come diventare nutrizionista




Sei appassionato di tutto ciò che riguarda una corretta alimentazione? E allora ti sei mai interrogato su come diventare nutrizionista?

Nel nostro paese la situazione obesità non è la migliore. Una recente ricerca dell’Università di Padova ha lanciato l’allarme sull’ascesa dell’obesità infantile: un bambino su dieci ne è afflitto. Di questi tempi domandarsi come diventare nutrizionista potrebbe essere una più che valida scelta professionale.

Prima di capire concretamente come diventare nutrizionista, definiamo meglio questa figura professionale. Il Consiglio Superiore della Sanità definisce il nutrizionista come:

Uno specialista dell’alimentazione umana di diversa estrazione professionale medica e non, che a diverso titolo opera nel campo dell’alimentazione.

Spiegato in maniera meno tecnica, il nutrizionista è un professionista che si cura di ogni aspetto riguardante i regimi alimentari, e nel caso, può anche prescrivere delle diete. Probabilmente ora ti starà solleticando la mente una domanda: qual è la differenza tra dietologo e nutrizionista?

La differenza consiste innanzitutto nel percorso di studi. Un dietologo per essere abilitato alla professione deve seguire un corso di laurea in Dietologia. È un percorso di studi triennale, che una volta conseguita la laurea, abilita direttamente all’esercizio della professione, senza il bisogno di sostenere un esame di stato per essere iscritti all’albo.

Esiste anche un’altra differenza di natura più pratica: il dietologo potrà somministrare delle diete solo con una dovuta certificazione medica prescritta da un dottore competente.

In sostanza si rivolge solo a soggetti che presentano delle patologie mediche certificate. Il nutrizionista ha invece una maggiore libertà d’azione, potendosi rivolgersi sia a persone sane che a persone con delle patologie.

Come diventare un nutrizionista

Esiste un corso per diventare nutrizionista? Sì, ma solo di natura accademica. Inoltre il nostro sistema universitario non prevede alcun corso di laurea per nutrizionisti, ma la classe di studio per accedere a questo tipo di professione è la biologia.

Quindi, se volessi definire in maniera scientifica questo tipo di figura professionale, il termine corretto sarebbe biologo nutrizionista.

Perciò come diventare biologo nutrizionista? È necessario conseguire una laurea magistrale in Biologia, e successivamente sostenere l’esame di stato per l’iscrizione all’Ordine Nazionale Biologi. Solo dopo il superamento di questo step, potrai essere abilitato alla professione di nutrizionista.

Nelle università italiane negli ultimi anni è stato attivato un corso di specializzazione in Scienze dell’Alimentazione, il quale non è vincolante per l’esercizio della professione, ma costituisce un surplus.

Il nutrizionista rimane una professione medica, e perciò richiede un aggiornamento continuo. Se stai pensando a come diventare nutrizionista tieni a mente questa caratteristica.

Durante la tua carriera in questo settore, per poter offrire un servizio professionale all’altezza dovrai stare al passo delle ricerche e degli studi del campo, e nel caso, aggiornarti anche attraverso un apposito corso per nutrizionista proposto direttamente dall’Ordine.

Le skill che deve avere un nutrizionista

Riflettiamo su come diventare nutrizionista. Abbiamo dato per assodato l’obbligo di un percorso universitario per poter svolgere questo tipo di lavoro. E allora quali altre skill dovrà avere un nutrizionista?

Il biologo nutrizionista è un professionista che si interfaccia in maniera diretta con i suoi utenti.

Come potrai immaginare, non potrai esimerti da cordialità e gentilezza.

Impara ad ascoltare le esigenze, i dubbi e le perplessità dei tuoi clienti, e non essere mai un mero somministratore di ricette.

Cambiare le proprie abitudini alimentari non è un obiettivo facilmente raggiungibile. Per alcune persone gli effetti del cibo sono paragonabili a quelli di una droga. Per questo motivo dovrai essere anche un ottimo motivatore, e mostrare al tuo cliente che con la calma e tanta forza di volontà, passo dopo passo, potrà raggiungere le finalità preposte.

Hai mai sentito parlare di time management? Più i tuoi clienti cresceranno, e maggiormente dovrai imparare a gestire il tuo tempo. Armati di agenda, e organizza ogni tua giornata lavorativa nel minimo dettaglio!

Dove lavora un nutrizionista?

Stai ancora riflettendo su come diventare nutrizionista e soprattutto in quali strutture svolgere il tuo lavoro? Beh le possibilità sono svariate. Potresti aprire una partita iva e decidere di diventare un libero professionista aprendo un tuo studio.

Se sei intimorito dagli investimenti necessari per metterti in proprio, potrai puntare sull’assunzione diretta in strutture pubbliche e private. Per quanto riguarda il comparto pubblico potrai essere messo sotto contratto in strutture ospedaliere o Asl, mentre nel settore privato le possibilità sono molteplici: palestre, centri fitness e spa.

Inoltre non dimenticare che prima di essere un nutrizionista sarai un biologo, e perciò volendo, potrai impiegarti nella ricerca legata al mondo dell’alimentazione, ottenendo un contratto direttamente con un’università o con qualche altro istituto di ricerca.

Quanto guadagna un nutrizionista?

Stabilire delle cifre precise su quanto guadagna un nutrizionista non è così semplice. Nel paragrafo precedente ti ho parlato delle numerose possibilità di impiego che riguardano il nutrizionista.

Nel caso tu voglia lavorare per il Servizio Sanitario Nazionale riceverai uno stipendio standardizzato, il quale si attesta solitamente intorno ad una cifra superiore ai 1.600 euro mensili.

L’ambito di impiego meno retribuito è probabilmente quello della ricerca in campo universitario. Un ricercatore che riesce ad entrare attraverso un bando in un dottorato di ricerca, sarà solitamente contrattualizzato per tre anni con uno stipendio base di circa 1.000 euro.

Probabilmente la scelta maggiormente remunerativa resta quella della libera professione.  Una consulenza privata presso un nutrizionista costa comunemente intorno agli 80 euro. È pur vero che scegliendo di mettersi in proprio sarai sottoposto a tutta una serie di onori fiscali e di spese per il mantenimento del tuo studio.

Nonostante ciò, potrai però comunque allargare le tue entrate offrendo consulenze in altre strutture private, come ad esempio le palestre, oppure offrendo dei corsi di educazione alimentare.

Spero che questa breve guida abbia diradato un po’ dei tuoi dubbi in merito a questa professione. Se fai tua la filosofia del mangiar sano, ed hai tanta voglia di studiare, scegliendo la professione di nutrizionista potrai andare incontro a notevoli soddisfazioni!

Sei ancora alla ricerca della tua professione? Clicca qui per scoprire qualche dritta utile per guadagnare davvero!





Redazione di Intraprendere.net
La redazione di Intraprendere è formata da un team specializzato in ogni aspetto riguardante il mondo dell’imprenditoria: da come acquisire il giusto mindset per iniziare alle migliori tecniche per promuovere il tuo business.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here