Soft skill

Ti è mai capitato durante la lettura di un annuncio di lavoro di leggere “skills richieste”? Sapevi che esistono le soft skills e le hard skills?

La guida di oggi è dedicata ai lavoratori che stanno cercando di scoprire e valorizzare le proprie competenze per scrivere un curriculum più completo e per migliorare la propria posizione lavorativa; ma può essere utile anche ai datori di lavoro per trovare dipendenti più efficienti.

In questo articolo cercheremo di analizzare quali sono le più interessanti skills professionali e qualche metodo per renderle evidenti sul curriculum, nel tuo profilo LinkedIn o ai colloqui di lavoro.

Cosa sono le skills

Le skills sono le abilità, le competenze e i talenti propri di un individuo. Ogni competenza può essere affinata con un certo tipo di esercizio e risultare utile per svariate mansioni, da quelle della vita quotidiana a quelle professionali.

Esistono 4 tipi principali di skills:

  • Sapere: la conoscenza teorica di un argomento.
  • Abilità: saper fare, saper applicare in campo pratico quelle nozioni teoriche.
  • Saper essere: capacità di relazione e interazione con gli altri individui.
  • Idoneità fisiche: necessarie per alcuni tipi di lavoro strettamente regolamentati da questo punto di vista.

Differenze tra hard skills e soft skills

Le skills si dividono in hard skills e soft skills ed entrambi i versanti sono fanno parte ciò che definisce il tuo profilo professionale ed è quindi fondamentale riuscirle ad individuarle con obiettività per poter aspirare al lavoro dei tuoi sogni.

Continua a leggere quindi per avere una visione più chiara di questi due mondi.

Definizione di hard skills

Le hard skills sono le competenze tecniche, misurabili o certificabili.

Includono, per esempio, i titoli di studio, le esperienze professionali passate, il grado di competenza nelle lingue o in campo informatico.

È fondamentale per il datore di lavoro conoscerle e valutarle: ad esempio se è alla ricerca di un professionista che curi i contatti con la Francia, sarà necessario per lui conoscere, già dal curriculum, il grado di conoscenza della lingua richiesta del candidato.

Non sono però le sole abilità e competenze di cui dovrebbe tenere conto.

Definizione di soft skills

Qual è il significato di soft skills?

Le soft skills sono competenze trasversali. Per la precisione sono tutte le abilità intangibili, non misurabili da parametri schematici, che però possono influenzare positivamente o negativamente l’operato di un lavoratore.

Le soft skills riguardano perlopiù i macrocampi della produttività, della velocità di apprendimento e dell’organizzazione.

In parole povere riguardano l’aspetto comportamentale e il modo in cui si approcciano le situazioni quotidiane in un ambiente di lavoro.

Esse sono tutt’altro che secondarie nella scelta del candidato. Distinguono infatti il semplice esperto dal professionista.

Come si acquisiscono le soft skills?

Lo sviluppo delle soft skills (e il loro grado) dipende dall’ambiente di crescita e dalle esperienze dell’individuo, che può aver maturato più competenze in un certo settore piuttosto che in un altro.lavori del futuro, addetti alle vendite

Ad esempio, i fratelli maggiori o i genitori tendono ad essere più organizzati nella gestione del tempo rispetto ai figli unici, chi ha lavorato a contatto con il pubblico tende ad essere più persuasivo nell’esposizione di una tesi, e così via.

Non tutto ovviamente dipende dall’educazione e dalle esperienze: molte abilità trasversali possono essere infatti raffinate frequentando dei corsi ad hoc o adottando delle piccole misure quotidiane.

Ad esempio si può migliorare la propria capacità di public speaking frequentando un corso specifico oppure frequentando un corso di teatro o allenandoti ad esporre un argomento davanti ad uno specchio o davanti ad amici e parenti.

Oppure si può migliorare la propria capacità di esposizione nella scrittura, se non si ha la possibilità di frequentare un corso di scrittura, leggendo frequentemente e allenandosi alla scrittura aprendo un blog (scopri qui come fare).

Le 7 Soft Skills Fondamentali per Trovare Lavoro

Sono 7 però, in particolare, le skills estremamente significative nel campo lavorativo. Andiamo ad analizzarle nel dettaglio.

1. Comunicazione

Non esiste lavoro senza comunicazione. Con i clienti o con i colleghi, con i fornitori o con i dipendenti, non puoi sperare di avviare e mantenere nessun business senza comunicare.

Alcune abilità particolarmente significative che possono essere rapidamente elencate sono:

  • Il brainstorming. Rendere chiara la propria idea nel corso di un confronto creativo.
  • La capacità relazionale e comunicativa scritta e oraleSaper scrivere mail o sostenere telefonate coincise ma chiare, dialoghi aperti e disponibili al confronto, curati dal punto di vista linguistico.
  • L’ascolto positivoLa capacità di rendere un dialogo utile alla comunicazione, parlandosi onestamente, confrontando le idee e valutando le varie possibilità, ma senza mai aggredire l’interlocutore.
  • La persuasioneLa capacità di convincere l’interlocutore della validità della propria tesi.

