconta la tua storia e il tuo percorso, scegliendo due/tre punti chiave.
    2. Perché vuoi questo lavoro.
    3. Domande per l’intervistatore, in merito all’azienda e come sia lavorare per essa.
    4. Domande comportamentali inerenti l’esperienza lavorativa (“Mi parli di una volta in cui…ha mostrato leadership, ha lavorato in gruppo, ha fallito, ha avuto successo…”).
  7. Esercitati. Parla ad alta voce o con un amico, cercando di dare risposte brevi ma efficaci.

Prepararti prima, ti consentirà di ricordare i punti chiave sui quali vuoi focalizzarti.

Se non riuscirai a ottenere il lavoro desiderato, puoi provare a candidarti per un’altra posizione. Quando un superiore ha un posto libero, spesso preferisce promuovere qualcuno in cui ripone fiducia, piuttosto che iniziare un nuovo processo di selezione.

Quando negoziare

Una volta ottenuta un’offerta, molte persone sono talmente felici o trovano indelicato negoziare, da non tentare nemmeno. Ma pochi minuti di contrattazione, possono garantirti benefici negli anni avvenire.

Potresti chiedere di lavorare con uno specifico team, orari più flessibili, lavorare da remoto. Qualsiasi elemento possa fare la differenza nella quotidianità.

Non avere paura. Il processo di assunzione richiede molto tempo ed energie: una volta ottenuta una proposta concreta, è improbabile che si lascino sfuggire il candidato migliore. Nel peggiore dei casi, si limiteranno all’offerta iniziale.

Naturalmente, non sempre è appropriato negoziare:

  • Non è indicato per offerte standardizzate, i cui contratti non possono essere modificati (es. pubblica amministrazione).
  • Non farlo, inoltre, se sei poco più qualificato rispetto agli altri candidati o se non hai alternative.
  • Non farlo durante il colloquio, prima di aver ottenuto reali proposte di lavoro.

Come negoziare

Spiega il tuo valore e perché sarebbe legittimo concederti i benefit richiesti. L’ideale è cercare soluzioni vantaggiose per tutti. Alcuni esempi potrebbero essere:

  • Vorrei migliorare questa procedura, che incrementerà i vostri guadagni. Mi piacerebbe dunque avere un bonus.
  • Altrove, professionisti con la mia esperienza, vengono retribuiti [es. cifra] / possono lavorare da casa due giorni la settimana. Ma sarei interessato a lavorare per la vostra azienda, potete eguagliare l’offerta?
  • Sono motivato ad acquisire competenze, quindi mi piacerebbe lavorare al fianco di [X].

Eventualmente, potrai (ri)negoziare dopo aver cominciato a lavorare. Fai del tuo meglio, il tuo superiore non vorrà perdere qualcuno che lavori egregiamente.

Come trovare lavoro: resta motivato

Se un colloquio non dovesse andare a buon fine, resta motivato.

Impara da ogni esperienza, annota cosa è andato male e cosa sarebbe potuto andare meglio.

La ricerca di un lavoro potrebbe rivelarsi estremamente difficile. Probabilmente trascorrerai la maggior parte del tempo in solitudine. Stabilisci allora degli obiettivi, come discuterne con 5 persone ogni settimana. Parlarne con altre persone ti aiuterà a restare focalizzato.

Unisciti a qualcun altro a caccia di lavoro, per condividere progressi e contatti. Chiedi consigli a chi ha trovato un impiego da poco.

Se sei bravo nel tuo lavoro – e coltivi le tue connessioni attraverso i social network come LinkedIn – riuscirai a farti notare.

Infine, continua a sviluppare le tue abilità e dai una occhiata alla nostra guida ai corsi di formazione.





2 Commenti

  1. Da questo momento in poi il mio obiettivo sarà fare soldi soldi e solo soldi attraverso la rete. Voglio pensarla alla grande e rivoluzionare la mia vita!

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here