telelavoro
data-full-width-responsive="true">



Fare telelavoro, ovvero lavorare da casa per aziende o come liberi professionisti è il sogno di molte persone, ma non sempre quando si inizia a fare un lavoro a distanza ci si trova bene come si penserebbe.

Il problema dello smart work sta nel riuscire a distinguere al meglio gli orari in cui si lavora, e quelli in cui invece si può vivere la propria quotidianità.

A differenza del lavoro tradizionale, lo smart work permette al dipendente di un’azienda di lavorare comodamente a casa e negli orari che preferisce, a condizione che porti a termine i progetti o i compiti che gli sono stati affidati.

La normativa per lo smart working (Legge 81/2017) recita: il lavoratore che opera con un contratto di lavoro a distanza, o da casa, ha gli stessi diritti di ferie, malattie e orari di un dipendente tradizionale.

Quindi se hai un contratto con un’azienda, il lavoro a distanza ti darà gli stessi diritti contrattuali, l’unica differenza sarà che non devi recarti in ufficio e che devi gestire da solo il tuo tempo.

Qualunque sia il rapporto di telelavoro che hai stipulato, sicuramente vuoi sapere come riuscire a organizzarti al meglio, e lavorare da casa con successo.

Come riuscire a gestire al meglio il telelavoro

Ecco perché abbiamo raccolto per te i 9 tips che ti aiuteranno a raggiungere risultati concreti anche lavorando a distanza.

1. Separa la vita lavorativa da quella privata

Un rischio che corrono spesso coloro che iniziano un’attività di smart working è proprio la confusione che si va a creare tra ambiente domestico, vita privata e vita lavorativa.

Tant’è che, secondo una ricerca, i lavoratori da casa tendono alla fine a lavorare troppo, dedicando al lavoro più ore di quanto dovrebbero. Per riuscire a bilanciare al meglio la tua vita lavorativa e familiare, devi organizzarti degli orari di lavoro, stabilire delle linee guide (tipo dire ai parenti di non disturbare in specifici orari).

Inoltre, dovresti crearti le tue pause e delegare ciò che devi fare in casa prima di andare al lavoro o dopo. Inoltre, è bene organizzare uno spazio all’interno della tua abitazione dedicato completamente al lavoro e a nessun altro tipo di attività, così il resto della casa potrà essere vissuta per la vita domestica e familiare.

2. Preparati al meglio per andare al lavoro (anche se fai telelavoro)

Può sembrare strano, specie all’inizio, trovarsi a lavorare a casa. Quindi s’inizia a stare in pigiama tutto il giorno, magari ci si trascura un po’. Questo è un comportamento totalmente errato. Anche se lavori da casa, devi comportarti come se stessi andando a lavorare in ufficio.

Ti alzi, fai colazione, ti lavi e vesti, se può farti stare meglio puoi anche uscire a prenderti un caffè al bar e poi tornare nel tuo ufficio a casa e iniziare a lavorare. Vestirsi e aggiustarsi per il lavoro, anche se da casa, dà una marcia in più, inoltre ti permette di gestire al meglio eventuali videoconferenze improvvise.

3. Stabilisci i tuoi orari

Come accennato all’inizio, può sembrare strano, ma spesso chi lavora da casa tende a lavorare troppo, perché non si dà orari. E così si rischia di stare sempre con la mente sul lavoro da fare, anche 24 ore al giorno.

Per liberarti da questo problema devi scegliere di impostare degli orari specifici, un programma da rispettare, che puoi adattare alle tue esigenze di vita quotidiana.

Ad esempio, hai bisogno del martedì mattina libero? Allora imposterai il lavoro dalle 14:00 alle 20:00. Hai bisogno del pomeriggio liberò? Allora imposti il tuo lavoro di mattina. Insomma, in base ai tuoi impegni puoi stabilire al meglio i tuoi orari da “ufficio”.

Per approfondire:

4. Suddividi la tua giornata di telelavoro

Se vuoi essere più produttivo e gestire in modo più flessibile il lavoro, un’altra buona idea per lo smart working è suddividere le ore lavorative. Ad esempio, puoi impostare la sveglia alle 6:00 e iniziare a lavorare dalle 8:00 alle 11:00.

