libertà finanziaria
data-full-width-responsive="true">



Quanti soldi vuoi guadagnare in un anno? Dovresti iniziare a chiedertelo, se non lo hai mai fatto. E’ molto facile darsi una risposta ma fino a quando non ci avrai veramente pensato sarà impossibile determinare cosa dovrai fare per arrivare al tuo stipendio obiettivo o alla libertà finanziaria.

Quando avevo vent’anni, mio padre mi fece sedere e mi fece la stessa domanda, di punto in bianco. Il consiglio che mi diede ha cambiato radicalmente il modo in cui oggi penso al lavoro e mi ha aiutato nella mia carriera.

Gli ho detto che volevo guadagnare 100.000 euro l’anno. All’epoca avevo pensato che fossero un sacco di soldi. Lavorerai per circa altri 30 anni, mi disse. Quindi, quanti soldi arriverò a fare nella mia vita? Feci due conti: 3 milioni di euro.

Mi chiese se fossi contento di tale importo. Se non lo ero, cosa avrei fatto?

Mio padre era un uomo intelligente. Tre milioni non sono poi così tanti su un arco temporale di 30 anni, togliendo le tasse e tutte le spese necessarie per vivere. La matematica non mi aiutava: la vita è breve, e quella cifra non mi sembrava abbastanza per un’intera vita di lavoro. Quando guardai l’ultima busta paga, non ne ero più felice, ed iniziai a riflettere su come fare più soldi.

Mio padre mi disse che l’unico modo per creare ricchezza era quella di trovare una opportunità di business che avesse un effetto di scalabilità e che non richiedesse la mia presenza. Mi ci è voluto del tempo per capire che cosa volesse dire. L’ultima parte era abbastanza facile. Mi spiegò: “Un medico può solo aiutare tante persone in un giorno. Un avvocato può solo vincere tanti casi.” Per creare una grande ricchezza , avevo bisogno di trovare qualcosa che non richiedesse le mie mani e la mia presenza. Abbastanza sensato, pensai.

Il primo concetto era invece più complicato: Che cosa significa avere un effetto di scalabilità? Mi disse che avrei dovuto creare qualcosa che potesse essere utilizzato più e più volte – che la gente non smettesse mai di utilizzare. In altre parole, mi spiegò il concetto di royalty. Questo riuscivo perfettamente a comprenderlo.

Oggi, ci sono molti esempi di modelli di business che condividono queste caratteristiche come per gli sviluppatori di APP o i franchise. E, naturalmente, ci sono innumerevoli esempi di metodi più tradizionali, come il mercato azionario, le obbligazioni e gli immobili.

Per me, il concetto di scalabilità di un modello di business era tremendamente attraente. Alcune persone traggono piacere e soddisfazione dall’essere padroni del loro mestiere, di creare con le proprie mani giorno dopo giorno (se anche tu la pensi così ti consiglio di leggere le nostre 45 idee imprenditoriali per inventarsi un lavoro). Io sono un po’ diverso. Volevo fare soldi e volevo essere in grado di fare cose nuove, per sfidarmi costantemente in modi nuovi.

Quanti soldi vuoi fare? Come hai intenzione di farli? Trovare il mio modello scalabile – scrivere un libro, tenere corsi, rivendere le mie idee – mi ha permesso di vivere dove voglio, con delle persone che lavorano per me altrove ed essere quindi il capo di me stesso. Ti da un incredibile senso di libertà. Per me ha funzionato.

Non sto dicendo che sia una cosa alla portata di tutti. Ma vorrei che ti chiedessi in modo critico quanti soldi vuoi fare. E fare i conti.


Aspetta! Scopri 7 idee di business su misura per te!


Cerchi una idea di business che ti renda un vero imprenditore e che ti calzi a pennello?

Quello che ti propongo infatti non è solo un modo per arrotondare, ma per dare vita ad una vera e propria attività commerciale su misura per te.

Scopri 7 idee di business per metterti in proprio






Anna Porello
Imprenditrice digital e cuore pulsante di Intraprendere. Fonda la sua prima startup di entertainment geolocal nel 2006 venduta a una nota azienda italiana. Dopo anni come consulente nei processi di digitalizzazione di grandi imprese, decide di dedicarsi a Intraprendere.net, che co-fonda nel 2016.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here