2. Public speaking

Che tu sia un relatore, un aspirante startupper o un dipendente che deve esporre un progetto, ti capiterà di dover parlare ai tuoi colleghi, superiori o sottoposti oppure a dei potenziali investitori.soft skills, cosa sono le soft skills, cosa sono le skills

Raffina questa abilità, diventa persuasivo, impara ad accettare positivamente e costruttivamente i feedback che ricevi dalla platea.

Ecco le abilità ad essa legate:

  • Capacità di articolazione. Esporre con chiarezza e semplicità è assolutamente indispensabile.
  • Saper creare delle presentazioni. Mai sottovalutare il concept grafico e di contenuti di una presentazione. Potrai avere l’idea del secolo ma se la tua presentazione non è degna di darle il lustro che merita rischi di autosabotarti. Una buona presentazione deve essere chiara, concisa, esteticamente bella e capace di cogliere l’attenzione dell’interlocutore. Non temere, dal punto di vista grafico esistono dei tools del settore, come Canva, che ti aiuteranno a creare presentazioni che potranno lasciare il segno.
  • Confidence. In italiano è intesa come “avere fiducia in se stessi”, lasciando trasparire ciò con la sicurezza nell’esposizione delle proprie tesi.
  • Essere in grado di recepire i feedback del pubblico. Saper interpretare i segnali dei tuoi interlocutori ti pone in una posizione di vantaggio, anticipando eventuali dubbi o divergenze.

3. Lavoro di squadra

Un bravo professionista deve poter lavorare bene con il proprio team. Che ne sia a capo o che ne faccia parte, un professionista deve possedere necessariamente delle competenze interpersonali.

Le competenze inerenti sono:

  • Risoluzione dei conflitti. Saper sedare i conflitti è vitale per non rischiare uno stallo nello sviluppo del lavoro.
  • Team building. Saper costruire un gruppo, valorizzando i membri del gruppo e le idee dei componenti.
  • Team management. Saper gestire un gruppo di lavoro per riuscire a raggiungere il massimo dei risultati.

Sapevi che esistono delle pratiche di team building? Clicca qui per saperne di più.

4. Gestione del tempo

Le competenze organizzative sono fondamentali nella gestione del lavoro, infatti saper gestire le tempistiche nel modo corretto è ciò che può fare la differenza fra un successo e un disastroso crack.

  • Puntualità. Saper rispettare le scadenze ti aiuterebbe a non ritrovarti con l’acqua alla gola e a conquistare il rispetto e la fiducia dei tuoi colleghi e del tuo datore di lavoro.
  • Organizzazione. Gestire con ordine le tasks ti permettere di non “perderti i pezzi”.

5. Leadership

Al di là della mansione che ti ritroverai a dover svolgere avere doti di leadership ti sarà utile in qualsiasi posizione professionale.

Queste sono alcune delle competenze connesse:

  • Saper lavorare sotto pressione. Significa saper gestire le situazioni stressanti e non farsi prendere dal panico.
  • Budgeting. Ovvero saper gestire un budget.
  • Gestione degli imprevisti. Non perdersi d’animo e saper affrontare le criticità può davvero fare la differenza.

Se vuoi saperne di più leggi le 5 chiavi per ispirare leadership.

6. Flessibilità

Per ogni lavoro è richiesta una certa quantità di disponibilità a modificare in corsa piani, obiettivi e strategie. Pensa flessibile!

  • Impara a cambiare idea. Gli imprevisti possono succedere e bisogna essere in grado di cambiare idea in corso d’opera.
  • Affina il problem solving. La capacità di trovare una soluzione strategica ad un problema, efficace ma in poco tempo.

7. Abilità personali e interpersonali

Le abilità personali e interpersonali sono moltissime, ognuna utile a migliorare la propria carriera e in generale i rapporti personali.

Esercita la pazienza e la capacità di dialogo, aumenta responsabilità e autocoscienza, rispetta l’etica del tuo mestiere, renditi disponibile ad imparare ogni giorno, a creare nuove relazioni produttive con qualunque persona incontri.

Come usare le skills per scrivere un curriculum

Le soft skills sono utilissime per redigere il proprio curriculum. A seconda del tipo di esperienza il datore di lavoro o la persona incaricata di analizzare i curriculum osserverà la presenza di certe capacità.

Ad esempio:

Azienda XXX – posizione: addetto vendite in negozio – Attività di vendita in negozio, assistenza al cliente, gestione del magazzino.

Leggendo un’esperienza professionale di questo tipo, il recruiter osserverà come il candidato avrà sicuramente sviluppato doti persuasive (necessarie nel mondo delle vendite) e pazienza, per gestire le richieste dei clienti. Se sono queste le doti che sta ricercando, il curriculum potrebbe entrare nella rosa dei possibili candidati.

Ci sarebbero altre svariate migliaia di skills, di competenze e talenti utili per migliorarsi la vita e il lavoro. Pensa in modo creativo: ogni esperienza che hai fatto, ogni situazione che hai incontrato, anche le più negative, hanno lasciato un residuo conoscitivo in te.

Analizzalo e sfruttalo positivamente e costruttivamente per migliorare la tua posizione, per diventare il capo, il collega, il cliente o il dipendente che tutti vorrebbero avere.

Conosci il networking? Sapevi che ai giorni nostri è uno degli elementi cardine nella ricerca di un impiego? Scopri come cercare il lavoro dei tuoi sogni in 3 step grazie al networking!





LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here