come diventare imprenditore, come diventare un imprenditore

Ti sei sempre chiesto come diventare un imprenditore?

Ebbene l’austriaco Joseph Schumpeter, uno dei maggiori economisti del XX secolo, non voleva rassegnarsi ad una visione neoclassica del mercato, dove tutto si risolveva nella spasmodica ricerca di un equilibrio tra domanda ed offerta. Nella sua opera più celebre, “Teoria dello sviluppo economico” individuava un soggetto rivoluzionario, in grado con il suo dinamismo, di influenzare fortemente l’andamento dei mercati.

Questa figura pseudo mitologica era l’imprenditore.

Scusa la divagazione storica, ma non preoccuparti. Non starò qui ad ammorbarti con una playlist di teorie economiche. Ti sei mai chiesto che cosa contraddistingue l’imprenditore da un lavoratore comune?

In prima battuta, direi senza dubbio l’essere un visionario. Non pensare ad uno squilibrato o ad uno scienziato pazzo, piuttosto immaginalo come colui che vede ciò che gli altri non vedono, e in qualche modo lo realizzerà.

È un portatore di innovazione, e l’innovazione nasce dalle idee. Per diventare un imprenditore non ti servirà una scorta di idee, ma te ne basterà una ben congeniata.

Come diventare un imprenditore partendo da zero? Come trasformarsi in imprenditori di successo? Ti sembreranno due domande poste agli antipodi, ed invece hanno un unico denominatore comune.

Tienilo sempre bene a mente: un’idea è alla base di qualunque attività imprenditoriale, possa essere fallimentare oppure di successo. Senza un’idea non esisterebbe alcun imprenditore.

Da tempo ti frulla in testa qualcosa che potrebbe cambiare la tua vita? Ci credi con tutto te stesso? Allora la veste dell’imprenditore potrebbe calzarti perfettamente.

Come diventare un imprenditore: le 5 dritte fondamentali

Chissà quante volte sul Web avrai letto articoli che promettevano di svelarti la formula magica per ottenere un successo imprenditoriale. Io di mestiere non faccio il mago, e soprattutto non faccio l’illusionista. La vita dell’imprenditore non è per nulla facile, e richiede un enorme spirito di sacrifico.

Essere imprenditore significa anche essere i propri datori di lavoro, e per far crescere la propria impresa, dovrai mettere a disposizione tutto il tuo tempo. Spesso le giornate lavorative saranno lunghe e massacranti, e almeno inizialmente, le vacanze le potrai sognare solo attraverso le cartoline che riceverai dai tuoi amici. Mi dispiace essere così tremendamente realista.

Se non sarai già scappato lontano da questo articolo, è il momento anche di parlarti degli aspetti positivi e delle 5 dritte utili per diventare un imprenditore di successo.

L’imprenditore è senza tempo, ovvero non è mai troppo tardi per iniziare questo genere di attività. Pensa ai principali imprenditori di successo: spesso sono partiti da zero e hanno svolto le attività più disparate prima di affermarsi.

Mi viene in mente ad esempio Michel O’Leary, Ceo di Ryanair, che iniziò la sua carriera lavorativa svolgendo la mansione di barista, per giungere passo dopo passo alla sua posizione attuale.

1. Sii perseverante

Ogni imprenditore dovrebbe far propria la filosofia dello “step by step”. Il successo non cala dal cielo, ma va costruito con il tempo. Data per assodata la tua idea imprenditoriale, dovrai essere perseverante.

2. Non smettere mai di imparare

Non sottovalutare mai le tue esperienze lavorative precedenti, ma riutilizza le conoscenze acquisite durante gli anni e apportale nello sviluppo della tua impresa. Steve Jobs in uno dei suoi discorsi più famosi esortava la platea di studenti davanti a sé con uno “Stay hungry”.

Sii anche tu sempre affamato di formazione, recupera la curiosità, e cerca di aggiornarti ed innovarti costantemente. Solo così potrai tenere il passo dei tuoi competitors.

3. Alimenta la tua passione

Vitalizza sempre quella passione che ti ha spinto ad investire per creare una tua impresa. L’idea è il telaio del tuo veicolo utile per percorrere la strada verso il successo; la passione è il suo motore. Non scordare mai di alimentarla.