Poi puoi fare una pausa per effettuare i tuoi servizi, andare in palestra o pranzare e completare il tuo orario di lavoro dalle 14:00 alle 19:00. Suddividendo la giornata in due parti, stanchi meno la mente e al contempo riesci ad essere più produttivo al lavoro.

5. Imposta l’ambiente nel migliore dei modi

Ti abbiamo già detto che non devi mescolare l’ambiente casalingo con quello lavorativo, anche se in realtà coincidono. Per lavorare al meglio devi creare una zona di lavoro interamente dedicata a te e alla tua attività.

Lavorare sul divano dinanzi alla televisione oppure in camera da letto può essere controproducente e stancante, inoltre può portare diverse distrazioni. Quindi creati il tuo ufficio, magari scegli una stanza della casa con una porta, così ti distrarrai il meno possibile.

6. Evita di monitorare sempre il tuo telefono personale

Negli orari in cui lavori, il telefono personale dovrebbe essere il più possibile lasciato da parte come succede quando sei realmente in ufficio.

Se proprio lo vuoi tenere vicino a te per le emergenze, comunica ai tuoi parenti e amici i tuoi orari di lavoro e chiedigli di chiamarti solo se è realmente urgente. Inoltre, disattiva la connessione ad Internet, così eviterai di distrarti leggendo i messaggi su WhatsApp e Messenger oppure navigando sui Social Network.

Per approfondire:

7. Non rinchiuderti in casa

Per riuscire a spezzare la routine e non avvertire il senso della solitudine, puoi scegliere una volta alla settimana di organizzarti per lavorare fuori.

Ad esempio, puoi scegliere di lavorare da remoto in una biblioteca oppure in una caffetteria o in un coworking, il brusio della gente, il sapere di non essere soli a volte aiuta a migliorare l’umore.

Non tagliare del tutto i rapporti umani.

Inoltre, cerca di raggiungere ogni tanto anche l’azienda, magari per un pranzo con i colleghi, per una cena con loro o semplicemente per un caffè.

Come affermato dalla fondatrice di Hera Hub (uno spazio di coworking), è importante collegarsi ogni tanto ad una rete di persone per non avvertire il senso di solitudine che può dare il telelavoro.

8. Se non sei produttivo, lavora in un secondo momento

Una mattina ti svegli e non ti senti abbastanza concentrato o pronto a lavorare? Non vuoi lavorare nelle tradizionali ore, come quelle che facevi quando eri in ufficio? Con il telelavoro, uno dei principali vantaggi è poter scegliere quando lavorare.

Quindi se ti senti più produttivo dopo pranzo, puoi lavorare in quelle ore, oppure la sera o al mattino presto. In questo senso non hai limitazioni, l’importante è impostare degli orari e scegliere quelli in cui sai di poter dare il meglio di te.

9. Qualche volta premiati per il tuo impegno

Lavorando da casa, potrebbe arrivare in secondo piano il premiarsi per il duro lavoro svolto. Magari pensi solo a pagare le bollette e l’affitto.

Ma risparmiando il viaggio sino all’ufficio puoi scegliere di utilizzare quei soldi per regalarti qualcosa che desideri. Qualunque sia il regalo che desideri, ogni tanto premiati, il tuo umore e il tuo benessere ti saranno sicuramente grati.

Come abbiamo visto saper gestire il proprio tempo è una skill fondamentale per poter fare telelavoro. Quello che forse non sai è che cliccando qui troverai 7 pratici metodi infallibili per gestire al meglio le tue mansioni e i tuoi impegni. Scoprili tutti!


Aspetta! Scopri 7 idee di business su misura per te!


Cerchi una idea di business che ti renda un vero imprenditore e che ti calzi a pennello?

Quello che ti propongo infatti non è solo un modo per arrotondare, ma per dare vita ad una vera e propria attività commerciale su misura per te.

Scopri 7 idee di business per metterti in proprio






Redazione di Intraprendere
La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here