L’imprenditore è un visionario, colui che vede ciò che gli altri non vedono, e in qualche modo lo realizzerà

4. Investi su di te

Sviluppare un’impresa significa investire nella propria idea, ed investire a sua volta significa mettere in gioco e rischiare le proprie risorse economiche e mentali. Non avere troppo timore di rischiare se stai investendo in qualcosa in cui veramente credi.

Personalmente sono dell’opinione che il rischio sia una componente fondamentale nella vita di ognuno di noi. Rifletti sulle cose che compongono la tua quotidianità, e noterai che molte di queste le hai ottenute proprio investendo qualcosa di te. Rischia e, anche se ti potrei sembrare controtendenza, sbaglia!

5. Impara dagli errori

Impara dagli errori, analizzandoli e soprattutto confrontandoti con esperti del settore in cui stai promuovendo la tua attività nascente. Poche righe sopra ti citavo l’importanza della formazione nel tuo iter per diventare un imprenditore.

Non sta solo in quello che potrai apprendere a livello teorico da qualche libro, ma risiede soprattutto da quello che imparerai direttamente sul campo con l’esperienza quotidiana.

Se ancora ti stai chiedendo come diventare un imprenditore, ti risponderò in maniera molto coincisa: passione, perseveranza, creatività, formazione, istinto e rischio.

Cosa si cela dietro ad ogni imprenditore

Poco fa sottolineavo l’importanza del rischio in ogni attività imprenditoriale. E giustamente l’istinto gioca un ruolo importante in ogni scelta strategica. Nota bene però che un imprenditore non è un giocatore di poker che tenta di ottenere il maggior profitto possibile attraverso un all-in, mettendo così a rischio la totalità delle proprie risorse.

I rischi vanno sempre calcolati e analizzati.

Per questo motivo alla base di ogni nuova attività c’è lo sviluppo di un business plan, il quale è concretamente il documento dove viene esposta la “business idea” e si delineano le possibili strategie per concretizzarla, indicando anche costi e rischi d’investimento illustrati con appositi grafici.

Solitamente un business plan non dovrà essere un tomo enciclopedico, ma semplicemente una decina di pagine molto leggere e facilmente comprensibili. Tale programmazione non sarà solamente utile all’ideatore, ma un business plan ben strutturato potrà attirare possibili investitori e darà maggiori garanzie alle finanziarie.

Come diventare un imprenditore: l’unione fa la forza.

Quante volte da bambino sia a scuola che nello sport avranno provato ad inculcarti l’importanza del gioco di squadra. Il mercato è probabilmente il più grande campionato mondiale al quale possono partecipare pressoché infinite società. Per raggiungere le vette della classifica, anche tu dovrai attorniarti di un’equipe vincente.

Essere imprenditore vuol dire anche essere consapevole dei propri limiti, e pian piano che la tua impresa crescerà ti renderai conto di non essere in grado di gestire tutto da solo.

Se vorrai mantenere un certo livello di efficienza, dovrai appunto circondarti di collaboratori competenti. Oltre alle competenze sarà necessario che essi condividano la tua stessa visione d’impresa, diventando così un formidabile “A-Team”.

Scopri come dare vita ad un’ottima gestione delle risorse umane cliccando qui.

L’importanza della comunicazione aziendale per diventare un imprenditore

Per diventare un imprenditore non basta avere un’idea per creare un’azienda; bisogna anche saperla comunicare.

Tieni sempre ben presente il target a cui vorrai rivolgerti, e utilizza un linguaggio facilmente fruibile per esso. Cura i diversi mezzi di comunicazione a tua disposizione.

Nell’era del Web è imprescindibile un sito web o un blog, i quali non dovranno essere un freddo bigliettino da visita abbandonato in rete, ma dovranno essere costantemente aggiornati e arricchiti. Ricordati di non essere un venditore, e perciò il tuo obiettivo non sarà la vendita, ma la loyalty, ovvero conquistare la fiducia del tuo cliente. E, come in un rapporto famigliare o di amicizia, non dovrai mai deluderla.

Ti stai ancora chiedendo come si diventa imprenditori? I dubbi ti assalgono? Prova a smettere di pensare almeno per un attimo, inizia a credere e scopri i 15 buoni motivi per metterti in proprio.

Per diventare un imprenditore avrai bisogno di trovare il business giusto per te, trovalo facendo il quiz di Intraprendere





LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here